12 control check per verificare gli articoli del blog prima di pubblicarli

Hai un blog e sei preoccupato di sbagliare o disseminare errori tra gli articoli scritti? Segui la nostra checklist e scopri i 12 control check per pubblicare articoli perfetti!
Tempo di lettura: 7 minuti
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
blog checklist

Quando si scrivono gli articoli del blog il principale desiderio dell’autore è pubblicare testi di qualità e che piacciano al lettore.

L'offerta più incredibile della storia di Studio Samo

Eppure a tutti possono capitare degli errori e delle dimenticanze, che però possono inficiare il lavoro fatto e mandare online un testo poco corretto, oppure senza l’immagine in evidenza, o con una formattazione sbagliata!

Tutti questi problemi non sono irrisolvibili, certo! Però è sempre un dispiacere pubblicare online, magari per giorni o più, un articolo incompleto o non ben controllato.

Ecco perché oggi vogliamo aiutarti con questa semplice guida e portarti a scoprire quali sono i 12 control check da fare per verificare al meglio gli articoli del blog prima di pubblicarli.

Perché fare un check prima di pubblicare un articolo sul blog

Perché effettuare un control check prima di pubblicare un articolo sul blog?

Il primo motivo è sicuramente evitare di fare una “brutta figura” verso gli utenti che leggono l’articolo, ma non è solo questo che deve spingerti a controllare l’articolo.

Un articolo ben formattato, con una buona immagine in evidenza, con la giusta meta descrizione, un titolo accattivante ecc…può essere anche una risorsa importante per il tuo blog in termini di posizionamento oltre che di conversione dell’utente.

L'offerta più incredibile della storia di Studio Samo

Leggi anche: Come aggiornare i vecchi post del blog in ottica SEO [Guida + Checklist]

Dunque, un articolo che funzioni e che sia ottimizzato sotto ogni punto di vista è molto importante per un blog che vuole essere professionale, distinto, in grado di raggiungere i suoi utenti in target e un buon posizionamento online!

12 passi per controllare gli articoli del blog

Ci sono tantissimi aspetti da controllare in un articolo per gli blog, per comodità e per non dilungarmi eccessivamente, ho scelto i 12 control check più rilevanti, quelli che ti possono permettere di mandare in pubblicazione un testo perfetto per i tuoi utenti e il motore di ricerca.

Controlla sempre data e ora di pubblicazione

Controllare la data e l’ora di pubblicazione è un aspetto che non sempre si prende in considerazione.

Non è insolito che il tema o la piattaforma dove si inserisce il proprio articolo presenti una data e un anno di pubblicazione non aggiornati, o che per sbaglio questa sia errata solo all’interno della sezione dell’articolo.

In alcuni blog, in base al tema trattato, dimostrare che l’articolo è recente diventa molto importante. Per questo motivo controllare sempre la data e l’ora di pubblicazione è essenziale.

Innanzi tutto, l’utente quando vede una data ad esempio “vecchia”, magari non legge il contenuto in quanto non lo ritiene aggiornato con le ultime novità.

Leggi anche: Blog personale o Medium, quale piattaforma scegliere e perché

Inoltre, una data sbagliata potrebbe essere dannosa anche sul motore di ricerca che banalmente potrebbe evitare di posizionare meglio l’articolo perché non lo considera aggiornato (naturalmente questa non è una certezza, ma perché rischiare e non controllare di aver inserito la giusta data?).

Se invece per sbaglio la data è troppo in là nel futuro, potresti non esserti reso conto che l’articolo non risulta pubblicato, quindi visibile agli utenti, ma semplicemente programmato per la pubblicazione nella data e ora inserita.

Dunque, prima di andare avanti il consiglio è di controllare attentamente che sia stata inserita nel post la giusta data e ora di pubblicazione per il tuo nuovo articolo sul blog!

Rileggi il titolo

Il titolo è importante per questo motivo dovrebbe sempre essere riletto prima di inviare l’articolo in pubblicazione.

L'offerta più incredibile della storia di Studio Samo

Il titolo dell’articolo dev’essere: chiaro, coinciso, funzionale al testo, non deve imbrogliare il lettore (clickbait) e si deve presentare perfetto per convertire l’utente sia sui motori di ricerca sia sui social.

Un buon titolo per l’articolo del blog è uno strumento importante per portare più lettori sul blog e aumentare click e conversioni.

Un altro aspetto importante del titolo è il suo valore lato SEO. Il motore di ricerca considera importante il titolo per capire di cosa parla l’articolo e per rispondere in modo corretto alle esigenze dell’utente.

Usare la parola chiave nel titolo, sempre in modo naturale e non eccessivamente forzato, aiuta il posizionamento dell’articolo e permette di aumentare le possibilità, insieme a tutti gli altri fattori importanti, di raggiungere una buona posizione in SERP per quella determinata keyword.

Leggi anche: 10 segreti per scrivere blog post velocemente

Rileggi i contenuti di ogni paragrafo

La rilettura è un altro passo importante da fare prima di pubblicare l’articolo.

Il contenuto è di sicuro una delle parti più rilevanti di un post sul blog, ed errori grammaticali, di sintassi, di formattazione del testo possono rendere complessa la lettura ai tuoi utenti.

Quindi prima di cliccare velocemente su “Pubblica” non esitare a fare un controllo attento del contenuto di ogni paragrafo.

Verifica che: non ci siano refusi, non siano presenti errori grammaticali, non ci siano errori di sintassi, controlla eventuali ripetizioni nel testo, verifica di aver inserito correttamente le parole chiave in modo naturale e senza forzature.

Verifica la struttura del permalink

Il permalink ossia l’indirizzo che comparirà nell'url dopo la pubblicazione dell’articolo e che permetterà agli utenti di cliccarci sopra per riuscire a raggiungere il post sul blog spesso viene ignorato.

L'offerta più incredibile della storia di Studio Samo

Molti lasciano che il permalink si generi da solo, in automatico, ad esempio mostrando solo il numero o codice del post, anziché le giuste parole chiave.

Un buon permalink non dovrebbe essere eccessivamente lungo, dovrebbe contenere la parola chiave e soprattutto deve far comprendere il contenuto di destinazione.

Il permalink, dunque, può sembrare un dettaglio insignificante, ma invece è molto importante sia per aiutare l’utente a raggiungere il sito, sia per mantenere la struttura dei link del tuo blog pulita e facilmente leggibile dal motore di ricerca.

Controlla la sezione autore e che sia corretta la biografia

Vuoi far sapere chi ha scritto i contenuti del blog ai tuoi utenti?

Desideri fidelizzarli e condurli a fidarsi dell’autore del post e di chi lavora sul magazine online che stai gestendo?

Allora non dimenticare mai di controllare la sezione autore e la presenza di una corretta biografia. In primo piano, una buona descrizione autore, con la foto e con la relativa biografia permette di dare all’utente una maggiore sensazione di fiducia e di professionalità.

Inoltre, lo aiuta a comprendere come chi ha scritto il post sia realmente competente nel settore di appartenenza.

Se ti occupi di news o di un blog che vuole o che è stato già incluso su GNews, un altro motivo per controllare la sezione autore e la biografia è proprio quello di soddisfare uno dei requisiti richiesti dalla sezione notizie di Google News, ossia quella di dare un volto ai membri della redazione che si occupano dei relativi contenuti.

Leggi anche: Come inserire un sito in Google News e aumentare le visite

Verifica i collegamenti ipertestuali

Quando si lavora a un articolo del blog è molto probabile che ci si trovi a dover inserire dei collegamenti ipertestuali verso altri articoli o risorse esterne.

Un controllo ai collegamenti è sempre consigliato in quanto si potrebbe sbagliare ad inserirlo e condurre l’utente verso un articolo sbagliato, vero un errore 404 ossia su un link rotto o inesistente.

Avere dei collegamenti errati all’interno del proprio articolo può rendere più difficoltoso il suo posizionamento lato SEO e al contempo essere un disagio per l’utente che è interessato a leggere l’approfondimento proposto.

Per controllare i collegamenti ipertestuali, basta cliccare su di essi quando si apre l’anteprima e verificare che conducano alla pagine di proprio interesse.

Leggi anche: Link Building: guida completa per principianti

Controlla gli H2 e H3

Come il titolo principale, anche i sottotitoli possono rivestire un ruolo importante per l’articolo sia in termini di formattazione del testo sia di posizionamento SEO.

Gli H2 e H3 devono essere studiati al fine di fornire all’utente le giuste informazioni sulla struttura e sulle informazioni presenti all’interno dell’articolo.

Questi andrebbero sempre studiati prima della scrittura dell’articolo, sia per valutare che tutti gli argomenti necessari al soddisfacimento del search intent della parola chiave o dell’argomento prescelto siano rispettati, sia per rendere più agevole la lettura del testo all’utente.

Ad esempio, un utente potrebbe essere interessato solo a una sezione dell’articolo. Grazie ai giusti titoli e sottotitoli può identificarla velocemente e soddisfare il suo interesse senza dover leggere l’intera guida.

Dunque, prima di pubblicare l’articolo controlla di aver inserito al meglio tutti i titoli H2 e sottotitoli H3 necessari alla sua comprensione, e di averli sfruttati in modo ottimale anche lato SEO inserendo al loro interno, quando necessario e possibile, parole chiave correlate a quella principale.

Scegli la giusta categoria

Quando scrivi un articolo questo dev’essere poi necessariamente categorizzato all’interno del blog.

Inserire la giusta categoria è importante sia per aiutare l’utente a trovare tutti gli argomenti di suo interesse in un’unica sezione del blog, sia per far comparire i giusti articoli correlati all’articolo e infine, per mantenere la struttura del blog pulita e comprensibile.

A volte, per la fretta, può capitare di pubblicare un articolo nella sezione “senza categoria” oppure nella categoria di default.

Questo non è certo un errore grave, ma comunque, potrebbe far sì che il post finisca in una sezione errata del blog e non porti i risultati sperati.

Per questo motivo, prima di inviare in pubblicazione l’articolo è consigliato verificare che questo si trovi nella giusta categoria.

Controlla l'introduzione per l'articolo

Una buona introduzione è ciò che porta l’utente a scegliere di continuare a leggere l’articolo o meno.

Finito di scrivere l’articolo, controllare che l’introduzione sia ben fatta è dunque una prassi consigliata.

L’introduzione non dev’essere eccessivamente lunga, deve contenere la parola chiave che caratterizza il contenuto, e dev’essere in grado di convertire l’utente e portarlo verso la lettura dell’intera guida o articolo scritto.

Leggi anche: Piramide dei contenuti per il blog: cos'è e come funziona?

Verifica l'immagine in evidenza

Tutti gli articoli possono avere una o più immagini, tra quelle più importanti c’è sicuramente la cosiddetta immagine in evidenza.

L’immagine in evidenza è quella che compare sia in anteprima sul blog sia sui social media.

Inoltre, è la prima immagine che l’utente vede quando carica la pagina dell’articolo.

Una buona immagine in evidenza dev’essere ottimizzata per il web, non essere sgranata o poco visibile, e si deve presentare leggera, al fine di rendere il suo caricamento veloce.

L’immagine deve anche avere una certa affinità con il contenuto dell’articolo.

Ricordati sempre di inserire nell’immagine in evidenza il tag alt e la descrizione.

La descrizione dell’immagine è importante per permettere ai non vedenti e agli ipovedenti di comprendere qual è l’immagine inserita all’interno del testo.

Scrivi una buona meta description

Ogni articolo del blog ha una meta description. Questa viene inserita all’interno della impostazioni SEO, si può inserire in plug-in come Yoast SEO o Rank Math, oppure in un’apposita sezione che permette di inserire la descrizione.

La meta description è la descrizione pensata per i motori di ricerca, ma anche per far comprendere all’utente quale sia il contenuto e l’argomento trattato all’interno dell’articolo.

Non dimenticare di inserire all’interno della meta descrizione: la parola chiave che hai scelto per l’articolo, una breve descrizione e una call to action per invitare l’utente a leggere il testo.

Leggi anche: Che ruolo ha il blog nel processo di Inbound marketing?

Fai un ultimo check e pubblica il tuo articolo

Una volta che hai controllato passo dopo passo tutte le sezioni indicate ti basterà rileggere il testo e verificare che ogni sezione dell’articolo e impostazione tecnica sia stata rispettata.

Fatto ciò non dovrai far altro che procedere alla pubblicazione dell’articolo del blog, ormai pronto per tutti gli utenti che lo leggeranno!

Conclusioni

Scrivere gli articoli per il blog è di sicuro piacevole per chi ama questo mondo e l’argomento trattato ma è anche un lavoro che richiede attenzione.

Avere una lista che ti aiuti a ricordare cosa fare e controllare prima di procedere alla pubblicazione è davvero utile per essere certo di pubblicare sempre articoli ben fatti e liberi da errori!

Man mano che utilizzerai la lista, noterai come tutto diventerà più automatico, riuscendo così facilmente a raggiungere il tuo obiettivo: post perfetti e liberi da errori.

L'offerta più incredibile della storia di Studio Samo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

SOLO PER VERI

DIGITAL MARKETER

Ricevi i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!

Silvia Faenza

Silvia Faenza

Silvia lavora dal 2015 come content writer e ghostwriter freelance principalmente in ambito economico, digital marketing ed e-commerce. Si occupa della scrittura di contenuti ottimizzati per blog, giornali web e shop online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Solo per veri
digital marketer

Ricevi via email i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!