In SEO

Se siamo d’accordo sul fatto che lo scopo ultimo del marketing è quello di attirare l’attenzione e generare interesse, allora la combinazione di SEO e content marketing dovrebbe essere sempre alla base dell’operato dei brand e dei marketer più intelligenti.

Tutti noi sappiamo che una buona fetta della SEO consiste nel dare visibilità al brand, facendo sì che i clienti possano trovare un sito web. Poi, subito dopo, sarà il contenuto coinvolgente a farli cliccare tra le pagine interne e rimanere sul sito web.

La SEO e il content marketing, se combinati in modo efficace e intelligente, diventano un uno-due imbattibile che definisce l’esperienza e il successo di un brand.

Il mondo digitale di oggi è follemente competitivo e sempre in continua evoluzione. Più di un miliardo di siti web si contendono l’attenzione dei consumatori di oggi. Milioni di nuovi contenuti vengono generati ogni minuto di ogni giorno: blog post, whitepaper, infografiche, video, GIF, aggiornamenti sui social media e molto, molto altro ancora.

Tutto questo nella speranza di influenzare le persone che si trovano ad acquistare un prodotto o un servizio. I clienti sono alla ricerca di soluzioni alle proprie domande e non solo. Trovano marche che utilizzano un numero quasi infinito di dispositivi, canali e piattaforme differenti.

Il 66% dei clienti utilizza più di un canale durante l’intero processo decisionale di acquisto.

Per soddisfare e convertire la domanda dei clienti, compito dei brand è quello di essere visibili, di essere persuasivi e stupire i consumatori in ogni micro-momento possibile con esperienze sorprendenti. Il contenuto è la chiave per costruire queste relazioni e dovrebbe incoraggiare i lettori a riflettere a fondo, cercando così di suscitare emozioni.

Per quanto le persone amino pensare che le loro scelte siano basate su una logica o su fatti concreti, le emozioni e la psicologia sono parti importanti del processo decisionale. La gente ricorda le esperienze, non il testo. Ecco perché le storie “risuonano”. Creare contenuti e storie che risuonano con il pubblico è la chiave per creare coinvolgimento con i contenuti.

Contenuto e SEO: due in uno?

Poiché gran parte del viaggio dell’acquirente avviene attraverso il mondo digitale, i brand devono avere contenuti ottimizzati, coinvolgenti e in grado di raggiungere i clienti ovunque si trovino. E per fare questo i marketer devono ottimizzare i loro contenuti per l’intento di ricerca.

I tipi di ricerche condotte dagli utenti possono aiutare i marketer ad apprendere molto sulle loro intenzioni.

Le ricerche rientrano in genere in uno dei tre tipi di ricerca:

  • Navigazionale: l’utente conosce un brand e utilizza Google o un altro motore di ricerca per trovare quel sito web specifico (ad esempio, “Microsoft”).
  • Informativo: l’utente vuole imparare qualcosa su un’azienda, prodotto o servizio (ad esempio, “quanto costa Microsoft Word”).
  • Transazionale: l’utente inserisce una domanda altamente commerciale, segnalando di essere pronto (o quasi pronto) ad acquistare un prodotto o servizio e (ad esempio, “comprare Microsoft Office”).

Combinando le attività di SEO e di content marketing in un’unica funzione, i marketer possono influenzare i consumatori sia che si trovino in fase di scoperta o di acquisto.

Secondo una nuova ricerca di BrightEdge oltre il 97% dei marketer digitali crede che la SEO e il content marketing siano diventati la stessa cosa.

La SEO è vitale per la scoperta dei contenuti. Lo sapevate che la ricerca organica:

  • Aziona il 51% di tutte le visite ai siti B2B e B2C
  • Non ha costi diretti per i media e rendimenti estremamente elevati
  • Impatto su tutti i canali di marketing digitale e sulle vendite offline
  • Costruisce la brand awareness o consapevolezza del marchio
  • Aiuta ad aumentare le entrate

Quindi è fondamentale identificare le keyword che dimostrano l’intento commerciale. Con questi dati, gli esperti di marketing possono comprendere meglio l’intento dei clienti e creare e ottimizzare contenuti intelligenti che hanno maggiori probabilità di essere convertiti.

La combinazione di SEO e contenuti non è solo buona in teoria. Il cross-channel marketing sta aiutando i marketer a raggiungere un ROI (Return on Investment)più alto. L’integrazione si traduce in tassi di conversione, impegno, customer retention e brand advocacy più elevati.

È fondamentale capire cosa i clienti stanno cercando e contribuire a influenzarli durante il processo decisionale. Ma per creare contenuti intelligenti che coinvolgono e converteno, i marketer hanno bisogno di dati intelligenti.

Ecco perché è fondamentale sapere chi è il target di riferimento: età, dati demografici, luoghi, interessi, abitudini e preferenze.

Come si fa a monetizzare con l’intento di combinare in un’unica funzione SEO e content marketing

Lo sviluppo di un potente programma di ottimizzazione dei contenuti richiede tempo e un’attenta pianificazione, ma ci sono cinque cose che i marketer possono fare per stabilire una solida base.

1. Conoscere il proprio pubblico

Tutto ciò che un brand deve fare è quello di andare a ruotare intorno al cliente, con i prodotti, l’esperienza e la strategia di marketing. La definizione di un pubblico permette ai marketer di creare contenuti su argomenti interessanti e rilevanti che faranno crescere il pubblico fidelizzandolo nel tempo e raggiungere così gli obiettivi di business.

Eppure, un numero sorprendente di brand (l’80% circa) dice di non conoscere i propri clienti. I brand che comprendono a fondo le motivazioni, i punti critici e i processi del loro pubblico sono impostati al meglio per fornire contenuti migliori e più incisivi che aiutino a guidare i ricavi, la crescita e la sostenibilità a lungo termine.

Tre chiavi per il marketing con l’intento per scoprire il proprio pubblico:

  • Esaminare come i clienti si muovono nel mercato, come consumano e si impegnano. Identificare ciò che genera interesse e risultati nell’azione delle persone. Regolare e ottimizzare i contenuti in base alle necessità.
  • Pensare per un momento al viaggio di un cliente andando a considerare come i clienti si impegnano con diversi tipi di contenuti attraverso canali e dispositivi diversi tra loro, in diverse fasi e in diversi stati d’animo. Comprendere il comportamento di conversione e di acquisto quando i clienti si spostano tra dispositivi (smartphone, tablet e desktop).
  • Effettuare un’analisi continua dei clienti. Ciò che i clienti sono interessati o desiderano oggi può cambiare rapidamente. Eseguire un’analisi regolare delle interazioni cliente-brand. Ascoltare e raccogliere informazioni per tenere il passo con le tendenze e continuare a fornire le giuste esperienze.

2. Avere uno scopo

Proprio come un brand ha bisogno di una mission statement, un’aspirazione dichiarata o uno scopo ispiratore per i contenuti esistenti, anche i contenuti devono avere uno scopo. Ogni contenuto creato dovrebbe avere un motivo per esistere.

In generale, lo scopo dei contenuti è quello di informare, educare, persuadere, intrattenere o ispirare.

Ecco perché è fondamentale mantenere lo scopo in cima alla lista quando si sviluppa una strategia di contenuto incorporando quanto segue:

  • L’obiettivo di creare e pubblicare contenuti è quello di diventare una risorsa preziosa e raccontare storie memorabili. Incorporare i punti forti come quelli deboli e gli interessi dei clienti nella strategia dei contenuti e nel processo di creazione, ricordando sempre le tre E:
    Esperimento: provare diversi tipi di contenuti.
    Esperienza: fare sentire il pubblico parte attiva.
    Engage: continuare a far tornare il pubblico per saperne sempre di più.
  • Coerenza: la voce di un brand dovrebbe imitare il modo in cui parlano i suoi clienti, sia che si tratti di conversazione di tutti i giorni che professionale. Questa voce dovrebbe essere coerente in tutti i contenuti, indipendentemente da chi la crea o da dove viene pubblicata.
  • Obiettivi: impostare obiettivi realistici e concreti per i propri contenuti, che si tratti di promuovere la consapevolezza, il traffico e il ranking della ricerca organica, l’impegno sociale, le conversioni o le entrate.

3. Creare e ottimizzare i contenuti

Dopo aver individuato un pubblico target e uno scopo, il passo successivo è la creazione e l’ottimizzazione dei contenuti per la massima visibilità. La mancata ottimizzazione dei contenuti è una missione suicida. Le persone che non riescono a trovare contenuti, per quanto grandi possano essere, non possono impegnarsi con quei contenuti o con il brand che li ha creati.

Ogni contenuto può sempre essere migliorato attraverso l’ottimizzazione, sia che si tratti di contenuti per un sito web, social media o campagne e-mail.

Alcuni suggerimenti:

  • Scegliere gli argomenti rilevanti: i contenuti devono essere incentrati sul cliente, non sul brand o sul business. Gli argomenti dovrebbero essere interessanti in base a dati demografici, comportamenti e interessi.
  • Usare le keyword giuste: abbandonare il gergo aziendale ed usare le parole che le persone usano effettivamente quando cercano i quei prodotti o servizi.
  • Map content di specifiche persone e purchase funnel: la mappatura dei viaggi dei clienti aiuta a impostare i contenuti per il successo fin dall’inizio.
  • Ottimizzazione mobile: i brandi che non riescono a ottimizzare i propri contenuti per i dispositivi mobili (smarphone, tablet, ecc) ricevono il 68% in meno di traffico.

4. Combinare qualità e quantità

Molti marketer credono che i consumatori siano semplicemente sopraffatti da tutti i contenuti che creati. Dopo tutto, gli adulti statunitensi trascorrono ogni giorni sui Media 10 ore e 39 minuti. Secondo Smart Insights, ogni minuto vengono caricate su YouTube 500 ore di video, vengono inviate quasi 150.000 email, vengono pubblicati quasi 1.500 nuovi post di WordPress, 3,3 milioni di nuovi post di Facebook mentre 448.000 nuovi tweet appaiono su Twitter.

Questo ha portato molti marketer ad una sola conclusione: concentrarsi sulla qualità, non sulla quantità. In teoria ha senso, anche perché più contenuti non significa di solito contenuti migliori.

Anche se c’è un’enorme quantità di contenuti sul web in forma aggregata, secondo Cisco si prevede che il traffico Internet globale raggiungerà un insondabile 2,3 zettabyte entro il 2020.

Tuttavia la persona media non ha il desiderio di consumare tutti i contenuti che esistono sul web. Vogliono consumare contenuti intelligenti che siano personalizzati, pertinenti e utili per loro.

La qualità è importante? Sì! I contenuti mal realizzati sono inefficaci e non aiuteranno a raggiungere gli obiettivi prefissati, andando al contrario ad allontanare i potenziali clienti.
La quantità ha importanza? Sì! Raccontare costantemente storie e avviare conversazioni con i clienti attraverso contenuti memorabili e avvincenti aiuta a mantenere i brand sempre presenti nella mente dei consumatori.

5. Misurare i risultati e migliorarli

Ciò che non si può misurare non può essere migliorato. Fortunatamente, i marketer hanno accesso a una grande quantità di dati in tempo reale per ottenere informazioni sulle prestazioni dei contenuti e tenere traccia delle metriche per determinare il ROI.

I brand ricevono ed analizzano migliaia di dati da ogni content campaign, sia che sia fallita o che abbia raggiunto gli obiettivi prefissati, andando principalmente ad analizzare:

  • Carenza di contenuti: confrontare i contenuti con prestazioni insufficienti con contenuti di successo (sia propri che di terzi). Vedere perché la campagna è fallita o è risultata vincente. Prestare particolare attenzione al traffico, alle conversioni e alle entrate attribuite o influenzate dai contenuti.
  • Vince il contenuto: scoprire cosa ha fatto risaltare i contenuti migliori. Cerca di replicare il successo e di trasformare le anomalie in eventi più regolari.

Di seguito è riportato un ottimo quadro di riferimento su come affrontare al meglio la SEO e i contenuti per qualsiasi tipologia di business

Conclusioni
L’ottimizzazione è fondamentale per massimizzare il valore dei contenuti. Il pubblico giusto deve essere in grado di trovare il contenuto che sta cercando. E il contenuto deve guidare i risultati di qualsiasi business. Garantire che i contenuti siano intuitivi per i motori di ricerca e ottimizzati lungo tutto il percorso dell’acquirente è fondamentale per il successo di un team SEO e per far “esplodere” i contenuti combinati.

P.S. Vuoi davvero imparare il web marketing?

Il web marketing è in continua evoluzione, resta sempre aggiornato! Offriamo video corsi di web marketing in abbonamento, per garantirti tutta la formazione di cui hai bisogno in un unico spazio, senza dover perdere giornate intere alla ricerca di fonti, corsi, novità e senza spendere un patrimonio in formazione. Avrai tutto ciò che ti serve per diventare un vero specialista.

Vuoi provare gratis? Accedi subito a centinaia di lezioni gratuite.

[via searchenginewatch.com]
Post recenti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.