Lo stato del Social Media Marketing 2018

Lo Stato del Social Media Marketing 2018
Indice dei contenuti

È possibile creare delle strategie di social media marketing che ci permettano di migliorare i risultati delle nostre attività online? Quali sono le piattaforme social consigliate per il nostro settore? Quali vantaggi portano ai marketer?

Per rispondere a queste domande, Social Media Examiner  ha pubblicato il Social Media Marketing Industry Report 2018, la ricerca annuale che studia il modo in cui i marketer usano i social media per dare visibilità ad aziende e clienti.

Per i nostri lettori, abbiamo analizzato e tradotto in italiano questo report, aggiungendo le nostre considerazioni e confrontandolo con i dati pubblicati a inizio anno dal Report Global Digital 2018 di We are Social e Hootsuite, che ci offre invece una panoramica sul modo in cui gli utenti usano i social network nelle loro attività quotidiane.

Studio Samo Pro Minidegree

Il nostro scopo è fornire un’analisi dell’ecosistema dei social network sia dal punto di vista degli utilizzatori, che quello dei professionisti del settore, mettendo in luce le divergenze e le affinità che entrambe le parti mostrano nei confronti del mondo dei social network.

Ecco di seguito alcuni punti salienti emersi dalla nostra analisi, che potete approfondire scaricando l’ebook gratuito.

1. Social media: utenti vs marketer

Riteniamo che questi dati siano una risorsa indispensabile per i digital marketer, visto che raccolgono informazioni preziose sulle abitudini di fruizione e sulle preferenze del pubblico online.

Inoltre è possibile confrontare i risultati della ricerca con le esperienze di chi lavora quotidianamente sui social e ha modo di testare strategie, piattaforme e target specifici. Vediamo insieme alcuni dati emersi dalle nostre analisi.

In primo luogo, è interessante notare che le priorità dei marketer non sempre coincidono con le reali abitudini degli utenti.

Se confrontiamo i dati di utilizzo delle piattaforme social, noteremo che i marketer privilegiano Facebook, Instagram, Twitter e in minima parte YouTube, mentre gli utenti sono attivi principalmente su Facebook e YouTube, seguiti da Instagram e solo da una piccola percentuale su Twitter.

utenti vs marketer

Finora le attività di video marketing non sono state una priorità per i professionisti, ma considerando che gli utenti trascorrono molto tempo su YouTube e tendono a interagire molto con i contenuti video, diventa fondamentale testare anche questo strumento.

2. Addio alla reach organica, senza pubblicità non si ottengono risultati

Secondo il Social Media Marketing Report, negli ultimi 12 mesi i marketer hanno riscontrato una diminuzione della reach organica e del tasso di engagement del 10%.

engagement post pagine facebook

Sono anni che la reach organica dei post pubblicati su Facebook è in costante diminuzione: tra aggiornamenti dell’algoritmo e news feed degli utenti sempre più affollato, è impensabile fare Social Media Marketing (e ottenere risultati) senza degli investimenti pubblicitari a sostegno delle nostre strategie.

Lungi dal preoccuparci, questi dati servono per spronarci a migliorare le nostre strategie di Content Marketing su Facebook, creando quindi contenuti utili e rilevanti per il nostro target. Contenuti che naturalmente vanno sponsorizzati.

Grazie alle Facebook Ads possiamo raggiungere il nostro pubblico in modo mirato, aumentando la nostra visibilità, migliorando il coinvolgimento dei nostri fan e ottenendo nuovi lead (e clienti).

3. I visual content sono sempre più importanti

Osservando i dati sulle piattaforme social più diffuse, notiamo che Facebook predomina sia tra gli utenti che tra i professionisti: il 94% dei social media marketer lo utilizza per le sue strategie di comunicazione e marketing, seguito dal 66% di Instagram. Ben due marketer su tre affermano che Facebook sia la loro piattaforma social più importante.

Studio Samo Pro Minidegree

contenuti più utilizzati social

Un dato interessante emerso dallo studio è il tipo di contenuto privilegiato dai professionisti per le loro strategie social. Predominano i visual content: immagini, foto, gif, infografiche, meme e video sono il modo migliore per interagire e coinvolgere il pubblico.

Cresce l’interesse per i video live e per le storie, che si rivelano efficaci soprattutto su Instagram.

Questa infografica sintetizza i dati più interessanti del report, che potrai scaricare gratuitamente qui.

Buona lettura e buon lavoro 😉

Lo stato del Social Media Marketing 2018

Scarica il Report dettagliato

A questa pagina puoi scaricare il Report dettagliato di oltre 20 pagine dove troverai tutti i dati dello studio che abbiamo sintetizzato in questo post

Il Report è tradotto in italiano da noi e con le nostre considerazioni.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.