Newsletter: cos’è e come usarla nel digital marketing

Nel vasto panorama del digital marketing, la newsletter emerge come il ponte essenziale tra le aziende e il loro pubblico, offrendo un canale privilegiato per condividere informazioni, promuovere brand e mantenere un contatto costante con l'audience. Se stai cercando informazioni su come sviluppare una newsletter efficace, leggi il post e scopri le best practice per crearne una.
newsletter cos e
Indice dei contenuti

Nel vasto panorama dell’email marketing, la newsletter emerge come il ponte essenziale tra le aziende e il loro pubblico, offrendo un canale privilegiato per condividere informazioni, promuovere brand e mantenere un contatto costante con l’audience.

Cos’è una Newsletter?

Con il termine newsletter si definisce una comunicazione periodica e di massa, indirizzata a tutti i contatti presenti nella lista dei destinatari, con un contenuto solitamente generico e informativo. La sua finalità principale è quella di fornire informazioni rilevanti, notizie, aggiornamenti o contenuti utili al pubblico di destinazione. Questo strumento è caratterizzato da alcune peculiarità che ne distinguono la finalità e l’utilizzo.

Innanzitutto, la newsletter segue un ritmo regolare di invio, quasi come un appuntamento fisso con i destinatari. Questa regolarità contribuisce a stabilire un legame costante con il pubblico e a mantenerlo informato sulle novità aziendali, i prodotti o i servizi offerti. La sua grafica è solitamente caratterizzata da un layout prestabilito, che facilita il riconoscimento del messaggio e contribuisce a consolidare l’identità visiva dell’azienda.

Studio Samo Pro Minidegree

Gli obiettivi principali di una newsletter sono di natura a lungo termine:

  • Branding: la newsletter è uno strumento efficace per rafforzare il nome e l’immagine del brand. Attraverso l’invio di contenuti informativi e di valore, l’azienda può costruire un’immagine positiva e rendere il proprio brand facilmente riconoscibile.
  • Aumento delle visite al sito web: la newsletter può essere utilizzata per guidare il traffico verso il sito web dell’azienda, in particolare verso il blog se questo è parte integrante della strategia. La condivisione di articoli, guide o risorse utili all’interno della newsletter può stimolare l’interesse dei lettori e spingerli a visitare il sito per ulteriori informazioni.
  • Creazione di un percorso di lead nurturing: la newsletter può svolgere un ruolo cruciale nella creazione di un percorso di lead nurturing. Fornendo contenuti rilevanti e mirati, l’azienda può educare gradualmente i suoi potenziali clienti, aumentando la loro consapevolezza dei propri prodotti o servizi. Questo processo di “alimentazione” delle opportunità di vendita è essenziale per convertire i lettori in clienti effettivi nel lungo periodo.

Per ricevere una newsletter, è fondamentale essere iscritti al servizio, e tale iscrizione deve avvenire solamente con il consenso esplicito dell’utente, nel pieno rispetto delle leggi sulla privacy e del GDPR (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati).

Newsletter vs DEM: cosa cambia?

È molto comune confondere la newsletter con la DEM. Entrambe coinvolgono l’invio di messaggi via mail, ma la differenza fondamentale è strettamente legata alle finalità dell’invio delle email.

Nel caso delle DEM, l’obiettivo è esclusivamente di natura commerciale, con invii che non seguono una cadenza specifica e si concentrano principalmente sulla promozione e sulla vendita. D’altra parte, quando parliamo di newsletter, l’attenzione principale è rivolta all’aspetto informativo, con l’invio regolare di contenuti utili su un argomento specifico e l’obiettivo di mantenere un contatto duraturo tra il brand e il consumatore.

È importante sottolineare che l’uso di uno dei due strumenti all’interno delle strategie di comunicazione aziendale non esclude l’altro, poiché possono coesistere in modo complementare. Tuttavia, è fondamentale evitare di inviare email in modo invadente o eccessivo per non infastidire i destinatari e mantenere un rapporto positivo con il pubblico.

Come si fa una Newsletter

La realizzazione di una newsletter di successo richiede una combinazione di strategie ben pianificate e l’uso di strumenti adeguati. In questa sezione approfondiremo in dettaglio alcuni elementi fondamentali per costruire una newsletter.

Utilizzo di piattaforme di email marketing

Per la realizzazione di una newsletter, è essenziale utilizzare una piattaforma dedicata di email marketing. Tra le varie opzioni disponibili, la scelta della piattaforma più idonea alle proprie necessità avrà un impatto rilevante sul conseguimento degli obiettivi. Di seguito sono indicati alcuni nomi di piattaforme ampiamente utilizzate:

  • Mailchimp
  • Brevo
  • Active Campaign
  • GetResponse
  • MailUp
  • HubSpot
  • Klaviyo

La selezione oculata della piattaforma influenzerà in modo significativo l’efficacia della strategia di email marketing e la gestione delle newsletter.

Pianificazione attenta

La fase iniziale della creazione di una newsletter coinvolge una pianificazione dettagliata. Definire gli obiettivi della newsletter, il pubblico di riferimento e la frequenza di invio sono passaggi fondamentali. Una pianificazione attenta consente di strutturare il contenuto in modo coerente e di adattarlo alle esigenze specifiche del pubblico.

Progettazione visiva coinvolgente

Il layout della newsletter gioca un ruolo cruciale nell’attirare l’attenzione dei destinatari. Dovrebbe essere diretto e visivamente accattivante. Quando si crea una newsletter, è fondamentale mettersi nei panni del destinatario e considerare che spesso le persone decidono in pochi istanti se il contenuto è interessante o meno.

L’obiettivo principale è catturare appunto l’attenzione dell’utente attraverso un design che si allinei con l’identità del brand, evidenziando in modo efficace il contenuto del messaggio e il call to action (CTA). Una struttura ben progettata che guida il lettore in modo intuitivo verso il CTA ha un impatto significativo sull’aumento dei tassi di apertura e di interazione con il messaggio.

Contenuto informative e coinvolgente

Il cuore di una newsletter efficace è il suo contenuto. Le informazioni fornite devono essere rilevanti, utili e interessanti per il pubblico di destinazione. Utilizzare una combinazione di testo, immagini e, se appropriato, elementi multimediali per mantenere l’attenzione del lettore. Un linguaggio chiaro e accattivante contribuirà a trasmettere il messaggio in modo efficace.

Studio Samo Pro Minidegree

Scelta del giusto Tone of Voice (TOV)

La scelta del “tone of voice” (tono di voce) della newsletter è un elemento chiave per comunicare efficacemente con il tuo pubblico, rappresenta il modo in cui un brand si esprime e svolge un ruolo cruciale in qualsiasi forma di comunicazione.

Emergere nella casella di posta in arrivo dei nostri clienti è una sfida, ma un TOV ben definito e riconoscibile svolge una funzione fondamentale nel rassicurare l’utente, creare fiducia e promuovere l’interazione. Il Tone of Voice non è qualcosa che si crea artificialmente; piuttosto, è una parte intrinseca dell’identità del brand. Un TOV ricco di personalità e autenticità permette di raggiungere i risultati desiderati in modo più efficace.

Esempi di Newsletter

Tenendo presente quanto detto finora, ho raccolto una serie di esempi che non solo rispettano, ma eccellono in ciascuno di questi aspetti.

Alcuni utilizzano colori accattivanti e immagini spettacolari, altri adottano un approccio minimalista, mentre alcuni puntano su un linguaggio persuasivo e coinvolgente.

Lasciati ispirare da questi esempi, esplora strade diverse, sperimenta e poi analizza i risultati ottenuti.

Ti interessa sapere come scrivere una newsletter efficace? Imparalo sul post dedicato!

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Marianna Caravatta
Marianna Caravatta

Advertising Specialist

Articoli di Marianna Caravatta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

musica storie instagram
Giuliana Curato

Come mettere musica nelle Instagram Stories

Le Instagram stories sono uno strumento indispensabile per dare sfogo al nostro estro creativo in modo originale, poiché ci offrono la possibilità di giocare e combinare contenuti visivi e sonori e dare un tocco personale ai nostri contenuti attraverso l’utilizzo della musica. Scopriamo come fare!

google ads ecommerce
Giulia Venturi

Google Ads per e-commerce: strategie, consigli e idee

Hai un ecommerce e hai deciso di promuoverlo con Google Ads? Ottima idea! Ci sono diverse soluzioni interessanti che ti aiuteranno a vendere al meglio: è importante tenere presente che soprattutto per queste tipologie di campagne che sfrutteranno tutta la potenza dell’AI di Google, c’è un importante lavoro manuale da fare. Rimboccati le mani e partiamo!

google business profile
Ilaria Nardinocchi

Google Business Profile

Scopri come il Google Business Profile (ex Google My Business) può potenziare la tua attività locale!
Sei curioso di sapere come il Google Business Profile può aiutarti a raggiungere nuovi clienti e far crescere la tua attività? Leggi l’articolo fino in fondo e scopri tutti i miei suggerimenti!

ottimizzare campagne facebook ads
Luca Bolelli

Ottimizzazione le campagne e il budget di Facebook Ads

Se sei un/una advertiser alla ricerca della performance, che punta a migliorare i risultati delle campagne Facebook Ads e che conosce l’importanza di padroneggiare ogni aspetto del processo pubblicitario online, allora questo articolo fa per te!

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti a MakeMeThink, la newsletter di Studio Samo. ✉️ Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.