Lo so cosa stai per dire, ma non è così: migliorare i click di un blog è un lavoro, aumentare le visite del sito web un altro. Perché il diario online ha nella sua natura una caratteristica base: la possibilità di aggiornare giorno dopo giorno la propria home page. Questo vuol dire spingere con forza il brand.

Vuol dire avere la possibilità di aggiornare i canali social con nuovi articoli, e di intercettare le esigenze del pubblico con pagine web pensate per le ricerche informazionali. Ovvero quelle query che cercano soluzioni, idee e consigli. Il blog è perfetto, ma aumentare la visibilità di un sito è un lavoro diverso.

Vero, il traffico non è l’obiettivo ultimo. Il successo di un sito web non dipende dalla curva di Google Analytics ma dal fatturato. Quindi dal numero di individui che usano le sue pagine per diventare lead e/o clienti. Però è chiaro che per ottenere questo risultato ce le devi portare le persone sulle pagine. Allora, come aumentare le visite di un sito web? Oggi voglio lasciare la mia esperienza per iniziare con il piede giusto.

Aumenta la visibilità su Google con la SEO

Il primo step da affrontare se vuoi migliorare la visibilità del sito web: investire sulla SEO. Ovvero sull’ottimizzazione per i motori di ricerca. Ora già immagino le tue domande: come salire su Google? Come ottenere le posizioni migliori nella serp? Questo è un lavoro che ti consente di aumentare le visite del sito, ma non è facile. Soprattutto nei settori molto competitivi, dove ci sono margini di guadagno alti e molte aziende che puntano verso lo stesso obiettivo.

Cosa fare in questi casi? Ecco un percorso: analisi di base per comprendere il settore e i competitor, keyword research per avere un’idea delle possibili necessità del pubblico, organizzazione delle query per capire quali pagine creare e soddisfare le esigenze, attività on-page e off-page per raggiungere il risultato. Poi relativa analisi dei dati. Sulla carta è molto semplice, ma la pratica è un’altra storia. Ecco perché il primo investimento che farei con un sito web appena nato è questo: lavorare fianco a fianco con un esperto SEO.

In realtà l’ideale sarebbe progettare e creare un portale capace di crescere in modo da accontentare i due protagonisti del tuo successo: i motori di ricerca e il pubblico. Mai separare queste entità, mai pensare di poter creare un progetto SEO friendly senza considerare la tua audience. I compartimenti stagni sono il passato. Soddisfare il pubblico con le informazioni utili è il primo passo per aumentare la visibilità di un sito su Google.

Per approfondire: ottimizzazione SEO di un sito web

Progetta una campagna di email marketing

Molte aziende hanno la fortuna di gestire grandi liste di email. Perché magari le persone che acquistano lasciano l’indirizzo di posta elettronica, e con un consenso adeguato questi contatti diventano una risorsa per portare traffico sul sito web. Attenzione, una lavoro del genere non può essere svolto a cuor leggero: l’invio massivo di email deve essere gestito da programmi adeguati e, soprattutto, deve avere un fine ultimo.

Vuoi far arrivare le persone sul sito per migliorare le visite: è questo il tuo scopo? Torniamo al passaggio iniziale, le visite da sole non danno al tuo progetto i risultati sperati. In questi casi, ad esempio, potrebbe essere utile avere delle landing page adeguate per far atterrare contatti segmentati su una risorsa che ti consente di raggiungere un obiettivo. E non solo di aumentare le visite del sito alla cieca.

Usa Google AdWords al meglio

Un altro modo che ti suggerisco per migliorare la visibilità di un sito: usare le sponsorizzazioni di Google Adwords, quelle che vedi nella parte superiore (e spesso inferiore) della serp. Perché è così importante sponsorizzare un sito web con questo programma? Semplice, con la giusta combinazione hai conclusioni vincenti.

aumentare visite al sito web

Il giusto mix di risultati organici e a pagamento.

Soprattutto, puoi aumentare le visite di un sito appena nato e che non può contare sui benefici di altri canali. L’ottimizzazione SEO è importante, questo è chiaro. Ma un buon piano web prende in considerazione tutte le possibilità offerte dalla più grande fonte di traffico del web (guarda immagine sopra). Ancora un vantaggio di AdWords: puoi osservare tutti i parametri e migliorare le tue campagne con una precisione degna di nota. Lavorare in questa direzione, però, non è semplice: ti consiglio il corso di AdWords online di Studio Samo.

Sponsorizza le pagine del sito su Facebook

Non c’è solo Google, Facebook può essere la strada ideale per aumentare le visite del sito web. In che modo? Risposta semplice: con gli strumenti che ti consentono di fare advertising. Questo social network mette a disposizione una realtà avanzata, e con le giuste competenze puoi creare delle sponsorizzazioni capaci di ottenere il risultato sperato. Ecco, questo è un altro passaggio: puoi decidere l’obiettivo da raggiungere.

Facebook mette a disposizione un Power Editor avanzato e qui puoi creare tutte le campagne che preferisci, dividendole per obiettivi. Quindi non si tratta solo di migliorare la visibilità di un sito internet, ma di farlo con uno scopo. Con un intento preciso: vendere, acquisire lead, portare visite profilate sul sito. Questo è il vero web marketing, secondo me: ecco come progettare una campagna su Facebook.

Apri un blog all’interno del sito

Bene, prima o poi dovevo arrivare su questo punto. Inutile girare intorno all’argomento: la presenza di un blog all’interno del sito può essere una delle soluzioni migliori per migliorare le visite. Perché la produzione di articoli, basati su un piano editoriale che tenga presente le ricerche informazionali dei potenziali clienti, si innesca un processo di inbound marketing capace di moltiplicare le visite e ottenere posizionamenti interessanti.

aumentare le visite del sito

Questo grafico chiarisce l’utilità di un blog in un sito web, nella fattispecie in un e-commerce. Con le pagine del sito web incontri le ricerche commerciali, quelle che ti consentono di vendere o acquisire lead (contatti), con gli articoli del blog invece intercetti le keyword informative. Se consideri che l’80% delle ricerche online sono di questo tipo puoi ben capire l’importanza di un blog quando vuoi aumentare le visite del sito.

Da leggere: come aumentare le visite del blog

Vuoi migliorare la visibilità del sito gratis?

Un desiderio destinato a incontrare delusioni: migliorare le visite di un sito senza investimenti è un’impresa senza futuro. Magari il blog può contare su un minimo di movimento dovuto a una pubblicazione costante con continua condivisione sui social. Ma per un sito web è difficile muoversi senza risorse.

Risorse che non riguardano solo l’aspetto economico. Vero, la pianificazione di un calendario editoriale social ha un costo. Anche la pubblicità, così come il lavoro di un esperto SEO. Sai cosa? Devi metterci la tua esperienza, devi fare formazione e comprendere come migliorare il tuo sito web. Magari creando un blog da gestire in prima persona. La visibilità gratis non esiste: il web è uno strumento per investire.

Aumentare le visite del sito: la tua esperienza

Non è facile aumentare le visite del sito, questo è un dato di fatto. Soprattutto se operi in un segmento che lascia poco spazio alle new entry. E che non ammette errori, assenze, passi falsi. Però un punto è chiaro: ci sono diverse soluzioni per ottenere un risultato, quasi sempre però devi investire in tempo e denaro.

Forse è arrivato il momento di abbandonare l’idea di un web tutto gratis e di abbracciare l’idea che puoi ottenere gli esiti sperati con il giusto investimento, ovvero se chiami professionisti adeguati o se punti sulla formazione di personale interno. O magari la tua, perché no. Sei d’accordo? Ti aspetto nei commenti.

Hai trovato utile questo articolo?
Recommended Posts

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.