7 buoni motivi per organizzare un webinar gratis

6 motivi per organizzare un webinar gratis
Indice dei contenuti

Tutti vogliono portare online la propria esperienza e comunicare con il proprio pubblico con l’aiuto di un microfono e una videocamera. Ma sai perché devi organizzare un webinar gratis? Questa è la vera domanda. Gli strumenti necessari sono sul banco: tutti possono accedere ai tool indispensabili per trasformare la propria presenza in un appuntamento online.

Essere efficaci e interessanti è tutta un’altra storia, su questo non ci sono dubbi. Però voglio aggiungere un dettaglio: tutta la professionalità di questo mondo sarà inutile se non hai inserito il webinar in una strategia completa di web marketing. Puntare su questo mondo solo perché gli altri fanno così o perché lo hanno consigliato gli esperti di web marketing può essere una soluzione pericolosa. O una perdita di tempo.

Il webinar ha il suo pubblico, diventa un ritrovo per i fan e i follower di un brand. Si manifesta come un momento di compresenza, un punto d’incontro virtuale dove l’audience può conoscere, approfondire e avere un contatto diretto con chi si trova dall’altro lato dello schermo.

Studio Samo Pro Minidegree

Ma conviene impegnarsi e creare grandi contenuti a costo zero? Perché lavorare senza avere un riscontro diretto e far iscrivere gli individui senza un corrispettivo in denaro? Ci sono tanti motivi per organizzare un webinar gratis: io ne ho scelti 7 che possono essere interessanti per la tua realtà.

Puntare sul branding

Il primo motivo per creare un webinar gratis: fare branding. Vale a dire far conoscere il tuo nome e collegarlo a valori positivi, che fanno comodo al tuo business. Parlare del webinar solo come un modo per fare pubblicità è riduttivo: attraverso questo strumento puoi andare oltre il risultato che ottieni con un banner o con un’inserzione AdWords.

Puntare sul webinar è un modo per fare content marketing, per creare un valore concreto da donare a persone che non ti conoscono e che potrebbero trovare interessante il tuo contributo. Puoi fare lo stesso con un blog, questo è vero. Ma sai bene che il video ha una fruizione diversa, può essere visto e ascoltato con una semplicità superiore. E punta sul coinvolgimento se lavori con le più famose piattaforme per creare webinar come GoToWebinar, Webinars On Air, Anymeeting e Fuze.

Per approfondire: come usare Facebook Live nelle tue landing page

Fare lead generation

Potrebbe essere il vero motivo per organizzare un webinar gratuito. Con il webinar fai lead generation, raccogli contatti di potenziali clienti da sfruttare in un secondo momento. Ti faccio un esempio: vuoi vendere un corso SEO base, crei un webinar su tag title e meta description. E ottieni lead profilati che sono all’inizio della propria avventura. Quindi mandi un codice sconto per acquistare il corso, un’attenzione riservata a chi ha partecipato al webinar. E che potrebbero interessare.

Tutto questo diventa decisivo per fare una buona attività di lead generation. Inoltre puoi massimizzare se crei una landing page specifica per accogliere il pubblico e disporre tutti gli elementi persuasivi (call to action, visual, testimonial, headline) per convincere il lettore a lasciare l’email e a iscriversi al webinar.

Completare un contenuto unico

Se registri il webinar che hai pianificato puoi caricare il tutto su YouTube e usare l’embedded per completare l’articolo che hai creato. Oggi è impossibile ragionare solo in termini di testo: un post (più in generale una pagina web) deve rispondere a diverse esigenze e spesso queste sono risolte dal video. Un webinar può essere la risposta utile a diverse domande. E se lavori con Google il processo per pubblicare è ancora più semplice: qui trovi maggiori informazioni sul live streaming proposto da YouTube.

Un dettaglio interessante: puoi sfruttare l’organizzazione di un webinar proprio per completare il calendario editoriale del blog. Ad esempio, in occasione di un live puoi aggiornare gli articoli che riguardano l’argomento e usare questo contenuto per arricchire, migliorare e completare ciò che hai già scritto.

Mostra il tuo lato umano

Non dimenticare mai questo passaggio: il webinar mostra il tuo volto, la tua voce, il tuo essere reale. Con pregi e difetti. Questo passaggio vale per le aziende e per il liberi professionisti: in ogni caso mettere in evidenza il proprio essere reali è un dato positivo. Perché le persone si fidano delle persone, e tu puoi sfruttare questa tecnologia (tra l’altro a basso costo) per creare un ponte con il tuo pubblico. E avvicinare i potenziali clienti con un linguaggio simile.

Diventare un appuntamento fisso

C’è un principio interessante nel mondo del marketing, sto parlando della routine quotidiana. Ci sono grandi brand, non per forza online, che riescono a diventare un evento fisso per i potenziali clienti. Magari per parlare di consigli utili nel proprio settore, per presentare prodotti o servizi, magari per fare domande e risposte in chiave customer care service. Potrebbe essere interessante: hai un problema e l’azienda risponde.

organizzare un webinar gratis

Uno dei pro del webinar è proprio questo: con un numero limitato di risorse (microfono, webcam, software dedicato) puoi creare un vero e proprio palinsesto da dividere nel tempo. Il vantaggio? Fidelizzare il pubblico, abituarlo alla tua presenza, diventare un incontro stabile nella dieta mediale. Questi pro non hanno prezzo in termini di pubblicità per il proprio nome.

Studio Samo Pro Minidegree

Pubblicizzare un evento

Il webinar può essere un’arma interessante per dare visibilità a qualcosa di diverso. Magari a un evento offline o a un convegno. Spesso la strada seguita è questa: tanti piccoli appuntamenti online, e gratuiti, diventano strumenti per spingerne uno più grande. A pagamento. Ovviamente in questa cornice puoi giocare come preferisci, invitando ospiti, intavolando sessioni di domande e risposte o rispondendo alle domande del pubblico. Il privilegio concreto del webinar è proprio questo: esce dai limiti definiti dell’articolo.

Fare lead nurturing via email

Uno dei passaggi più importanti in determinati funnel di vendita: coinvolgere i contatti che si sono iscritti alla tua lista di email. Puoi fare lead generation in modi differenti, ad esempio spingendo il download di un e-book o creando delle sponsorizzazioni specifiche. Però una volta acquisiti i contatti cosa fai?

Li devi alimentare con contenuti specifici, interessanti e diretti verso l’obiettivo: portare il contatto verso la parte finale del funnel. Ecco perché è necessario puntare sul lead nurturing, un processo che consente di alimentare l’interesse del pubblico con contenuti sempre più interessanti. Tra questi puoi inserire l’accesso riservato a un webinar organizzato proprio per un determinato pubblico.

Da leggere: come fare lead generation con LinkedIn

Vuoi organizzare un webinar gratis?

Questi sono i motivi che ti spingono a realizzare un webinar a costo zero, senza far pagare l’iscrizione al pubblico. In questo modo puoi ottenere dei vantaggi senza un riscontro economico immediato. A volte per raccogliere buoni frutti nel mondo del web marketing devi essere disposto ad andare oltre il breve periodo.

Tutto questo senza dimenticare il principio base: organizzare un webinar gratis non vuol dire risparmiare sull’impegno e sulla qualità dei contenuti. Il dono ha senso quando riesce a fare la differenza agli occhi di chi lo riceve: sei d’accordo? Vuoi creare un webinar anche tu? Lascia le tue domande nei commenti.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

dirette instagram
Giuliana Curato

Dirette Instagram: come fare le live su IG

Ti chiedi come sfruttare al meglio le dirette Instagram per connetterti con il tuo pubblico e ottimizzare la tua presenza online ma non sai da dove iniziare? Allora sei nel posto giusto.

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.