Come sfruttare strategicamente il footer della newsletter

footer newsletter
Indice dei contenuti

Il footer newsletter è una di quelle aree della tua comunicazione online che pochi professionisti curano con la massima attenzione possibile. Il motivo è semplice: si cerca di dare importanza a ciò che viene prima, alla parte più importante di un documento internet.

Vale a dire l’header, l’attacco. Quell’area che racchiude titolo, primo paragrafo, immagine. Ed è giusto che qui si concentrino i tuoi sforzi: diverse ricerche, come quelle di Jakob Nielsen, dimostrano che le persone tendono a concentrare l’attenzione nella prima parte del contenuto.

Parlo dell’above the fold. Ma questo non ti autorizza a sorvolare ciò che si posiziona subito dopo la linea del monitor o dello schermo. Infatti, soprattutto da mobile, la tendenza a sfogliare e a passare alle fasi successive non viene dimenticata. Ed è qui che si nascondono tecniche e strategie utili per usare al meglio un’area ignorata come quella del footer newsletter.

Studio Samo Pro Minidegree

Ruolo del footer nell’organizzazione della pagina

Prima di scoprire come usare la parte finale della tua email strategica è utile capire a cosa serve, in sintesi, il footer. Di certo non a inserire call to action, offerte ed elementi di conversione.

Questi punti devono essere organizzati in modo da occupare le sezioni più visibili della newsletter, o di qualsiasi altra attività che può aggiungersi nel registro dell’email marketing.

Il piè di pagina cosa fa?

Chiude la sezione con una serie di dati e informazioni, apparentemente non indispensabili ma che possono fare la differenza. Non inserire questo passaggio può essere un problema?

Non è di certo una parte vitale come quella che invita l’utente a compiere un’azione specifica di marketing. Però può diventare importante lavorare in modo da ottenere il massimo.

Da leggere: come scrivere una newsletter aziendale

Come sfruttare strategicamente il footer

Qui la domanda va nello specifico: voglio usare la parte finale della pagina per ottenere dei vantaggi, anche minimi. In ogni caso preferisco non muovermi senza un piano. Come posso fare? Quali principi devo seguire per piegare il footer newsletter alle mie strategie di web marketing?

Crea autorevolezza e credibilità

Il footer newsletter è un ottimo punto per inserire degli elementi capaci di dare informazioni utili a chi cerca rassicurazioni su chi ha mandato l’email. Ad esempio puoi aggiungere dei widget con link alla tua attività principale, dei riferimenti relativi alla sede e ai contatti più importanti. Come:

  • Numero di telefono.
  • Indirizzo fisico.
  • Posta elettronica.

Qualcosa in più? Certo, puoi aggiungere un box con la foto e del testo about me. Io seguo sempre questa regola: mi fido di chi posso guardare in faccia. E la comunicazione via email è troppo delicata per rischiare di diventare solo come uno dei tanti che fa spam.

Aggiungi link utili al lettore

Come per un qualsiasi sito web, il footer newsletter può essere usato per aggiungere collegamenti ipertestuali a qualcosa di diverso. E che tu vuoi far visitare alle persone giuste. Qualche esempio? Guarda come si comporta il New York Times: pochi elementi, chiari e semplici da cliccare.

footer newsletter esempio
Come migliorare il footer della tua email.

Tra le soluzioni più efficaci ci sono i badge per indicare i profili social del tuo brand. Puoi portare traffico a questi canali o ad altre pagine interne, oppure hai una possibilità diversa.

Puoi aggiungere un link alla versione web della newsletter. Molti programmi di gestione massiva di email, come Mailchimp, consentono di creare una pagina archivio dell’invio. In modo da trasformare la DEM o la newsletter in una vera e propria pagina da leggere sul browser.

Consenti alle persone di abbandonarti

Uno dei passaggi essenziali per aumentare la credibilità del tuo lavoro. Anche se può sembrare controproducente, è importante dare all’utente la sensazione di poter decidere in autonomia e con semplicità cosa fare dei tuoi aggiornamenti. L’email è uno dei sistemi più efficaci per mantenere i contatti con i potenziali clienti, ma rischi di diventare invadente sempre. In ogni momento.

Studio Samo Pro Minidegree
esempi footer newsletter
Un buon esempio di footer di newsletter.

Per quale motivo? Le cause possono essere tante ma per evitare problemi (anche legali) devi mettere in chiaro la possibilità di abbandonare la lista e non ricevere più aggiornamenti.

In che modo? Guarda come fa Hubspot: pulsante evidente, circondato da altri elementi che generano credibilità (foto e bio di chi manda l’email) e feedback nei confronti del lavoro svolto.

Permettere di scaricare qualcosa

Ad esempio un contenuto utile non per forza legato all’email o un’applicazione del sito web. Ad esempio, se hai deciso di usare la newsletter per l’ecommerce puoi aggiornare gli iscritti con le ultime novità e aggiungere i pulsanti per scaricare app iOS e Android.

Consigli base per migliorare quest’area

Come lavorare in modo da ottenere vantaggi e rispettare l’UX? In primo luogo assicurati che il footer sia ben visibile da mobile, e poi ti consiglio di seguire la regola della semplicità.

Sai cos’è che non funziona mai? Il caos, la confusione, i footer che vogliono dire tutto non hanno motivo di esistere. Ignorare quest’area è sbagliato ma pensare che possa risolvere mille problemi è altrettanto errato. Rischi di creare confusione e rendere invisibile ciò che, invece, potrebbe e dovrebbe conquistare l’attenzione. Quindi, devi organizzare il piè pagina con buon senso

Ovvero, pochi link e obiettivi semplici. Il resto è compito della newsletter e dei suoi componenti principali come l’headline, il body copy e il CTA button. Ogni sezione ha il suo compito specifico.

Da leggere: differenza tra newsletter e direct email marketing

Ottimizzare footer newsletter: la tua opinione

Chi dimentica di migliorare quest’area del contenuto organizzato per essere inviato ai propri lead sta commettendo un errore tragico. Perché una buona newsletter, e ciò che si ritrova nell’universo email marketing, ha un’importanza cruciale nella tua attività digital.

Con un invio puoi raggiungere automaticamente migliaia di contatti. Vuoi rischiare l’insuccesso per non aver prestato un minimo di attenzione al footer del tuo contenuto? Io dico di no e tu?

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.