Newsletter: cos’è e come usarla nel digital marketing

Nel vasto panorama del digital marketing, la newsletter emerge come il ponte essenziale tra le aziende e il loro pubblico, offrendo un canale privilegiato per condividere informazioni, promuovere brand e mantenere un contatto costante con l'audience. Se stai cercando informazioni su come sviluppare una newsletter efficace, leggi il post e scopri le best practice per crearne una.
newsletter cos e
Indice dei contenuti

Nel vasto panorama dell’email marketing, la newsletter emerge come il ponte essenziale tra le aziende e il loro pubblico, offrendo un canale privilegiato per condividere informazioni, promuovere brand e mantenere un contatto costante con l’audience.

Cos’è una Newsletter?

Con il termine newsletter si definisce una comunicazione periodica e di massa, indirizzata a tutti i contatti presenti nella lista dei destinatari, con un contenuto solitamente generico e informativo. La sua finalità principale è quella di fornire informazioni rilevanti, notizie, aggiornamenti o contenuti utili al pubblico di destinazione. Questo strumento è caratterizzato da alcune peculiarità che ne distinguono la finalità e l’utilizzo.

Innanzitutto, la newsletter segue un ritmo regolare di invio, quasi come un appuntamento fisso con i destinatari. Questa regolarità contribuisce a stabilire un legame costante con il pubblico e a mantenerlo informato sulle novità aziendali, i prodotti o i servizi offerti. La sua grafica è solitamente caratterizzata da un layout prestabilito, che facilita il riconoscimento del messaggio e contribuisce a consolidare l’identità visiva dell’azienda.

Studio Samo Pro Minidegree

Gli obiettivi principali di una newsletter sono di natura a lungo termine:

  • Branding: la newsletter è uno strumento efficace per rafforzare il nome e l’immagine del brand. Attraverso l’invio di contenuti informativi e di valore, l’azienda può costruire un’immagine positiva e rendere il proprio brand facilmente riconoscibile.
  • Aumento delle visite al sito web: la newsletter può essere utilizzata per guidare il traffico verso il sito web dell’azienda, in particolare verso il blog se questo è parte integrante della strategia. La condivisione di articoli, guide o risorse utili all’interno della newsletter può stimolare l’interesse dei lettori e spingerli a visitare il sito per ulteriori informazioni.
  • Creazione di un percorso di lead nurturing: la newsletter può svolgere un ruolo cruciale nella creazione di un percorso di lead nurturing. Fornendo contenuti rilevanti e mirati, l’azienda può educare gradualmente i suoi potenziali clienti, aumentando la loro consapevolezza dei propri prodotti o servizi. Questo processo di “alimentazione” delle opportunità di vendita è essenziale per convertire i lettori in clienti effettivi nel lungo periodo.

Per ricevere una newsletter, è fondamentale essere iscritti al servizio, e tale iscrizione deve avvenire solamente con il consenso esplicito dell’utente, nel pieno rispetto delle leggi sulla privacy e del GDPR (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati).

Newsletter vs DEM: cosa cambia?

È molto comune confondere la newsletter con la DEM. Entrambe coinvolgono l’invio di messaggi via mail, ma la differenza fondamentale è strettamente legata alle finalità dell’invio delle email.

Nel caso delle DEM, l’obiettivo è esclusivamente di natura commerciale, con invii che non seguono una cadenza specifica e si concentrano principalmente sulla promozione e sulla vendita. D’altra parte, quando parliamo di newsletter, l’attenzione principale è rivolta all’aspetto informativo, con l’invio regolare di contenuti utili su un argomento specifico e l’obiettivo di mantenere un contatto duraturo tra il brand e il consumatore.

È importante sottolineare che l’uso di uno dei due strumenti all’interno delle strategie di comunicazione aziendale non esclude l’altro, poiché possono coesistere in modo complementare. Tuttavia, è fondamentale evitare di inviare email in modo invadente o eccessivo per non infastidire i destinatari e mantenere un rapporto positivo con il pubblico.

Come si fa una Newsletter

La realizzazione di una newsletter di successo richiede una combinazione di strategie ben pianificate e l’uso di strumenti adeguati. In questa sezione approfondiremo in dettaglio alcuni elementi fondamentali per costruire una newsletter.

Utilizzo di piattaforme di email marketing

Per la realizzazione di una newsletter, è essenziale utilizzare una piattaforma dedicata di email marketing. Tra le varie opzioni disponibili, la scelta della piattaforma più idonea alle proprie necessità avrà un impatto rilevante sul conseguimento degli obiettivi. Di seguito sono indicati alcuni nomi di piattaforme ampiamente utilizzate:

  • Mailchimp
  • Brevo
  • Active Campaign
  • GetResponse
  • MailUp
  • HubSpot
  • Klaviyo

La selezione oculata della piattaforma influenzerà in modo significativo l’efficacia della strategia di email marketing e la gestione delle newsletter.

Pianificazione attenta

La fase iniziale della creazione di una newsletter coinvolge una pianificazione dettagliata. Definire gli obiettivi della newsletter, il pubblico di riferimento e la frequenza di invio sono passaggi fondamentali. Una pianificazione attenta consente di strutturare il contenuto in modo coerente e di adattarlo alle esigenze specifiche del pubblico.

Progettazione visiva coinvolgente

Il layout della newsletter gioca un ruolo cruciale nell’attirare l’attenzione dei destinatari. Dovrebbe essere diretto e visivamente accattivante. Quando si crea una newsletter, è fondamentale mettersi nei panni del destinatario e considerare che spesso le persone decidono in pochi istanti se il contenuto è interessante o meno.

L’obiettivo principale è catturare appunto l’attenzione dell’utente attraverso un design che si allinei con l’identità del brand, evidenziando in modo efficace il contenuto del messaggio e il call to action (CTA). Una struttura ben progettata che guida il lettore in modo intuitivo verso il CTA ha un impatto significativo sull’aumento dei tassi di apertura e di interazione con il messaggio.

Contenuto informative e coinvolgente

Il cuore di una newsletter efficace è il suo contenuto. Le informazioni fornite devono essere rilevanti, utili e interessanti per il pubblico di destinazione. Utilizzare una combinazione di testo, immagini e, se appropriato, elementi multimediali per mantenere l’attenzione del lettore. Un linguaggio chiaro e accattivante contribuirà a trasmettere il messaggio in modo efficace.

Studio Samo Pro Minidegree

Scelta del giusto Tone of Voice (TOV)

La scelta del “tone of voice” (tono di voce) della newsletter è un elemento chiave per comunicare efficacemente con il tuo pubblico, rappresenta il modo in cui un brand si esprime e svolge un ruolo cruciale in qualsiasi forma di comunicazione.

Emergere nella casella di posta in arrivo dei nostri clienti è una sfida, ma un TOV ben definito e riconoscibile svolge una funzione fondamentale nel rassicurare l’utente, creare fiducia e promuovere l’interazione. Il Tone of Voice non è qualcosa che si crea artificialmente; piuttosto, è una parte intrinseca dell’identità del brand. Un TOV ricco di personalità e autenticità permette di raggiungere i risultati desiderati in modo più efficace.

Esempi di Newsletter

Tenendo presente quanto detto finora, ho raccolto una serie di esempi che non solo rispettano, ma eccellono in ciascuno di questi aspetti.

Alcuni utilizzano colori accattivanti e immagini spettacolari, altri adottano un approccio minimalista, mentre alcuni puntano su un linguaggio persuasivo e coinvolgente.

Lasciati ispirare da questi esempi, esplora strade diverse, sperimenta e poi analizza i risultati ottenuti.

Ti interessa sapere come scrivere una newsletter efficace? Imparalo sul post dedicato!

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Marianna Caravatta
Marianna Caravatta

Advertising Specialist

Articoli di Marianna Caravatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.