Ci sono tanti tipi di post. C’è l’articolo che annuncia una notizia, quello che accende la polemica e punta su un timido click baiting grazie a un sapiente uso delle headline, l’intervista, la sintesi di un evento. E poi ci sono tutorial, pillar article, case study, how to article. Ovvero tutti gli articoli che rientrano nella categoria dei long form content, contenuti lunghi e articolati.

Sai qual è la questione che da sempre infiamma la platea, vero? Qual è la soluzione ideale per un buon articolo? Quante battute deve avere un articolo? Più o meno di 500 parole? Più o meno di 800? La mia risposta è chiara: dipende. Ogni articolo deve prendersi lo spazio necessario per descrivere un tema, nel miglior modo possibile e cercando di sintetizzare più esigenze.

Non esiste altra regola. Un contenuto di qualità può contare pochi paragrafi, può essere un documento con oltre 2.000 parole: tutto dipende da quali esigenze deve soddisfare in quel momento. Deve essere una notizia lampo? Poche battute sono sufficienti. Deve risolvere un problema complesso? Ecco, in questo caso il long form content può essere la soluzione.

D’altro canto c’è un intero filone del content marketing che guarda con favore la pubblicazione dei long form article, perché sono quelli che riescono a posizionarsi e a vincere la sfida della serp. Guarda questo grafico di CoSchedule: il paragone tra i contenuti che superano le 1.500 parole e quelli che rimangono sotto questa soglia è chiaro, definitivo.

consigli per migliorare i long form content

Ma attenzione, non è solo una questione di quantità. Il posizionamento non è direttamente proporzionale al numero di parole presenti in un articolo. Lo stesso vale per il numero di link ottenuti: non c’è una correlazione diretta, ma c’è una certezza: i long form content sono necessari per completare il tuo calendario editoriale. Ma la regola è semplice: non basta allungare glia rticoli con contenuti inutili (tipo la fuffa) per ottenere buoni risultati. Al centro ci sono sempre le esigenze del pubblico.

Ecco perché un long form content deve essere organizzato in modo da raggiungere e superare le 1.500 o 2.000 parole senza annoiare, senza costringere il lettore ad abbandonare l’articolo. Curare i dettagli di un articolo è indispensabile, soprattutto oggi che la lettura avviene sempre di più da mobile: ecco quindi 5 consigli per migliorare i long form content.

1. Semplifica ma non svilire

Questa è la prima regola: per pubblicare dei long form content che risultino facili da leggere, da comprendere, da commentare e da condividere devi semplificare la scrittura. Devi pubblicare articoli facili da leggere, ma non banali: il contenuto deve essere denso, ma la forma deve essere agile. Ecco i consigli più importanti:

  • Usa parola semplici, di uso comune nella tua nicchia.
  • Semplifica i periodi.
  • Ogni paragrafo deve affrontare un punto, non dividere un discorso in due paragrafi differenti.

La punteggiatura gioca un ruolo chiave in questo equilibrio. Per semplificare devi usare frasi brevi, non articolate. In questi casi regna sempre la regola della linearità: evita incisi troppo lunghi e cerca di non dividere il soggetto dal verbo. La forza e la chiarezza di una frase è in questa unione.

2. Evita approfondimenti inutili

Quello che serve deve esserci, quello che puoi evitare lascia nei link di approfondimento. Io di solito articolo lo sviluppo di un long form in questo modo: definisco un topic principale, poi uso le ricerche correlate (tipo quelle di Google Suggest) per individuare approfondimenti utili ai lettori. Incrociando, quando possibili, i dati legati alle osservazioni qualitative. Ovvero discussioni online, forum, community.

Per approfondire: gli strumenti utili per fare SEO.

3. Scegli le immagini con cura

Le immagini sono decisive per semplificare gli articoli complessi, ma possono influenzare anche negativamente la leggibilità di un testo. Il motivo è semplice: ogni immagine rappresenta un ostacolo alla lettura, un blocco che l’occhio evita se non è contestualizzato. Vero, il visual facilità la comunicazione e viene percepito con una velocità molto superiore rispetto al testo. Ma non deve essere un contenuto buttato nel post tanto per spezzare il testo.

Per dare una pausa al blocco di parole ci sono i paragrafi, c’è lo spazio bianco. Il long form content deve essere arricchito con le immagini giuste, con grafici e visual capaci di contestualizzare quello che hai scritto nell’articolo. Altrimenti rischi di mettere il bastone tra le ruote al lettore.

Per approfondire: come aumentare le visite del blog con le immagini.

4. Usa titoli chiari

Hai presente i paragrafi di questo articolo? Li vedi? La caratteristica essenziale è la chiarezza: descrivono immediatamente l’argomento che affronterò, e possono essere degli agganci ideali per chi sfoglia l’articolo con fare distratto. Basta un’occhiata per capire che in questo paragrafo mi occuperò di titoli e nel precedente l’argomento è legato al mondo delle immagini.

I titoli dei paragrafi si inseriscono nel mondo dei micro contenuti, stringhe di testo che aiutano il lettore a contestualizzare l’articolo: maggiori saranno le informazioni che darai al lettore, maggiori saranno le probabilità di ottenere massima attenzione fino alla fine. Un dettaglio: ricorda la gerarchia dell’heading: H2, H3 e così via.

5. Inizia e chiudi bene

L’attacco e la chiusura sono due aspetti da curare nei post particolarmente lunghi. O meglio: devi prestare sempre grande attenzione a questi punti, ma con un post lungo tutto si amplifica. Perché prima di iniziare una lettura impegnativa il lettore vuole sapere cosa approfondirà. Non devi anticipare tutto, ma riassumere in poche parole il succo del lavoro svolto, l’argomento, il filo conduttore del post.

Questo vale anche per la chiusura: prima di rimandare il lettore alla call to action lascia un breve riassunto dei temi affrontati. Senza dimenticare ovviamente le conclusioni. Devi catturare subito l’attenzione del lettore, ma devi anche dare le risposte giuste.

Quindi? Contenuti lunghi o brevi?

Contenuti giusti. Se hai bisogno di 1.000 parole per articolare un argomento usale, se ne hai bisogno di 500 scegli questa soluzione e dai al lettore il miglior risultato possibile. Quello che devi sempre rispettare è il diritto dell’utente di godersi un contenuto leggibile, semplice ma non banale, capace di rispondere alle domande. Anche quelle sottintese.

I tuoi articoli si muovono in questa direzione? Io di solito cerco di creare un buon equilibrio tra contenuti brevi, legati a una mia opinione sul mondo del lavoro online, e contenuti lunghi che affrontano un tema specifico. Tu invece? Qual è la tua opinione? Come ti muovi? Lascia al tua idea nei commenti.

Recommended Posts

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.