In SEO

Parlare di link building gratis può sembrare un controsenso. E in parte è così perché gli investimenti per ottenere buoni risultati nel web marketing non mancano mai. Anche quando vuoi lavorare con la SEO off-site e rispettare le linee guida di Google (ecco la fonte ufficiale).

Cosa dice Mountain View in questi casi? Le regole sono semplici: la compravendita di link è vietata, il rischio di incappare in una penalizzazione (ricordi Penguin?) è reale. Soprattutto se decidi di acquistare collegamenti ipertestuali con anchor text particolarmente spinti da altre pagine web.

I link non devono sembrare naturali, devono esserlo. Questa è la bussola da tenere a portata di mano quando vuoi seguire un approccio etico alla SEO off-page. E mettere in pratica queste strategie di link building gratis può essere la strada giusta per raccogliere buoni frutti. Approfondiamo insieme queste tecniche? Qui trovi il mio punto di vista sul tema.

Pubblica guest post importanti (sul serio)

Uno dei metodi migliori e più efficaci per trovare link di qualità. Sto parlando del pubblicare guest post su blog attinenti all’argomento che affronti. In realtà questo tema è stato stigmatizzato da Google. E Matt Cutts ha più volte messo in guardia i cacciatori di link facili.

Ma le stesse linee guida del motore di ricerca sottolineano che sono le campagne di guest blogging di massa, e di scarsa qualità, a rappresentare un problema. Ecco un estratto decisivo:

Campagne di marketing di articoli o di pubblicazione degli ospiti su larga scala con link di anchor text pieni di parole chiave.

La mia opinione è semplice: pubblicare articoli superiori, su blog di buona caratura e attinenti al tema, con anchor text non estremizzati (quindi niente keyword commerciali) può essere una strada abbastanza sicura per fare link building gratis. In questo passaggio, quello che ti consente di scegliere il blog per pubblicare i post, puoi fare affidamento ai migliori SEO tool.

Usare Semrush, Seozoom e Majestic è importante. Molti blogger accettano testi per il proprio blog senza chiedere una contropartita in denaro. A questo punto l’unico investimento è quello relativo alla stesura del contenuto. Che però deve essere perfetto e conveniente per te: inutile perdere tempo a scrivere capolavori per blog che non ti portano valore.

Da leggere: primo approccio alla Search Console per fare SEO

Pubblica qualcosa di esclusivo che sai solo tu

Ad esempio una notizia del settore che hai ottenuto in esclusiva, i dati di una ricerca svolta con i colleghi, i numeri di un sondaggio. Puoi usare Google Docs per lanciare dei poll da far girare online e raccoglie dei dati. Poi li elabori, affronti una tesi, esponi le conclusioni e crei una sintesi grafica. Magari una presentazione su Slideshare e un video per discutere il tutto. Come dici? Non è semplice? Beh, per fare link building gratis devi offrire qualcosa, le menzioni non cadono dal cielo.

Lavora sul tuo blog con il content marketing

Sai, io faccio link building gratis con My Social Web. In realtà ho sempre lavorato in questo modo e i risultati mi danno ragione: ricevo tanti link spontanei, naturali, senza pagare. Ok, molto dipende dal settore e dalla visibilità ma l’unica cosa che faccio è produrre contenuti.

Il fatto stesso di aprire un blog e rispondere alle necessità del pubblico ti permette di aumentare le probabilità di ricevere link senza pagare. Solo perché sei utile. Ma non è sufficiente, devi fare qualcosa in più. E regalare un benefit ai blogger disposti a mettere un link. Qualche consiglio:

  • Ebook.
  • Grafici.
  • Case study.
  • Animazioni.
  • Infografiche.
  • Ricerche.
  • White paper.

Più dai e maggiori sono le probabilità di ricevere qualcosa. E non voglio sentire le solite lagne di chi dice che il proprio settore è diverso tirando in ballo la storia della fabbrica di bulloni.

Chi metterà un link alla tua attività? Nessuno se hai un sito statico. Ma se pubblicherai una guida per creare la casa sull’albero perfetta (con i tuoi bulloni) forse registrerai link dai blog di fai da te e lavori in casa. E il costo sarà solo quello necessario per creare il documento a regola d’arte.

Anche se per agevolare la diffusione dei contenuti e ottenere risultati migliori ti farà comodo un minimo di Digital PR. Ma questo è un argomento da approfondire nel prossimo paragrafo.

Crea eventi interessanti per il tuo settore

Molte aziende investono negli appuntamenti offline che chiamano a raccolta addetti ai lavori e appassionati. Questo può portare introiti, dovuti alla vendita diretta dei biglietti, insieme a benefici correlati come lead generation e brand awareness. Senza dimenticare la link building gratis.

Accompagnando l’attività con le Digital PR, infatti, posso distribuire comunicati stampa e materiale informativo ai quotidiani online che scriveranno articoli con link al sito per completare la notizia a favore di chi vuole maggiori informazioni. Poi posso creare delle collaborazioni con blogger che, a fronte di un articolo (non semplice ripubblicazione del comunicato stampa), possono entrare gratis come media partner. Insomma, con gli eventi si può lavorare bene.

Proponi punti di vista differenti dalla massa

Un vecchio trucco da blogger navigato. C’è un argomento che entra negli hot topic e presenta un buon numero di discussioni online che si polarizzano intorno a un’unica opinione? Prova a scrivere un articolo dedicato a una prospettiva contraria, magari con tono pungente e sarcastico.

È giusto lavorare in modo da rendere credibile la tua opinione, ma il principio è chiaro: devi porti controcorrente. Nessuno linka un post che segue la massa, ma puoi guadagnare qualche menzione se proponi qualcosa di diverso e valido allo stesso tempo.

Qual è la link building gratis da evitare?

Io direi di scongiurare le tecniche ormai superate. Un tempo si faceva link building a costo zero con metodi che oggi si allontanano anni luce dagli standard professionali. Qualche esempio?

  • Comunicati stampa da pubblicare in massa.
  • Inclusione in directory scadenti e non attinenti.
  • Link building nei commenti di blog e forum.
  • Article marketing duplicati e di scarsa qualità.
  • Scambio di link, soprattutto nella sidebar.

Nel migliore dei casi queste soluzioni non portano benefici. Nel peggiore ti regalano una penalizzazione. Attenzione, le attività di link building virtuose possono diventare un problema se no non vengono gestite da persone competenti.

Ecco perché sottolineo un punto: fai seguire questi lavori a un professionista, ottenere link gratis non vuol dire essere esente dal giudizio di Google. Non voglio creare allarmismi, ma è meglio lavorare in modo da ridurre i rischi. E cercando di ottenere il massimo dalla link earning.

Da leggere: i migliori consigli per fare SEO copywriting

Tecniche di link building gratis: opinioni?

Ti dico la mia: esistono soluzioni per ottenere citazioni gratuitamente ma alla base c’è sempre un investimento. Che può essere di tempo, creativo o economico. In ogni caso devi fare qualcosa per esserci e per avere una buona attività di SEO off-site. Che rimane un aspetto essenziale per il successo di un progetto web, soprattutto nei settori più competitivi. Sei d’accordo? Tu hai iniziato a Fare link building gratis? Racconta la tua esperienza nei commenti.

Post suggeriti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.