L’evoluzione e-commerce e le tendenze 2023-2024

Se hai un e-commerce o stai pensando di aprire un e-commerce nel 2024, devi conoscere bene il mercato, sapere come si è evoluto negli ultimi anni, e come si è assestato dopo il periodo particolare del lockdown. Inoltre è fondamentale conoscere anche quali sono i prodotti più venduti online in Italia. In questo articolo analizzeremo il mercato degli e-commerce negli ultimi anni, fino ad un focus sul 2023, analizzando fatturato, prodotti più venduti negli e-commerce, acquirenti online, per cercare di aiutarti a cogliere le tendenze delle vendite online 2023-2024.
prodotti piu venduti 2023
Indice dei contenuti

Se hai un e-commerce o stai pensando di aprire un e-commerce nel 2024, devi conoscere bene il mercato, sapere come si è evoluto negli ultimi anni, e come si è assestato dopo il periodo particolare del lockdown.

Inoltre è fondamentale conoscere anche quali sono i prodotti più venduti online in Italia. In questo articolo analizzeremo il mercato degli e-commerce negli ultimi anni, fino ad un focus sul 2023, analizzando fatturato, prodotti più venduti negli e-commerce, acquirenti online, per cercare di aiutarti a cogliere le tendenze delle vendite online 2023-2024.

L’evoluzione dell’ecommerce nel 2019-2020-2021

Ne abbiamo parlato in un post di un anno fa: fra i tanti settori della digitalizzazione a cui la pandemia ha messo il turbo c’è anche quello delle vendite online (qui puoi trovare l’articolo completo sui “Prodotti più venduti online nel 2021“).

Studio Samo Pro Minidegree

Anche in Italia il mercato degli acquisti online ha visto un’impennata a partire dalla fine delle 2019, che ha seguito una crescita costante fino al primo trimestre del 2021. L’Italia si è assestata così al primo posto in Europa per crescita e al 4º posto nel mondo, dove la crescita degli acquisti online nel 2021 è stata del 58% (rispetto al 2020).

Dopo il picco di vendite di mascherine e gel igienizzante del 2019/2020, nel 2021 sono tornati infatti a primeggiare gli acquisti di puro shopping, e gli e-commerce hanno ripreso a registrare vendite nei settori classici come l’elettronica di consumo e la moda, in particolare il fast fashion.

Se si amplia l’orizzonte guardando anche i marketplace più famosi, nel 2021 troviamo tra le merci più vendute il food and beverage, i prodotti per la casa e la cucina, l’elettronica di consumo come gli smartphone, le tv, auricolari TWS, Wearable, e in fine i prodotti per la cura della persona (prodotti per il fitness, lo sport e prodotti di bellezza).

Guardando poi i comparatori di prezzo, Trova Prezzi ci dice che anche gli elettrodomestici, gli integratori alimentari, i farmaci da banco e i parafarmaci l’hanno fatta da padroni.

Ma i prodotti più venduti online, da chi erano acquistati in Italia?

Fino al 2021 la quota maggiore degli acquirenti degli e-commerce era compresa nella fascia di età 25-34 anni, che copriva il 25% degli acquisti online, seguita subito a ruota dalla fascia d’età 35-44 anni con il 21,5%. Possiamo quindi comprendere che la stragrande maggioranza degli acquisti fino al 2021 veniva fatta nella fascia di età 25-44 anni.

La fascia di età più giovane tra i 18 e i 24 anni copriva appena il 15,5% dei clienti e-commerce, ma con un grosso incremento rispetto all’anno precedente di ben il 4,5%. Un altro 20% era coperto dalla fascia di età 45-54 anni.

Quanto vale il mercato dei prodotti venduti online in Italia?

Da uno studio dell’osservatorio ecommerce B2c Netcomm, possiamo vedere come appunto il 2019 con la pandemia abbia segnato un picco del +46% degli acquisti online, mai verificatosi prima, per poi riassestarsi al +20% circa del pre-pandemia (esattamente +18% tra il 2020 e il 2021).

Nel 2021 il mercato del commercio elettronico B2C in Italia valeva 30,9 miliardi e si sviluppava anche nel B2B (seppure la quota di mercato B2B – ovvero acquisto di servizi – era superiore durante la pandemia nel 2019).

La quota più grande del mercato e-commerce resta comunque coperta dalla vendita di beni di consumo, quindi dagli ecommerce B2C, che continuano a crescere passando a 32,5 mld nel 2022 e 35,2 nel 2023, attestando come i consumatori dimostrino di avere sempre più fiducia nelle ricerche e acquisti online per i beni di cui hanno bisogno.

Andamento del fatturato e-commerce per prodotti Business to Consumer

Torna a crescere di anno in anno anche la quota ecommerce del B2B, che vale nel 2023 ben 18,8 mld.

Andamento fatturato ecommerce servizi Business to Business

Come sono cambiate le abitudini di acquisto online dopo l’influenza della pandemia?

In linea generale possiamo dire che la pandemia ha influito parecchio sull’aumento delle vendite online con una grossa impennata nel 2019, ma che ha definitivamente cambiato le nostre abitudini rendendo gli e-commerce un canale di vendita ormai stabile che è entrato totalmente nelle abitudini dei consumatori.

Studio Samo Pro Minidegree

Secondo ISTAT (qui trovate il Report completo), nel 2020 comprava online il 27,3% degli individui e famiglie, passati al 34,8% nel 2021.

A partire dal 2021 gli acquisti hanno ricominciato ad assestarsi sulle esigenze personali non più influenzate dalla pandemia, tornando a concentrarsi su un semplice e bentornato shopping.

Nel 2022 ben il 48, 2% della popolazione sopra i 14 anni comprava online, sfiorando quindi la metà della popolazione sopra i 14 anni.

I più propensi all’acquisto online nel 2022 sono stati gli uomini (52,4% rispetto ad un 44, 4% di donne).

Come scritto in precedenza notiamo il picco della fascia giovanile, che già stava crescendo nel 2021, e che nel 2022 è diventata la fascia più importante: gli acquisti nel 2022 infatti sono stati effettuati soprattutto da giovani tra i 20 e i 24 anni (75,7%).

Se analizziamo invece tutta la popolazione tra i 16 e 74 anni, coloro che hanno fatto ricorso abitualmente agli acquisti online nel 2022 sono stati il 37, 3%, in forte crescita come media nazionale, seppur ancora sotto la media europea (EU27) che si attesta al 56,1%.

statistiche degli acquisti online

Quali sono stati gli articoli più venduti online nel 2022?

Secondo ISTAT, le categorie più vendute nel 2022 vedono al primo posto il settore moda per il 19,4%, seguito al secondo posto dagli articoli per la casa, l’arredo e il giardinaggio al 10, 3%, e al terzo posto i film e le serie TV, sia in streaming che in download, all’8,5%%

Se analizziamo le diverse ricerche presenti online, fra le quali citiamo nel dettaglio quella di MBE e eWorldTrade (che trovate a questo link https://blog.mbe.it/it/l429-prodotti-piu-venduti-online), vediamo che nel 2022 la fanno da padrone il settore moda, con focus particolare sul fast fashion, l’elettronica di consumo, i mobili e gli accessori per casa, arredo e giardino, salute e bellezza, sport e prodotti per la cura della persona.

Volendo entrare più nel dettaglio ci corre in aiuto Shopify, con la lista dei prodotti di tendenza da vendere online per il 2022 tra cui citava i principali che sono:

  • tappetini yoga;
  • cucce e trasportini per animali;
  • utensili da cucina;
  • ciglia finte;
  • gioielli articoli di bigiotteria;
  • bottiglie di vino e accessori;
  • prodotti per l’ufficio in casa;
  • borracce termiche in acciaio;
  • giochi da tavolo.
prodotti più acquistati online 2022
Prodotti più acquistati online nel 2022. Fonte: Shopify – https://www.shopify.com/it/blog/cosa-vendere-online

Come sta cambiando la vendita online nel 2023?

Pur non essendosi ancora chiuso il 2023 ci viene in aiuto il report annuale sull’ ecommerce italiano pubblicato da IDEALO (se vuoi, leggi anche il “Report annuale sull’e-commerce italiano di IDEALO“), noto leader europeo nel settore comparazione prezzi che ha approfondito le abitudini delle persone che utilizzano regolarmente il loro comparatore.

Come dicevamo prima, si può ormai affermare con certezza che il settore dell’ecommerce in Italia è stabilmente radicato: il report di IDEALO ci dice infatti che 8 italiani su 10 comprano almeno una volta al mese online corrispondenti al 61% dei consumatori che continuano a farlo regolarmente, mentre il 24% addirittura anche una volta alla settimana.

Le Top 5 Categorie e i Top 10 Prodotti Più Venduti nell’E-commerce Globale nel 2023

  1. Moda  
  2. Salute e Stile di Vita  
  3. Cura della Persona e Bellezza
  4. Arredo e Manutenzione Casa
  5. Tecnologia ed Elettronica
categorie ecommerce più vendute
Categorie di prodotti più venduti su e-commerce nel 2023. Fonte: Shopify –https://www.shopify.com/blog/top-online-shopping-categories

La Top 10 dei prodotti più venduti nell’e-commerce globale nel 2023

  1. Siero Bakuchiol
  2. Power Bank
  3. Pantaloni Cargo
  4. Berretti
  5. Patch per Brufoli
  6. Olio per Capelli
  7. Marsupi per Bambini
  8. Orecchini Bohémien
  9. Cuscini a Zeppa
  10. Matcha

Cerchi le fonti? Le trovi qui:

Questo elenco rappresenta una finestra sulle preferenze dei consumatori, che sono influenzate da una nuova consapevolezza sanitaria, le tendenze della moda e l’impatto continuo della pandemia sulle scelte di stile di vita. L’e-commerce deve continuare ad adattarsi alle esigenze dei consumatori del mondo per continuare a rispondere all’evoluzione dei bisogni di chi compra online.

Le tendenze dell’e-commerce mondiale del 2023 riflettono una crescente inclinazione verso prodotti che migliorano la qualità della vita, mettendo in luce l’importanza di un approccio olistico al benessere e alla moda sostenibile.

Grazie alla vasta gamma dei prodotti oggi presenti online, possiamo dire che non c’è mai stato un momento migliore per esplorare le infinite possibilità offerte dallo shopping online.

Cosa comprano online gli italiani nel 2023?

Nel primo trimestre 2023 il 43% degli utenti online ha acquistato elettronica, segue il 41% che ha acquistato moda e abbigliamento, seguito dalle scarpe con il 33%. Restano tra gli articoli più venduti online anche i prodotti per la bellezza e i profumi, i giocattoli e il Gaming, le medicine e i prodotti per la salute, il food and beverage e  a seguire rimangono in voga il settore pet,  sport, arredamento e giardino.

Si nota come ogni singolo settore sia cresciuto nell’interesse dei consumatori italiani.

Ecco le categorie più vendute, raccolti da Evoluzioneecommerce.it (trovi qui il report completo):

  • Moda (Fashion) – La categoria moda è quella che ha registrato il maggior numero di vendite, soprattutto grazie all’elevato numero di negozi online presenti in questa categoria;
  • Viaggi e Turismo – Con la fine della pandemia, il pubblico ha esplorato di più le opzioni di viaggio e turismo online;
  • Prodotti Tecnologici – Compresi vari sottogruppi come giochi e telefoni cellulari, i prodotti tecnologici si sono piazzati al terzo posto;
  • Prodotti Culturali – Libri, musica e file a basso costo da scaricare hanno rappresentato la quarta categoria più venduta;
  • Corsi Online – Dalla lingua alle specializzazioni tecniche, i corsi online si sono posizionati al quinto posto.

Chi sono gli acquirenti nel 2023?

Percentuale di consumatori per fasce d’età

Gli uomini preferiscono il settore della tecnologia, seguito da quello delle scarpe, mentre le donne preferiscono il settore moda e accessori, seguito da quello della bellezza.

Ci sono 2 dati interessanti, il primo è che l’elettronica di consumo conferma inequivocabilmente il suo predominio per gli acquisti online per le persone sopra i 25 anni, il secondo dato è relativo all’unica eccezione a questo primo dato: gli under 24 preferiscono acquistare online moda e accessori.

Questi dati ci confermano che il fenomeno degli e-commerce seppur sia stato fortemente attivato e accelerato dalla pandemia, non è stato un fenomeno passeggero, relativo alla sola pandemia ne

conclusosi con essa, ma continua costantemente a crescere di anno in anno.

Strumenti e Partner per un e-commerce performante

Se stai pensando di aprire un e-commerce o di migliorare le performance del tuo e-commerce nel 2024, ti viene in aiuto anche il report Ecommerce Italia di Casaleggio Associati (trovi qui il report completo).

Il report è una disamina puntuale di tutte le necessità per fare e-commerce: e-commerce manager, sistemi di pagamento, logistica, marketing, e tutti gli altri aspetti della gestione del tuo sito di vendita online.

Nel report vengono riportati i migliori servizi, strumenti, tool e partner per un ecommerce, e vengono presentati dati per avere sia una visione generale d’insieme, sia una visione dettagliata di ogni singolo aspetto pratico-operativo di un e-commerce.

Il report di Casaleggio Associati

Tra i dati più interessanti del report, si può notare come ben il 67% degli e-commerce manager sia insoddisfatto o in difficoltà nel trovare strategie efficaci di promozione online del proprio e-commerce.

Il 67% degli e-commerce manager sia insoddisfatto o in difficoltà nel trovare strategie efficaci di promozione online del proprio e-commerce

Trovo molto interessante anche il grafico relativo alla suddivisione del budget di marketing degli esercenti italiani, dal quale si evince appunto la suddivisione del budget tra attività pubblicitarie pure (SEM-24%, Display Advertising-6%), e attività di contenuto e relazione (SEO-14%, Gestione Social Media-14%, Email Marketing-9%).

Il budget marketing dell’ecommerce

Alcuni di questi strumenti sono strategicamente molto importanti, perché creano e capitalizzano il valore di impresa posizionando il tuo e-commerce e aumentando e migliorando la relazione con i tuoi stakeholder: in particolare il posizionamento sui motori di ricerca (SEO), l’email marketing, la gestione delle recensioni e dei social media.

Tra l’altro segnalo che abbiamo scoperto con piacere che Studio Samo è citato nel report tra le migliori agenzie SEO per un e-commerce (ci trovi al capitolo 7, a pagina 40 del report).

Strategie Marketing 2024 per eCommerce

Tirando le fila quindi, possiamo dire che:

  • nel 2023, l’e-commerce in Italia ha continuato a crescere post-pandemia, spinto da settori come tempo libero e shopping virtuale;
  • nel 2024 sono confermate le tendenze su moda, elettronica, sport e benessere, parafarmaci e prodotti per la salute e bellezza;
  • il 2023 ha anche aperto a nuove strategie marketing nel settore eCommerce.

A mio avviso quindi queste strategie dovranno essere i pilastri portanti degli e-commerce nel 2024:

cruciali saranno gli eCommerce mobile-friendly, l’integrazione di IA come chatbot, e l’adozione di social e live video shopping. La sostenibilità ambientale guiderà anche le preferenze dei consumatori.

Gli strumenti di automazione si consolidano, con un’attenzione particolare al Marketing Conversazionale e Chat e alla Gestione Avanzata dei Dati. L’Email Marketing, con messaggi su misura, mira a ridurre l’elevato tasso di abbandono del carrello, stimolando gli utenti a finalizzare gli acquisti. L’approccio Customer Centric, sostenuto da avanzati sistemi di Business Intelligence e test A/B, favorisce una migliore comprensione delle preferenze dei clienti.

L’investimento in strategie SEM e SEO dovrà crescere, mentre nel settore del social commerce, Instagram, Whatsapp Business e Facebook domineranno. TikTok si distingue come piattaforma emergente e continuerà a crescere.

Per il 2024 quindi, il settore e-commerce promette ampie opportunità per chi aspira a lanciare un’attività online.

Tuttavia, oltre a un’idea vincente, è fondamentale una strategia robusta per promuovere il sito, attrarre clienti e valutare i risultati.

Rivolgersi a un’agenzia di digital marketing per una consulenza strategica e un piano di business su misura è essenziale. Le giuste strategie di brand, unite alla giusta agenzia con il giusto team, possono dare il supporto più efficace al tuo progetto, per realizzare il tuo e-commerce, ma soprattutto per farlo performare al meglio.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Gianluca Ferraro
Gianluca Ferraro

Digital Strategist

Articoli di Gianluca Ferraro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.