Cosa fare con i vecchi post del tuo blog?

vecchi-post-del-blog

I vecchi post del blog sono una risorsa impossibile da dimenticare. Perché è vero che un aggiornamento costante del tuo diario online può essere un parametro decisivo per ottenere buoni risultati in termini di ottimizzazione SEO e community. La fidelizzazione del pubblico è in mano agli update, ma non solo. Perché i contenuti datati sono sempre raggiungibili dalla tua audience.

Il motore di ricerca ha indicizzato il lavoro e restituisce i risultati nel momento in cui le persone effettuano determinate ricerche. Questo è il concetto di inbound marketing: farsi trovare nel momento in cui le persone hanno bisogno di te. Come usare i post del blog in questi casi?

Aggiornare e migliorare i vecchi contenuti

La prima regola per riutilizzare i post del blog: scoprire ciò che può essere migliorato e adeguare il lavoro svolto per ottenere il miglior risultato. Che spesso può essere diviso in soluzioni differenti in base allo stato in cui si trova ciò che hai pubblicato in passato. Ad esempio?

Per approfondire: 7 errori da evitare con il tuo blog

Semplice aggiornamento

Un contenuto non deve essere per forza riscritto per avere un miglioramento. Spesso basta modificare qualche dato evoluto nel tempo o cambiare un’immagine di uno screenshot non più utile. Magari puoi togliere dati obsoleti per aggiungere fonti superiori, migliori.

Inserire informazioni utili

A volte un articolo è ancora valido. Solo che ci sono delle novità da affrontare, che magari non erano presenti nel momento in cui hai scritto il contenuto. Quindi puoi inserire i paragrafi necessari per rendere tutto aggiornato e in linea con le esigenze del lettore (e di Google).

Riscrivere completamente il post

Questa è una buona attività per dare vigore e forza alla struttura del blog. Magari ciò che hai scritto un anno fa ignora completamente una serie di principi essenziali per cogliere un topic. Con tutte le sue correlazioni. Un tempo si ragionava così: un articolo per cogliere una ricerca.

Oggi conviene fare in modo con un singolo contenuto intercetti un numero ampio di query, e questa può essere una buona chiave di lettura per rivedere i vecchi post del blog.

Prima di intervenire controlla sempre i posizionamenti già conquistati nel corso del tempo e intervieni in modo da non perdere di vista gli obiettivi raggiunti. Poi lavora su:

  • Riscrittura del testo.
  • Ottimizzazione dei meta tag.
  • Inserimento di nuove immagini.
  • Miglioramento link interni.
  • Aggiungere eventuali fonti.

Alla base c’è la trasformazione positiva di ciò che non ha più forza. Oltre a considerare i posizionamenti ottenuti devi analizzare le visite che arrivano da organico e referral. Per approfondire questo tema ti consiglio di leggere l’articolo pubblicato da Jacopo Matteuzzi sul blog Semrush.

Controlli da fare sempre sui vecchi contenuti

A prescindere dal tipo di aggiornamento, ricorda di verificare una serie di passaggi che fanno parte della buona salute della pagina web. Primo passo: usa il Pagespeed Insight di Google.

Questo è utile e necessario per assicurarti che non ci siano problemi specifici per il caricamento: una pagina veloce è una risorsa per il pubblico, e apprezzata dal motore di ricerca.

Controlla i link per verificare la bontà dei collegamenti. Inoltre puoi dare uno sguardo ai problemi di accessibilità. In che modo? Usa wave.webaim.org, strumento dedicato proprio a questo scopo: individua tag alt mancanti nelle foto, header che non rispettano le gerarchie e altro ancora.

Porta nuove visite sui contenuti rinfrescati

Bene, è arrivato il momento di portare qualche click su questa pagina. Nel corso dei mesi hai conquistato nuovi lettori che magari non hanno letto ciò che hai scritto in passato. Quale momento migliore per riportare a galla l’articolo migliorato o addirittura riscritto? Ecco cosa fare:

  • Condividilo sui social personali e ufficiali.
  • Invia eventuali segnali ai sistemi di notifica.
  • Promuovi il post con una newsletter.

Gli aggiornamenti verranno letti da Google con il passaggio del crawler che può avvenire, però, a distanza di giorni. Vuoi velocizzare il tutto? Vai nella Search Console e inserisci l’URL nello strumento di test che si trova nella nuova versione di questa piattaforma. Pochi minuti e nella serp appaiono i nuovi snippet se hai cambiato tag title e meta description.

Cancellare contenuti inutili

Molti articoli vengono scritti per puro caso, senza uno schema. Se è pur vero che un calendario editoriale non deve svilupparsi solo ed esclusivamente intorno a obiettivi SEO, devi sempre fare attenzione a contenuti scritti senza uno scopo. E che diventano inutili all’economia del blog.

Perché non ricevono traffico e link, non si posizionano nelle serp e nei desideri del pubblico. Questo avviene, soprattutto, quando pubblichi contenuti con una scadenza temporale. Ad esempio:

  • Comunicati stampa di eventi.
  • Auguri di buone feste.
  • Notizie e appuntamenti interni.

Sai cosa succede in questi casi? C’è grande attenzione nei confronti del contenuto nel momento in cui viene pubblicato. Poi, dopo qualche settimana (o magari giorni) il post non riceve più visite e non si posiziona più per alcuna query degna di nota. La pagina diventa solo un peso per il crawler.

Pubblicare meno, strutturare meglio

Per questo si può prendere in considerazione la possibilità di cancellare la pagina. Attenzione, non è un’azione così semplice: ogni elemento fa parte di un equilibrio.

E se non hai le competenze necessarie per valutarlo puoi (anzi, devi) dare il compito a un SEO professionista: un piccolo investimento ti dà la possibilità di gestire i post del blog e di trovare la strada giusta per far esprimere determinate pubblicazioni.

Da leggere: avrà ancora senso aprire un blog

Tu cosa fai con i vecchi contenuti?

In questo articolo trovi una serie di spunti per aggiornare i articoli datati del blog. Ma soprattutto puoi seguire delle indicazioni chiare per gestire ciò che hai fatto in passato.

L’idea base è questa: pubblicare nuovi post è importante, ma spesso hai delle risorse che non vengono valorizzate. E altre che sono semplicemente diventate un peso. Tu cosa fai con le pubblicazioni datate? Le rivedi completamente? Lascia le tue idee nei commenti.

Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

facebook ads library
Paolino Virciglio

Facebook (META) Ads Library: cos’è e come usarla per l’advertising

La Meta Ads Library, nota anche come Libreria delle inserzioni di Meta, è uno strumento potente e trasparente per marketer e aziende che desiderano avere un impatto significativo sulle loro campagne pubblicitarie su Meta. Questo articolo ti guiderà attraverso le funzionalità principali della Meta Ads Library, mostrandoti come utilizzarla per analizzare, ispirare e ottimizzare le tue campagne.

piano editoriale instagram
Giuliana Curato

Piano editoriale Instagram: come farlo, idee e spunti

Come possiamo fare per emergere tra migliaia di contenuti e assicurarci che il nostro messaggio non solo raggiunga il pubblico desiderato ma che lo coinvolga, lo informi e lo intrattenga nel modo giusto? Ovviamente, creando un piano editoriale strutturato. Scopriamo insieme come!

email marketing automation
Marianna Caravatta

Email Marketing Automation: guida per iniziare

Immagina di poter raggiungere i tuoi clienti con il messaggio giusto al momento giusto, senza dover digitare ogni singola email. Benvenuto nel mondo dell’email marketing automation, dove la tecnologia trasforma la comunicazione in una potente macchina di connessione e conversione. Iniziamo insieme!

musica storie instagram
Giuliana Curato

Come mettere musica nelle Instagram Stories

Le Instagram stories sono uno strumento indispensabile per dare sfogo al nostro estro creativo in modo originale, poiché ci offrono la possibilità di giocare e combinare contenuti visivi e sonori e dare un tocco personale ai nostri contenuti attraverso l’utilizzo della musica. Scopriamo come fare!

google ads ecommerce
Giulia Venturi

Google Ads per e-commerce: strategie, consigli e idee

Hai un ecommerce e hai deciso di promuoverlo con Google Ads? Ottima idea! Ci sono diverse soluzioni interessanti che ti aiuteranno a vendere al meglio: è importante tenere presente che soprattutto per queste tipologie di campagne che sfrutteranno tutta la potenza dell’AI di Google, c’è un importante lavoro manuale da fare. Rimboccati le mani e partiamo!

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti a MakeMeThink, la newsletter di Studio Samo. ✉️ Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.