La sidebar è uno degli elementi tipici di un blog. Si tratta di una colonna che affianca i contenuti che pubblichi ogni giorno, e ha una funzione importante: dare alloggio ai vari widget, agli elementi che dovrebbero arricchire il tuo blog e permettere al lettore di compiere determinate azioni.

Quindi, tra le caratteristiche essenziali del blog c’è la presenza della sidebar. È sempre così? È sempre presente questo elemento? No, ci sono opzioni differenti in base al template scelto per il blog: il più comune è quello che presenta una colonna centrale per i contenuti e una laterale (di solito a destra) per la sidebar.

Ci sono altre combinazioni, ad esempio con una sidebar per lato o entrambe a destra. Un’altra soluzione interessante: totale assenza della sidebar, proprio come fa Leo Babauta: niente sidebar, solo testo. Il design scelto da Leo è coerente con il suo progetto zen, e non mancano template monopagina: è una scelta.

Una scelta che non condivido.  La sidebar è un elemento decisivo per scoprire nuove risorse – tipo archivi e liste – del tuo blog. La sidebar può essere usata anche per aumentare le conversioni, per portare nuovi clienti verso le tue landing page e per fare lead generation.

Diventa interessante il discorso sulla sidebar, vero? Ecco perché voglio lasciarti i principali consigli per ottimizzare la barra laterale del tuo blog. Ma prima voglio chiarire un punto per approfondire l’argomento.

Cosa sono i widget

I widget sono dei moduli che ogni blog WordPress mette a tua disposizione. Fanno parte del CMS e possono essere gestiti dalla dashboard andando nel menu a sinistra (c’è una voce omonima in “apparence”). Puoi inserire i widget nella sidebar grazie a un sistema drag and drop. Quindi puoi trascinare i widget verso la sidebar e ordinarli come preferisci.

widget blog

Lo stesso vale anche per il footer se il template lo prevede. Torniamo ai widget della sidebar: ce ne sono diversi di default, e molti altri possono essere aggiunti grazie a plugin WordPress. I widget si dividono in tre grandi categorie:

  • Contenuti (immagini, video, podcast, testo).
  • Social widget per Facebook, Twitter…
  • Collegamenti interni.

Nel primo caso i widget diventano supporto per qualsiasi tipo di contenuto, nel secondo invece si fanno supporto dei box e dei bottoni per diventare fan o follower. Il terzo invece è una questione interna: puoi trovare link a pagine, a tag e categorie, ai post più letti o a quelli più commentati. Puoi inserire un calendario o un widget per suggerire il feed rss.

Per approfondire: video corso di blogging Studio Samo.

Come gestire i widget

Hai capito qual è il succo: puoi inserire un numero infinito di widget. Io però ti consiglio di togliere ciò che non serve. In primo luogo perché i widget – soprattutto quelli dedicati ai file multimediali – potrebbero rallentare il caricamento della pagina. Inoltre devi risparmiare spazio e attenzione per gli elementi che fanno comodo.

La logica è quella dell’inbound marketing. Siamo nella parte alta del sales funnel e le persone arrivano sui tuoi contenuti grazie a una buona ottimizzazione SEO, all’advertising e a un lavoro di social media marketing. Leggono il tuo blog, sfogliano i tuoi contenuti. Ma la sidebar cosa fa? Distrae, porta il lettore verso risorse esterne. Eppure è uno degli elementi più evidenti.

funnel web marketing

I vantaggi di una sidebar asciutta sono chiari: concentrano l’attenzione verso le risorse che consentono al lettore di trasformarsi in un lead. Ecco perché i widget fondamentali per una sidebar sono il modulo per l’iscrizione alla newsletter e i banner che portano verso le landing page con relative call to action.

Ovviamente queste non sono indicazioni vincolanti, non sono leggi: potrebbero esserci altri obiettivi da perseguire con il tuo blog aziendale.

Magari puoi aver bisogno di più fan sulla pagina Facebook, e quindi puoi lasciare il box per spingere i lettori a seguire il tuo canale social. In ogni caso la regola è questa: domandati sempre quali sono i punti decisivi per il successo del tuo blog. Appena hai la risposta hai anche la regola da seguire per inserire i widget sul tuo blog.

sidebar blog

Quindi nella sidebar solo l’essenziale? No, non voglio essere estremo. La sidebar può essere usata anche per inserire link utili per scoprire altri contenuti o canali social. Quello che conta, però, è definire le priorità. Io metto sempre come primo elemento il widget più importante.

In questo modo sono presente above the fold e attiro subito l’attenzione con una call to action significativa. Come sottolinea webdesign.tutsplus.com (anche fonte immagine): “We’re also trying to capitalize on the second-row of the “F” by placing an advertisement or “call to action” here (#4)”.

I migliori plugin per la sidebar

Impossibile definire il numero dei plugin WordPress utili per migliorare la tua sidebar. Io però ne ho segnati due nei preferiti, e sono i plugin utili per migliorare l’attività dei tuoi banner.

Il primo è Q2W3 Fixed Widget (Sticky Widget), il plugin indispensabile per fissare i moduli nella sidebar: basta una spunta per fare in modo che il widget segua lo scorrimento della pagina. Mantenere i banner più importanti sempre sotto l’occhio del lettore non è mai stato così facile.

Qual è il banner più importante? Se hai un unico servizio/prodotto la scelta è limitata, ma se vuoi diversificare l’offerta in base al contenuto c’è una soluzione: Custom Sidebars. Questo plugin WordPress è utile perché ti permette di creare tutte le sidebar che ti servono, e di affiancarle a determinati contenuti.

Ad esempio, puoi fare in modo che la sidebar con i banner legati all’argomento web analytics escano solo quando pubblichi articoli legati a statistiche, Google Analytics e obiettivi.

E la tua sidebar, invece?

Ora hai un percorso da seguire per la tua sidebar, un sentiero fatto di essenzialità: togli ciò che non serve, dai spazio ai banner e ai moduli per raggiungere gli obiettivi fissati nel tuo piano editoriale. Senza cadere nell’oscurantismo assoluto. Questo è il mio punto di vista, il mio modo per organizzare la sidebar di un blog aziendale. Ora lascia la tua opinione nei commenti.

Hai trovato utile questo articolo?

Recommended Posts

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.