In SEO

Un blog con molti anni di attività, dove sono stati pubblicati tantissimi articoli, molto probabilmente avrà vecchi post che non sono più accurati, dove mancano i link ai post pubblicati più recentemente, e molto probabilmente non saranno sincronizzati con le tue attuali linee guida sui contenuti, risultando non all’altezza dei nuovi standard di qualità.

Molto probabilmente, quei vecchi post del blog sono in declino nelle classifiche di ricerca, guidando meno traffico verso il sito rispetto a quello a cui erano abituati, andando a generare meno conversioni rispetto ad anni fa.

Imparare come aggiornare i vecchi post del blog e usare queste informazioni per aggiornare e ottimizzare il tuo contenuto obsoleto, risolve tutti questi problemi.

L’aggiornamento permette non solo di portare i vecchi post del blog agli attuali standard di qualità, ma anche di rianimarli in modo che salgano la classifica di ricerca, guadagnino più backlink, offrano più traffico e guidino più conversioni.

L’immagine qui sotto è solo uno delle tante che potremmo portare un esempio.

Ma anche al di là degli ovvi benefici, l’aggiornamento dei vecchi contenuti rende la vita più facile come scrittore, editor o content marketer. Trovare costantemente nuove idee per i post, ricercare quei post e scriverli da zero è incredibilmente dispendioso in termini di tempo.

Quando si aggiornano i vecchi post del blog, molto di quel lavoro è già fatto. E anche se l’aggiornamento di un vecchio post richiede una riscrittura completa (e a volte lo sarà), almeno è un’idea in meno da inventarsi.

Come aggiornare i vecchi post del blog per SEO

Quando lasciate i vostri vecchi post del blog a languire e decadere, state essenzialmente sprecando il tempo e il denaro che avete investito per pubblicarli.

Ecco la guida per aggiornare i vecchi post del blog in nove passi:

Di regola si dovrebbe passare più volte al mese almeno una giornata (a volte basta solo mezza giornata) ad aggiornare tutti i vecchi post per fare in modo che gli investimenti continuino a portare soldi alla vostra attività.

Come? Iniziate a cercare le parole chiave che sono classificate a pagina uno o due delle SERP (generalmente le posizioni che vanno dalla 1 alla 20).

1. Trovare le keyword con le quali il post è già indicizzato

La prima cosa da fare è identificare le parole chiave per le quali il post è già presente nelle classifiche dei motori di ricerca.

Ci sono un paio di modi per trovare le parole chiave per cui il post è già in classifica.

Usare Google Search Console

Se si ha accesso a Google Search Console, è possibile estrarre da lì parole chiave, volume e dati di posizione. Aprite Google Search Console e andate alla scheda “Performance”. Assicurati che sia selezionata la “Posizione media“.

Scorrete fino alla tabella e fare clic sulla scheda “PAGINE” e poi scorrere l’elenco per trovare l’URL del post del blog che si sta per aggiornare e fate clic sull’URL.

Oppure, se si hanno migliaia di URL, aprite il filtro, selezionate “Pagina”, digitate la parte dell’URL del post che state aggiornando e poi cliccate sull’URL.

Infine, fate clic sulla scheda “QUERIES”. Questo mostrerà tutte le parole chiave per le quali il post del blog che state aggiornando si sta classificando.

Quindi, fate clic sulla freccia accanto a “Posizione” un paio di volte per ordinare i dati in quella colonna in ordine crescente (dal più basso al più alto). Scrivi le parole chiave, le posizioni e i volumi per ogni parola chiave che si trova nelle posizioni 1-20.

Utilizzare un SEO tool

Un’altra opzione per scoprire per quali parole chiave si colloca un blog post nei motori di ricerca è quella di utilizzare uno strumento SEO che fornisce parole chiave e informazioni sul ranking per le singole pagine del sito. Ahrefs è uno dei più utilizzati per questo compito, ma qualsiasi strumento SEO con questa funzione sarà sufficiente.

Spesso i dati di posizione in GSC sono aggiornati più lentamente o hanno dei parametri diversi rispetto a quelli reali. Per esempio, se GSC dice che una parola chiave si posiziona al numero uno, quando si cerca quella parola chiave in Google, spesso non si riesce a trovare quel post tra i primi 100 risultati.

Un altro problema è che il GSC spesso vi mostrerà tutti i tipi di parole chiave strane, casuali e non correlate che hanno volumi di ricerca molto bassi. Poiché Ahrefs non tiene traccia di tutte le parole chiave che nessuno ha mai digitato in Google Search, è meglio mostrare solo le parole chiave con volumi di ricerca ragionevoli, e che hanno maggiori probabilità di essere rilevanti per il contenuto.

Per scoprire per quali parole chiave un post è classificato in Ahrefs, incollare l’URL del post del blog in Ahrefs, eseguire la ricerca, e fare clic su “Parole chiave organiche” per ottenere un elenco di parole chiave che pubblicano il ranking del momento, insieme ai dati sul volume e la posizione.

2. Scegliere una keyword target quando si aggiorna il tuo post

Quando si aggiorna e ottimizza un vecchio post di un blog, bisogna selezionare sia una parola chiave (principale) target che, potenzialmente, una o più parole chiave secondarie.

Non esiste in questo caso una scienza esatta o una metodologia migliore delle altre. C’è solo una cosa che è vera al 100% del tempo: la keyword target selezionata deve corrispondere all’intento di ricerca per quella parola chiave. Quando si considera una parola chiave di destinazione, bisogna cercare quella parola chiave in Google e assicurarsi che i risultati della pagina uno siano simili al contenuto del tuo post esistente o al contenuto degli aggiornamenti che si ha intenzione di fare.

Dopo di che, ci sono una varietà di cose da considerare.

Il post si colloca attualmente tra i primi cinque risultati per parole chiave? Se sì, queste parole chiave hanno un volume di ricerca adeguato? Se si riesce a trovare una parola chiave con un volume decente che attualmente si posiziona nelle prime cinque posizioni è altamente probabile che l’aggiornamento potrebbe farci guadagnare il primo posto in classifica o un featured snippet.

Quanto è probabile che il post sarà competitivo per quella parola chiave? In questo caso è consigliabile usare MozBar o Ahrefs per vedere se i punteggi della Domain Authority, Page Authority o Keyword Difficulty sono paragonabili a quelli dei risultati che stanno attualmente superando il post in questione.

C’è una parola chiave di livello inferiore che sarebbe meglio puntare? Il post potrebbe essere altamente classificato per una parola chiave che ha un volume di ricerca minimo o nullo. Potrebbe essere una classifica per qualcosa che non corrisponde realmente alle informazioni contenute nel post del blog. In questi casi, può essere utile scegliere una parola chiave di destinazione per la quale non il post non ha ancora ricevuto ranking.

Bisogna fare attenzione quando si fa ciò. Se il post che stiamo aggiornando è già classificato molto bene per parole chiave specifiche, e si riscrive il post e lo si ottimizza per parole chiave diverse semplicemente perché quelle parole chiave hanno volumi di ricerca più elevati, si può effettivamente perdere traffico e ranking dopo l’aggiornamento.

In verità si dovrebbe sfruttare l’equity che si è già guadagnata dai motori di ricerca. Quindi, se il post è classificato in seconda posizione per la parola chiave “software di marketing digitale”, non cercate di cambiare le cose e farlo classificare per “strumenti di marketing digitale”, perché quella frase ha più volume di ricerca. Bisogna cercare di arrivare al numero 1 per “software di marketing digitale”.

3. Vedere se ci sono keyword secondarie che si voglio “attaccare”

Se stiamo scrivendo un post di un blog da zero o aggiornando un post che qualcun altro ha già scritto, l’obiettivo è quello di rendere quel post completo. La ricerca di parole chiave è un processo incredibilmente utile per identificare altri argomenti da trattare in un post di un blog, al fine di ampliare l’argomento.

Dopo aver identificato la parola chiave di destinazione, è bene fare un po’ più di ricerca sulle keyword per identificare qualsiasi altra potenziale parola chiave/argomenti da trattare come contenuto nel post da aggiornare.

Iniziamo con la ricerca della parola chiave di destinazione in Google. Se si usa Chrome possiamo aprire una guest window cliccando sull’icona del tuo account o sull’immagine nell’angolo in alto a destra di Chrome e selezionando “Apri guest window”.

Nella guest window, bisogna cercare la parola chiave desiderata. Poi, cercare la casella “People Also Ask” (Chiedi anche alle persone). Vedere se ci sono domande elencate che ha senso coprire nel post del blog. È inoltre possibile espandere una o più domande per ottenere da Google le domande più popolari.

È inoltre possibile scorrere fino alla parte inferiore dei risultati della ricerca per trovare una casella “Ricerche correlate a”. Guardate se ci sono parole chiave o domande correlate che potrebbero valere la pena di aggiungere e scrivete tutte le potenziali parole chiave/argomenti insieme alla keyword target.

Infine si può anche usare uno strumento di ricerca di parole chiave per ottenere ulteriori domande a cui potrei voler rispondere che sono collegate alla parola chiave di destinazione. Questo si può fare sia in Moz che in Ahrefs.

In Moz cercate la parola chiave e poi filtrate per mostrare i risultati che “are questions”.

In Ahrefs cercate la keyword target, quindi fate clic su “Domande” per visualizzare un elenco di domande relative a quella parola chiave.

Aggiungete qualsiasi parola chiave di domanda alla lista di parole chiave così da avere una lunga lista di argomenti aggiuntivi che potrete voler coprire (e parole chiave secondarie da raggiungere) nel post da aggiornare.

4. Guardare i risultati della prima pagina per la keyword target

Quando qualcuno digita una query in un motore di ricerca, ha un’intenzione. L’obiettivo di Google è quello di interpretare tale intento e di far emergere il contenuto che meglio lo soddisfi.

Per fare questo, Google utilizza un algoritmo di apprendimento automatico chiamato RankBrain che monitora i comportamenti dei ricercatori per determinare ciò che le persone cercano quando cercano parole chiave specifiche.

Per questo motivo, non c’è una fonte migliore per determinare ciò che un post deve includere rispetto ai risultati di ricerca di Google. In sostanza, i risultati di ricerca di Google ci dicono esattamente cosa stanno cercando le persone quando digitano una qualsiasi domanda nel suo motore di ricerca.

Guardate tutte le caratteristiche dei risultati che appaiono nella prima pagina dei risultati di ricerca. Ci sono caroselli video/news/Twitter? Ci sono blocchi di immagini? Ci sono i consigli per gli acquisti? C’è un pacchetto di mappe locali?

Ognuna di queste caratteristiche fornisce alcune informazioni su ciò che le persone stanno cercando quando cercano quella parola chiave.

Per esempio, se c’è una video carousel, un frammento di video, o risultati organici con video rich snippet, i risultati presenti ci suggeriscono che le persone potrebbero preferire guardare i video per saperne di più su quell’argomento ed è quindi fondamentale considerare l’idea della creazione di un video e incorporarlo nel post.

Guardate i titoli dei risultati classificati in un’unica pagina. Sono tutte liste (ad esempio, le 10 migliori [XY])? Se è così, la gente probabilmente preferisce leggere list post per quella query.

Vedete uno snippet per la keyword target? Siamo il proprietario dello snippet descritto? In caso contrario bisogna prendere nota del tipo di snippet che viene visualizzato (paragrafo, elenco, tabella, tabella, video, ecc.) e andare a formattare il post aggiornandolo per cercare di catturare il featured snippet.

Infine, aprite ogni risultato che appare in prima pagina e leggete il contenuto. Quali argomenti  potrebbero valere la pena di trattare nel post? Che cosa non coprono che probabilmente dovrebbero coprire (e che ci dovrebbe essere sicuramente)? Quanto sono lunghi i post? Sono lunghi 500 parole o superano le 4.000?

Usate tutte queste informazioni per creare un piano di ciò che il post aggiornato dovrà essere, fare e includere.

5. Cercare tutte le keyword secondarie da indicizzare

Un singolo post può catturare più di uno snippet. Per questo motivo si consiglia di cercare non solo la parola chiave principale ma anche le keyword secondarie. Se una qualsiasi delle parole chiave secondarie ha un proprio featured snippet bisogna prendere nota del tipo di frammento e aggiungere quel dettaglio al piano editoriale dei contenuti.

6. Aggiornare il post del blog

Utilizzando tutte le informazioni raccolte nei passaggi precedenti, eccoci arrivati al punto più importante: aggiornare il post del blog.

Gli step da seguire sono:

  • Essere un editor e quindi avere le credenziali per poter aggiornare il post.
  • Aggiornare il contenuto esistente.
  • Assicurarsi che tutti i link funzionino ancora.
  • Assicurarsi che tutti i contenuti siano ancora accurati e pertinenti.
  • Aggiornare gli screenshot obsoleti.
  • Aggiungere nuovi screenshot.
  • Correggere eventuali errori di grammatica, ortografia e formattazione.

Aggiungere contenuti aggiuntivi. Alcuni dei contenuti aggiuntivi sono stati identificati nei passaggi precedenti o già sappiamo che dovrebbero essere inclusi. Alcuni di essi potrebbero colmare le lacune nel contenuto esistente. Alcuni di essi potrebbero essere esempi/aneddoti tratti dalle proprie conoscenze/ricerche.

Ottimizzare per la parola chiave target. Se è possibile fate a meno di sembrare un robot, cercando di includere la keyword principale in tre punti diversi:

  • nel titolo principale del post del blog
  • una volta nell’introduzione
  • una volta in un sottotitolo.

Se vi sembra difficile usate la parola chiave principale in uno solo di questi posti.

Formattare il tuo contenuto per i featured snippet. Se state prendendo di mira un frammento di un elenco, includete un elenco nel contenuto. Se state prendendo di mira uno snippet descritto in un paragrafo, scrivete un paio di frasi succinte che descrivono il concetto che state spiegando. Assicuratevi di usare correttamente le intestazioni e considerate l’aggiunta di un indice con link di riferimento.

Aggiungete link interni. Come dire è quasi una garanzia del successo che si otterrà. Un’ottima strategia è anche quella di scrivere testo alternativo per le immagini incluse, assicurandosi che tutte le immagini che utilizzate nel post-vecchio o nuovo abbiano un alt test pertinente e descrittivo.

Assicuratevi che il titolo SEO non venga troncato nei risultati di ricerca. Se state usando un plugin come Yoast SEO per WordPress, spesso questo aggiunge il nome del sito web e altri dettagli alla fine del titolo, e ciò può portare al troncamento dello stesso.

Se non cambiate il titolo del post che state aggiornando, assicuratevi che venga visualizzato completamente nei risultati di ricerca. Se invece avete deciso di cambiare il titolo, contate i caratteri che vengono visualizzati per i risultati esistenti e cerca di rimanere all’interno di quel numero di caratteri.

 

Infine, non aggiornare l’URL a meno che non sia assolutamente necessario. Per ottenere i migliori risultati, lasciate l’URL così com’è. Se è assolutamente necessario aggiornare l’URL, assicurarsi di reindirizzare il vecchio URL a quello nuovo.

Nota a margine: è nel vostro interesse non usare mai le date nelle URL. Se la parola chiave è “migliori strumenti di marketing 2019”, fate l’ URL “migliori strumenti di marketing” e lasciate il “2019” spento.

7. Documentare le classifiche esistenti prima di pubblicare l’aggiornamento

La maggior parte delle volte che si fanno queste operazioni si registrano risultati positivi, ma di tanto in tanto, un post che aggiornato, in particolare se è davvero buono per certe parole chiave fino ad ora mai utilizzate, perderà il ranking dopo un aggiornamento.

Quando ciò accade, si può tornare dentro, apportare alcune modifiche e recuperare ciò che si è perso, ma per farlo, è necessario avere un modo per vedere l’impatto che le modifiche hanno avuto sul ranking.

E anche se i cambiamenti sono positivi è sempre bene avere un modo per vedere i cambiamenti positivi (e possibilmente mostrarli a un cliente).

Ci sono molti modi per tracciare le classifiche pre- e post-aggiornamento. Un’opzione low-tech è quella di cercare semplicemente la parola chiave di destinazione e ogni parola chiave secondaria e prendere nota delle loro posizioni pre-aggiornamento nello strumento di gestione del progetto.

Poi, una o due settimane dopo aver pubblicato l’aggiornamento si possono cercare nuovamente quelle parole chiave per vedere se il ranking è migliorato o peggiorato.

Authority Lab può essere utile per monitorare i cambiamenti di ranking dopo gli aggiornamenti.

Questo rende il monitoraggio delle prestazioni degli aggiornamenti molto meno dispendioso in termini di tempo.

8. Pubblicare il contenuto revisionato

Una volta che tutto è aggiornato, apportare le modifiche nel sistema di gestione dei contenuti e ripubblicare il post. Sarebbe bene anche includere una nota alla fine del post che indichi quando il post è stato originariamente pubblicato e quali modifiche sono state apportate.

Certamente è una best practice per fornire maggiori informazioni ai lettori che potrebbero aver letto il post la prima volta e che si chiedono perché sia stato aggiornato.

9. Chiedere a Google di reindicizzare il post aggiornato

Alla fine di tutto il processo di revisione, Google provvederà a reindicizzare il post e registrerà in totale autonomia tutti gli aggiornamenti fatti. Tuttavia può essere sempre utile accelerare il processo inviando una richiesta di indicizzazione tramite la Google Search Console.

Per chiedere a Google di reindicizzare una pagina bisogna:

  • Aprire Google Search Console.
  • Incollare l’URL del tuo post aggiornato nella barra di ricerca.
  • Fare clic su “Richiesta di indicizzazione”.

P.S. Vuoi davvero imparare il web marketing?

Il web marketing è in continua evoluzione, resta sempre aggiornato! Offriamo video corsi di web marketing in abbonamento, per garantirti tutta la formazione di cui hai bisogno in un unico spazio, senza dover perdere giornate intere alla ricerca di fonti, corsi, novità e senza spendere un patrimonio in formazione. Avrai tutto ciò che ti serve per diventare un vero specialista.

Vuoi provare gratis? Accedi subito a centinaia di lezioni gratuite.

Post recenti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.