Copywriting per l’advertising: come creare annunci che convertono

Il copywriting per l’advertising deve essere coerente al brand rispettandone posizionamento e valori. La scelta dello stile di comunicazione da adottare determinerà infatti i clienti che saranno attirati.
Tempo di lettura: 4 minuti
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Copywriting per l'advertising

Riconoscere da subito verso quale direzione si orienta il tuo copy e non far mai prevalere il tuo stile sull’esigenze del cliente sono elementi molto importanti per realizzare un copywriting in linea con le necessità del tuo cliente.

Corso completo in WEB & DIGITAL MARKETING

Cos’è il copywriting

Con copywriting si intende la scrittura di testi realizzati per perseguire obiettivi di marketing, per questo motivo compito del copywriter è quello di aiutare le aziende e i professionisti a comunicare in maniera migliore attraverso un uso attento delle parole. 

Il lavoro del copywriter viene spesso svolto con un obiettivo preciso, ovvero scrivere per vendere, e per farlo viene costruito un messaggio ottimizzato che viene impiegato sia sulla carta stampata che sul web.

Tali testi ottimizzati per la vendita, vengono infatti usati in molteplici modi tra cui:

  • siti web
  • e-mail marketing
  • newsletter
  • brochure
  • annunci pubblicitari

Il copywriting per l’advertising

Per svolgere un buon lavoro di copywriting ci sono alcuni suggerimenti che è bene seguire, tra cui:

  • Risolvere problemi con soluzioni idonee
  • Trasmettere emotività nel copy
  • Concentrarsi sui benefit di ciò di cui si scrive e non sulle caratteristiche
  • Usare la FOMO (fear of missing out) 

Tra i molteplici aspetti fondamentali a cui porre particolare attenzione quando si parla di copywriting per l’advertising troviamo:

  • Sinergia fra i canali
  • Formattazione
  • Timing
  • FOMO e Social Proof

Sinergia fra i canali

Quando la comunicazione viene espansa su più canali è necessario che questa si diversifichi a seconda del canale sia a livello visivo, sia rispetto al copy utilizzato, infatti anche se uno stesso prodotto può essere proposto ad un differente target di pubblico, il copy adottato per comunicare con le diverse audience dovrà essere necessariamente adattato in base al pubblico che si ha davanti.

Corso completo in WEB & DIGITAL MARKETING

La formattazione

La formattazione del testo non è uguale nei diversi canali ma deve seguire precisi accorgimenti affinché il testo possa essere ottimizzato in base all’obiettivo e tali accorgimenti variano in base al canale per il quale il copy va prodotto, che si parli di facebook o Google.

Il copywriting per l'advertising su Facebook

Il copywriting per l’advertising su Facebook deve seguire precise regole e tra queste troviamo:

  • Snellire il testo attraverso l’utilizzo di short copy rispetto al long copy, ovvero un testo corto visto che dopo le prime tre righe , ovvero i 125 caratteri, il testo successivo viene oscurato 
  • Porre maggiore attenzione a Title e CTA, elementi fondamentali nella distribuzione del copy nelle inserzioni perché sono i punti con più visibilità
  • Considerare la formattazione stilistica è essenziale. Grassetti o corsivi ad esempio sono tra gli elementi che è preferibile evitare perché in alcuni dispositivi questi abbellimenti potrebbero non essere visibili in modo corretto

Il copywriting per l'advertising su Google ADS

Nel copywriting per l’advertising su Google Ads le regole diventano ancora maggiori perché è essenziale porre attenzione ad un numero più ampio di elementi.

Ecco allora alcuni accorgimenti per ottimizzare il lavoro di copywriting su Google Ads:

  • Scegliere con attenzione il copy da inserire nel titolo 1 e 2 poiché questo acquisirà grande importanza e visibilità. In questo caso è inoltre bene sapere che il titolo 1 e il titolo 2 sono legati perché sono sempre visibili, perciò vanno a completarsi in termini di significato generale, mentre il titolo 3 va usato con attenzione affinché la sua aggiunta non vada a modificare il senso del testo
  • Tenere sempre il brand nei titoli principali, quindi inserirlo nel titolo 1 o 2 e nella descrizione, ma senza esagerare, e non nel titolo 3 che non è sempre visibile
  • Aggiungere una CTA nei titoli. In base sempre all’obiettivo dell’annuncio una CTA spesso giova per facilitare la conversione in diverse maniere
  • Usare le maiuscole, ma senza esagerare, nelle CTA sui titoli, perché spesso aiuta ad aumentare il CTR
  • Inserire domande nei titoli perché così si offre maggiormente l’impressione di rispondere alle domande degli utenti
  • Sfruttare il timing con gli inserimenti dinamici. Inserire un conto alla rovescia dinamico inserendo una data di fine può essere una buona idea per incentivare l’utente a intraprendere un’azione più velocemente, in linea con il principio di scarsità secondo cui le opportunità ci appaiono più desiderabili quando la loro disponibilità è limitata

Riassumendo, negli annunci Google Ads è importante che siano presenti:

  • Il brand, perché l’utente vuole subito identificare di chi si sta parlando
  • La CTA
  • La Value Proposition 
  • La keyword nei titoli e nella descrizione
  • Le estensioni, ovvero tutti gli elementi a corredo dell’annuncio che vanno curati, come ad esempio sitelink, snippet strutturati, estensioni di località, di promozione o di chiamata

Timing

Per ottimizzare ulteriormente il copywriting per l’advertising è bene porre attenzione al timing, tenendo in considerazione tre aspetti principali:

  • Tempo, considerando la distanza tra l’ultima azione fatta dal visitatore e l’annuncio
  • Audience, ovvero a chi stiamo proponendo il nostro annuncio, ossia un cliente, una persona non ancora cliente o un iscritto alla newsletter
  • Intento, chiedendosi il motivo per il quale l’utente vede il mio annuncio e cosa sta cercando

FOMO e Social Proof

Partendo dal presupposto che le persone possono essere influenzate, esistono delle leve di marketing  che permettono di spingere il pubblico verso azioni precise.

Tra queste troviamo:

  • FOMO, ovvero una sorta di ansia sociale, che si ha quando si teme di perdersi qualcosa, un’emozione questa, che risulta essere un’ottima leva di marketing da sfruttata a proprio vantaggio, ad esempio attraverso l’inserimento di un timing nelle inserzioni con una data di fine, così da incentivare la conversione
  • Social Proof, ovvero una  leva di comunicazione usata nei siti web e nei social network per migliorare la reputazione di un sito Internet o di un prodotto. Questa strategia cognitiva stabilisce che un utente è più invogliato ad acquistare i prodotti di un brand se vede molta altra gente usare e apprezzare tali prodotti 

Conclusioni

Il copywriting per l’advertising ha molteplici elementi da tenere in considerazione al fine di ottimizzare i risultati, ma l’aspetto più importante saranno sempre gli utenti, ovvero l’elemento principale in funzione del quale il copy dovrà adattarsi.

Gli utenti in target con gli obiettivi del brand detteranno infatti le regole in termini di tono di voce, modalità di scrittura, canali di comunicazione e tanto altro, tuttavia diverse leve di marketing ed accorgimenti sulla struttura del copy renderanno senza alcun dubbio più semplice il lavoro per raggiungere gli obiettivi prefissati.

E tu cosa ne pensi? Utilizzi già questi accorgimenti? Scrivilo nei commenti.

Corso completo in WEB & DIGITAL MARKETING
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

SOLO PER VERI

DIGITAL MARKETER

Ricevi i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!

Manuela Di Vietri

Manuela Di Vietri

Digital copywriter e Social Media Strategist

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Solo per veri
digital marketer

Ricevi via email i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!