Hai investito tutte le tue risorse per creare dei contenuti che si adattino alle esigenze dei tuoi lettori. Ed è giusto così: il pubblico è l’unico, grande, giudice del tuo operato. Quello che piace al pubblico diventa contenuto di qualità. Questo non vuol dire abbandonare le caratteristiche della propria scrittura. Conosci la mia opinione: il web copywriting è un equilibrio tra lo stile individuale e le esigenze del pubblico.

Gli strumenti SEO ti possono aiutare a individuare le intenzioni di ricerca, quello che le persone cercano con una query. E l’analisi delle discussioni online ti permette di approfondire le esigenze, i linguaggi, i desideri del tuo pubblico. Questa è la mia idea di buona scrittura online: non lavorare per il motore di ricerca, ma per le persone che usano Google al fine di dare una risposta alle proprie esigenze.

Ma lo sai che c’è una gran quantità di persone che usano smartphone tablet per leggere i tuoi contenuti? Certo, lo sai bene. Sai anche che Google ha individuato nel mobile friendly uno dei parametri per definire il ranking (ovvero il posizionamento) di un sito web. Certo, non è uno dei fattori più influenti. Il ragionamento di Google è semplice: devo restituire il miglior risultato possibile, quindi un blog o un sito web mobile friendly dovrebbe essere avvantaggiato.

“We’re boosting the ranking of mobile-friendly pages on mobile search results”. Queste sono le parole del Google Webmaster Central Blog, e per testare le tue pagine puoi utilizzare il tool messo a disposizione da Mountain View. Basta tutto questo? Sei sicuro che i tuoi contenuti rispettino le esigenze di una piattaforma ottimizzata per smartphone e tablet? Per ottenere i migliori risultati e creare dei contenuti mobile friendly dovresti seguire i consigli di questa infografica firmata vertical-leap.uk.

mobile friendly

I consigli per creare dei contenuti mobile friendly sono semplici, ma al tempo stesso possono fare la differenza in un web che ogni giorno si adatta sempre di più alla liquidità dei monitor tascabili. Le persone vogliono leggere i tuoi contenuti dallo smartphone e dal tablet, e tu hai un obbligo: assecondare questa esigenza. Altrimenti rischi di perdere buone occasioni.

1. Headline efficaci

Come ho sottolineato anche nel mio corso di blogging, creare una buona headline per il tuo post è un investimento che porta sempre buoni risultati. Perché l’headline (il titolo del post) viene ripresa dai social e dai motori di ricerca, viene mostrata nelle serp e nelle bacheche.

E su un dispositivo smartphone o tablet acquista una centralità superiore. Perché cattura l’attenzione, perché diventa un punto di riferimento per l’utente che deve scegliere il risultato migliore per sciogliere dubbi e soddisfare esigenze. Lo so, creare una buona headline non è facile ma su questo blog puoi trovare risorse utili:

2. URL SEO Friendly

La struttura dell’URL di una pagina web dovrebbe seguire delle regole ben precise che si riassumono in un principio chiave: semplicità. Un URL semplice e pulito diventa un segnale utile per l’utente e per il motore di ricerca, aiuta a capire qual è l’argomento affrontato nella pagina web. Soprattutto, in un’ottica mobile, dà una marcia in più ai tuoi contenuti nella serp.

6 consigli per creare dei contenuti mobile friendly contenuti mobile friendly

Google, infatti, trasforma gli URL in un percorso breadcrumb nelle serp mobile. E se il permalink della pagina ha una struttura lineare, con parole chiave utili alla contestualizzazione del topic, il risultato è degno di nota. L’obiettivo? Le persone devono capire qual è il tema del contenuto prima ancora di cliccare sul link. Per maggiori informazioni sull’argomento puoi consultare la pagina ufficiale di Google: developers.google.com/structured-data/breadcrumbs.

3. Vai subito al punto

Non voglio entrare nella solita polemica tra contenuti lunghi e contenuti brevi. Il miglior articolo per il tuo blog è quello che usa lo spazio giusto per spiegare, nel miglior modo possibile, un determinato concetto. Non c’è bisogno di aggiungere altro. Con il mobile è sempre più importante eliminare il superfluo. Il contenuto deve dare subito informazioni precise sul tema del post, deve introdurre subito il tema e suggerire al lettore gli sviluppi del post.

4. Paragrafi brevi

In parte collegato con il punto precedente, questo aspetto è decisivo per migliorare la leggibilità dei tuoi articoli su mobile. Non solo. Un paragrafo breve aiuta il lettore a isolare un concetto, a individuare e ad assimilare un aspetto del tuo ragionamento, un insieme di dati, delle nozioni. Ma anche il passaggio di un tutorial. Puoi isolare il paragrafo con dei sottotitoli (come ho fatto in questo post) e aggiungo questo: per migliorare la leggibilità dei tuoi post su mobile devi usare dei sottotitoli capaci di suggerire il tema del paragrafo.

Ricorda che gli spazi bianchi in un post non sono vuoti, ma racchiudono il consiglio del blogger sul ritmo della lettura. Uno spazio bianco suggerisce pausa, respiro, riflessione su quello che hai scritto. Lo spazio bianco è sinonimo di rispetto nei confronti del lettore. Ultimo consiglio: segui la gerarchia dell’heading quando inserisci i sottotitoli (H1, H2, H3…).

Da leggere: lezione avanzata di leggibilità per blogger.

5. Lavora sulle call to action

Ovvero sugli elementi che permettono di ottenere contatti utili. Per cosa? Dipende dai tuoi scopi: per scaricare un PDF, per diventare un potenziale cliente, per acquistare un bene o un servizio, per lasciare un commento, per trasformare il lettore in un cliente. Le call to action invitano il lettore a compiere un’azione e quando scrivi i tuoi contenuti assicurati che siano ben visibili, facili da cliccare, in equilibrio con gli altri elementi della pagina.

6. Ottimizza i micro contenuti

In realtà sull’infografica si parla di contenuti, ma mi sembra generico come consiglio. Chiaro, dobbiamo prestare attenzione ai contenuti. Io punto l’attenzione sui micro contenuti, ovvero quelle particelle di testo che sul mobile diventano ancora più importanti. Sto parlando di meta description, testo alternative e didascalie delle immagini, anchor text, sottotitoli, URL, call to action, title dei link e delle immagini. Tutto deve essere ottimizzato per dare più informazioni possibili al lettore e al motore di ricerca.

Contenuti mobile friendly: la tua opinione

Ecco una manciata di consigli per ottimizzare la creazione e pubblicazioni di contenuti per smartphone e tablet. Consigli che non pretendono una rivoluzione nel tuo processo creativo, ma che si integrano senza alcun problema con il calendario editoriale e con l’attività di ottimizzazione SEO. Sei d’accordo? Secondo te sono consigli utili per la tua attività di blogging? Lascia al tua opinione nei commenti.

Recommended Posts

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.