Piramide dei contenuti per il blog: cos'è e come funziona?

Hai un blog e vuoi creare la giusta strategia di contenuti e non rimanere mai a corto di idee? Scopri i vantaggi della piramide dei contenuti per il blog e come costruirla al meglio!
Tempo di lettura: 8 minuti
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
piramide dei contenuti blog

Per sviluppare una strategia di successo per il blog è necessario avere un piano di content marketing ben strutturato.

Corso completo in WEB & DIGITAL MARKETING

Riorganizzare al meglio tutte le idee di contenuto che si possono creare per il blog all’inizio può sembrare difficile, sia in termini di realizzazione del piano editoriale sia per la creazione di contenuti che siano in grado di coinvolgere al meglio gli utenti.

Una soluzione all’organizzazione di una buona strategia di content marketing per il blog è la piramide dei contenuti.

Questo non è un trucco “magico” in grado di sostituire il duro lavoro necessario per gestire il blog, ma è bensì un metodo per riuscire a creare un piano editoriale ottimale ed efficiente. 

Ma vediamo nel dettaglio cos’è e come funziona la piramide dei contenuti!

Cos'è una piramide dei contenuti

La piramide dei contenuti è un mezzo da sfruttare per riuscire a organizzare al meglio guide, articoli e notizie da pubblicare sul blog.

Grazie alla costruzione di una piramide per i contenuti del blog è possibile: organizzare al meglio la strategia di content marketing, garantire la giusta coerenza, rafforzare il proprio brand, trasmettere le giuste informazioni e creare anche un buon coinvolgimento dei lettori.

Corso completo in WEB & DIGITAL MARKETING

La piramide dei contenuti prevede una costruzione che vede posizionati sempre in alto quelli che hanno maggior valore per il blog, approfondimenti dettagliati, lunghi e approfonditi, oltre che corredati anche da risorse come video, infografiche oppure pdf scaricabili, o collegati ad un e-book.

In questo caso, dunque si realizzano i contenuti centrali del blog, quelli che lo identificano nell’argomento trattato e che permettono di raggiungere al meglio gli utenti in target.

Leggi anche: 10 segreti per scrivere blog post velocemente

Scendendo verso il centro della piramide ci sono i contenuti derivati ossia quelli che di solito derivano da quelli principali.

Possono essere approfondimenti dedicati a specifici contenuti principali, e sono utili per riuscire ad aggiornare settimanalmente il blog.

Infine, alla base della piramide ci sono contenuti che sono correlati all’argomento principali, ma che si presentano anche più leggeri, frizzanti e in grado di interessare gli utenti con letture più leggere, come: notizie giornaliere, interviste, articoli dedicati a micro-argomenti ecc…

Dunque, la piramide dei contenuti, non è altro che un mezzo per riuscire a creare un piano editoriale più consapevole e gestire di conseguenza al meglio il proprio blog.

Come funziona la piramide dei contenuti per un blog

Come costruire la giusta piramide dei contenuti? La realizzazione di una piramide di content marketing per il blog prevede diverse fasi.

Partiamo dalla punta della piramide, dedicata ai contenuti più rilevanti per l’argomento trattato e il target di riferimento, fino a raggiungere la base con contenuti in grado di informare e divertire gli utenti.

La cima della piramide: Contenuti principali

In cima della piramide ci sono i contenuti principali quelli che caratterizzano la struttura del blog.

Quando si apre un blog, di certo, si ha ben in mente quale sia l’argomento principale da trattare e il taglio editoriale che si vuole dare al proprio spazio di informazione.

Facciamo un esempio: hai deciso di creare un blog sulla cucina francese.

Corso completo in WEB & DIGITAL MARKETING

I contenuti principali saranno quelli che sviscerano il focus del blog, il dettaglio dell’argomento e soprattutto che permettano al blog di posizionarsi per le parole chiave più indicate per il tuo target di utenti.

Nel caso della cucina francese: dovrai creare un contenuto su questa specifica parola chiave “Cucina francese” in quanto è il cuore pulsante dell’argomento che andrai a trattare sul blog.

Leggi anche: Come trovare nuovi argomenti per un blog verticale

I contenuti principali possono dunque essere creati facendo un’attenta ricerca delle keyword più importanti rispetto al settore di riferimento.

Ogni contenuto dev’essere di una lunghezza media sulle 1000 o meglio ancora 2000 parole, e dev’essere corredato da: immagini, mappe, infografiche o video, ecc…

Oltre alla lunghezza del contenuto bisogna tener a mente il search intent della parola chiave e inserire correttamente tutti i paragrafi che sono relativi a questo, in modo tale da creare un contenuto che risponda appieno alle esigenze e richieste dell’utente.

Torniamo al nostro esempio: main topic “Cucina Francese”, ora all’interno di questo contenuto principale dovrai trattare tutti gli argomenti che hanno lo stesso focus della main keyword come:

Cucina francese piatti tipici, storia della cucina francese, piatti della cucina francese, gastronomia francese ecc…

Questo contenuto principale, main article o cornerstone, ti aiuterà anche a creare gli articoli di approfondimento, che poi potrai collegare tra loro con la giusta link building interna, andando a migliorare anche il posizionamento SEO del sito.

Ad esempio: il main topic è Cucina Francese, all’interno dell’articolo cornerstore hai scritto un paragrafo sulle principali ricette francesi; ora scrivi un articolo per ogni ricetta francese citata in quello principale.

Corso completo in WEB & DIGITAL MARKETING

Fatto ciò nell’articolo principale potrai linkare tutti gli approfondimenti, e in questo caso tutte le ricette nel dettaglio.

Questa struttura non solo è più chiara ma permette anche all’utente di trovare i contenuti di suo interesse, aumentando così il tempo di permanenza sul blog.

Secondo step della piramide: i contenuti informativi

Dopo aver creato i contenuti che sono alla base del blog e che quindi si presentano come “sempreverdi” ossia che non hanno bisogno di aggiornamenti costanti, si può passare a quelli informativi.

I contenuti informativi sono caratterizzati da diversi articoli di pilastro che permettono al blog di crescere.

A differenza dei contenuti principali che vanno scritti all’apertura del blog, e che possono essere integrati con nuovi testi anche ogni sei mesi, quelli di approfondimento devono avere una cadenza almeno settimanale.

Questi contenuti sono sempre approfonditi, ma in grado di sviscerare gli argomenti correlati al meglio, offrendo agli utenti maggiori informazioni e rispondendo al loro intento di ricerca.

Per la creazione di questi contenuti, puoi sempre aiutarti con i SEO tool, per capire quali sono gli argomenti e di conseguenza le keyword che vengono maggiormente digitate dagli utenti su un determinato argomento.

Leggi anche: Food Blogger: cos'è, cosa fa, come diventarlo?

Ad esempio, tornando al nostro blog sulla cucina francese, adesso che hai creato tutti i contenuti principali, devi iniziare a seguire una struttura chiara che ti permetta di trattare al meglio i vari argomenti correlati a quello principale.

In questo caso, dunque andrai a realizzare articoli sulle:

  • Ricette dei primi piatti francesi
  • Ricette dei secondi di carne francesi
  • Ricette dei dolci francesi
  • Ricette degli antipasti francesi

Per ogni categoria dunque andrai a creare degli articoli approfonditi al fine di spiegare ogni ricetta al meglio.

In questo caso potrai corredare l’articolo anche con delle immagini, oppure un video tutorial, una ricetta scaricabile e stampabile sia da PC sia da smartphone ecc…un sistema per fare il check degli ingredienti sullo smartphone e via dicendo.

Naturalmente, questo è un esempio su un blog di cucina francese, ma il ragionamento è identico per qualunque altro argomento.

In definitiva, il contenuto principale sarà quello che creerai all’inizio a sostegno del main topic del blog, nella seconda fascia della piramide invece ci saranno quelli che permettono di strutturare i contenuti al fine di sviscerare man mano gli argomenti principali del blog.

Terzo step della piramide: contenuti educativi

Al centro della piramide possiamo mettere i contenuti educativi e quelli basati sulle ricerche con chiave a coda lunga.

In questa fase del calendario editoriale per il blog vanno inseriti, dunque, articoli quali:

  • “Come fare per….”
  • “10 modi per riuscire a…”
  • “I migliori 10…”
  • “Dove trovare…”
  • “Perché usare questo prodotto X ti aiuterà…”

Questi articoli possono basarsi dunque, su contenuti che generano informazione e che educano l’utente o che comunque lo aiutano a risolvere un dubbio.

Leggi anche: Piano editoriale: cos'è, a che serve, come farlo

Non solo si possono realizzare in questa fase articoli di approfondimento sulle cosiddette keyword a coda lunga.

Una long tail keyword che potremmo ad esempio sfruttare sul blog a tema “cucina francese” potrebbe essere:

  • Cosa mangiare a Parigi?
  • Chi ha inventato la cucina francese?
  • Quando nasce la cucina francese?
  • Le 10 migliori ricette della cucina francese

Questi sono approfondimenti sono non solo utili ad avere sempre pronti argomenti nuovi da scrivere nel proprio blog, ma permettono anche di raggiungere più facilmente quegli utenti che fanno domande specifiche.

Un consiglio: in questa fase della piramide dei contenuti, puoi creare anche guide e liste che contengano “prodotti in affiliazione” o che consigliano l’acquisto di specifici oggetti da cucina o libri.

Contenuti del genere sono utili per riuscire a monetizzare con il blog.

Leggi anche: È possibile guadagnare con un blog?

Ad esempio, potrei scrivere articoli come:

  • I migliori libri della cucina francese (mettendo per ogni libro un link di affiliazione e guadagnare con le eventuali vendite)
  • Gli strumenti da cucina necessari per la cucina francese
  • Come scegliere la migliore pentola da fondue

Tutti questi articoli sono pensati per indurre l’utente non solo a ricevere un’informazione potenzialmente interessante, ma anche per tentare di monetizzare mediante le affiliazioni e quindi l’acquisto di uno dei prodotti proposti dal partner al quale ci si è affiliati, inserendo il relativo link oppure un banner.

La base della piramide dei contenuti: divertire e intrattenere l’utente

Alla base della piramide dei contenuti troviamo gli argomenti che possono divertire e intrattenere l’utente.

Gli articoli di questo tipo non devono seguire obbligatoriamente le indicazioni SEO o rispondere a determinate domande, come può succedere nei contenuti cornerstone oppure nei pillar.

I contenuti per divertire e intrattenere hanno un altro scopo: essere sfruttati per attrarre gli utenti sul blog attraverso i social media oppure mediante Google News.

Oggi sui social media, come Facebook e Twitter, è già difficile che le persone scelgano di leggere un contenuto sul blog, in quanto preferiscono, guardare video e immagini.

Per riuscire a convogliare traffico sul sito però ci sono dei contenuti che ancora funzionano, ossia quelli legati a curiosità e notizie.

Leggi anche: Come inserire un sito in Google News e aumentare le visite

Leggere qualcosa di nuovo, di diverso stimola molto più facilmente l’utente a fare click sul link.

Ecco perché si possono sfruttare i contenuti alla base della piramide sui social network e per riuscire a inserirsi su Google News.

Per Google News bisogna studiare un piano di notizie giornaliere da scrivere per informare gli utenti su un determinato settore e le sue novità.

I contenuti per i social media, potranno essere costituiti sia dalle news, sia da articoli che destino interesse e curiosità.

Questi contenuti non devono essere troppo lunghi, l’importante è che riportino l’argomento in modo esaustivo.

Quali sono i vantaggi principali

Creare una piramide dei contenuti offre diversi vantaggi a coloro che scelgono di utilizzare questo metodo per la costruzione del piano editoriale per il blog.

Ecco alcuni dei vantaggi principali di una piramide dei contenuti per il blog!

Coerenza dei contenuti

Il primo vantaggio per la costruzione di una piramide dei contenuti è la possibilità di creare un piano editoriale coerente e improntato a raggiungere diversi obiettivi.

I contenuti cardine hanno l’obiettivo di posizionare il sito per l’argomento principale (ad esempio cucina francese).

I contenuti correlati permettono di raggiungere gli utenti in target che fanno ricerche relative al main topic (ricette francesi).

I contenuti educativi sono quelli che permettono di incuriosire e rispondere alle domande degli utenti.

Infine, con quelli alla base della piramide si possono convertire gli utenti dei social media e quelli che navigano su GNews.

Leggi anche: Come sfruttare gli articoli di blog sui canali social

Un modello scalabile

Uno dei vantaggi della piramide dei contenuti è che è possibile creare un modello scalabile che si può ampliare man mano che aggiungi nuovi canali di marketing e hai bisogno di realizzare a loro supporto nuovi testi, video, infografiche ecc…

Ad esempio, se decidi di monetizzare il blog con i guest post, potresti trovare anche per loro uno spazio all’interno della tua piramide, e integrare la pubblicazione di questi contenuti con quelli che già fanno parte del tuo piano editoriale.

Una pianificazione migliore

Spesso un blog rischia di andare alla deriva o di diventare confuso e non in linea con le richieste degli utenti a causa della mancanza alla base di un piano editoriale attento.

Una pianificazione dei contenuti, sfruttando il sistema piramidale, permette di: capire quando e quali contenuti scrivere, con le giuste cadenze giornaliere, settimanali e mensili.

In questo modo si andrà a realizzare un piano editoriale coerente, efficiente e che ti permette di creare un progetto chiaro e più semplice da seguire.

Non rimarrai mai a corto di idee

Infine, una buona piramide dei contenuti, che parte dalla creazione di testi dettagliati e ad alto valore giungendo a quelli più semplici e accessibili, ti offre la possibilità di trovare sempre nuove idee.

A volte, infatti, il blocco dello scrittore o del blogger, arriva proprio dalla mancanza di idee su quali contenuti creare.

Grazie a questo piano ben strutturato non avrai più problemi di questo tipo, perché il tuo piano editoriale sarà completo e ricco di idee!

Leggi anche: Come trovare idee originali per gli articoli del blog

Un supporto alla tua strategia SEO

Infine, seguendo una struttura chiara e con vari livelli di approfondimento dei contenuti, puntando a topic, keyword e query di ricerca specifici dei tuoi utenti in target otterrai dei vantaggi anche per la tua strategia SEO.

Questo vuol dire che riuscirai a creare un progetto chiaro che sarà in grado non solo di fidelizzare i lettori ma anche di aumentare e migliorare il tuo posizionamento sui motori di ricerca.

Leggi anche: Consigli SEO per blogger: 7 punti da rispettare

Conclusione

Abbiamo visto come costruendo una semplice piramide dei contenuti sia possibile strutturare un progetto editoriale per il blog che funzioni davvero nel corso del tempo.

Realizzare la piramide, creando naturalmente un piano in grado di diventare scalabile e di adattarsi alle novità, ti permette di lavorare in modo più preciso al tuo blog e di raggiungere risultati che all’inizio possono sembrare impossibili.

Corso completo in WEB & DIGITAL MARKETING
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

SOLO PER VERI

DIGITAL MARKETER

Ricevi i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!

Silvia Faenza

Silvia Faenza

Silvia lavora dal 2015 come content writer e ghostwriter freelance principalmente in ambito economico, digital marketing ed e-commerce. Si occupa della scrittura di contenuti ottimizzati per blog, giornali web e shop online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Solo per veri
digital marketer

Ricevi via email i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!