Il blog a costo zero non esiste

blogging
Indice dei contenuti

Spesso mi ritrovo a discutere con freelance e clienti meravigliati dai costi del blogging. “Ma come – continuano a ripetere senza pace – perché devo investire nel blogging? Perché devo pagare? Facebook è gratuito, Twitter anche. E mi hai detto che WordPress si scarica a costo zero”.

Ok, primo punto da chiarire: Facebook è una cosa, il blog è un’altra. Rientrano nella categoria social media ma hanno compiti e potenzialità differenti. Si accomunano su un unico punto: la base è a costo zero. WordPress è gratis, stessa cosa vale per Facebook.

Tutto quello che viene dopo, invece, ha un prezzo. Prendi come esempio il blog: dopo aver scaricato WordPress hai bisogno di un dominio che identifichi il tuo progetto online. Poi devi acquistare un hosting che ospiti il tuo sito. Questa è la base sulla quale costruirai il tuo blog, quindi lascia da parte i servizi gratuiti: un blogger professionale cura il suo brand e compra il dominio.

Studio Samo Pro Minidegree

Ma soprattutto sfrutta al 100% le potenzialità di un CMS come WordPress, e supera i limiti strutturali imposti da altre piattaforme gratuite come WordPress.com: soluzioni valide, sicuramente utili per fare pratica, ma con oggettivi limiti. Soprattutto se pensi che ormai ci sono molti servizi hosting che offrono il CMS già installato.

Per approfondire: perché scegliere WordPress per il tuo blog.

Tutto questo ha un prezzo

Hosting e dominio devono essere acquistati. Ma rappresentano una spesa accettabile, soprattutto se il tuo blog non ha ancora grandi necessità in termini di traffico. Le voci più incisive sono altre. Ecco un elenco:

  • Personalizzazione
  • Ottimizzazione
  • Contenuti

La personalizzazione di un blog può essere molto costosa. In linea di massima i blogger si accontentano dei temi gratuiti che si trovano nella directory ufficiale di WordPress, ma se vuoi fare un piccolo investimento puoi scegliere i temi a pagamento che si trovano in store online come ThemeForest. Ci sono soluzioni per tutte le esigenze, ma chi vuole il massimo della personalizzazione ha un’unica scelta: affidare il blog a un web designer.

Ovvero una persona in grado di trasformare esigenze e desideri in colori, linee, forme. Tutto questo costa, così come costa il lavoro di ottimizzazione del blog. In questo caso possiamo lavorare sull’ottimizzazione SEO, ma anche sul miglioramento delle funzioni necessaria al tuo obiettivo. Ad esempio puoi creare una landing page per spingere il tuo lavoro e devi fondere il lavoro di copy, SEO e web designer.

Da leggere: come ottimizzare un tag title per la SEO.

Il lavoraccio: scrivere contenuti

Esatto, questo è il lavoro che esige più risorse perché il blog si muove intorno ai contenuti. E se non ci sono gli articoli tutto il lavoro fatto non ha senso. All’inizio della tua avventura puoi ignorare il design, puoi sorvolare sulla SEO e ottimizzare in seguito questi punti. Ma hai bisogno di contenuti.

Anzi, hai bisogno di grandi contenuti perché devi farti notare, devi aprire una breccia in una nicchia già ricca di competitor e hai bisogno di un lavoro che punti sull’analisi, poi sulla scrittura. Devi individuare il target, devi capire quali sono le esigenze, i desideri, i problemi. Devi capire come sono stati affrontati i temi e quali argomenti sfruttare.

Non è facile scrivere contenuti. Per questo la voce del blogger – ovvero quella figura che scriverà gli articoli e curerà in prima persona le interazioni con il pubblico – sarà incisiva. Ma è giusto che sia così. Cosa cerchi? Un articolista che rispetti le regole della grammatica e della sintassi? Perfetto, lo trovi. Però questo non basta per ottenere buoni risultati. Alla base del successo di una buona azione di blogging c’è lo studio etnografico del campo, c’è l’osservazione del pubblico. Devi ascoltare prima di scrivere.

Per approfondire: 14 consigli per fare SEO Copywriting.

C’è un’alternativa?

Voglio dire, devi per forza pagare un blogger per ottenere buoni risultati? No, c’è una soluzione alternativa: la formazione. Puoi finanziare un blogger che pubblichi per te, ma puoi anche lavorare in prima persona sul blog. O dirigere una risorsa interna – un dipendente ad esempio – verso il blogging. Il punto fondamentale: mai improvvisare, rischi di danneggiare il tuo brand.

Ecco perché la formazione può essere la soluzione ideale per fare blogging con solide basi: poi c’è l’esperienza, quella è necessaria ma te la devi fare sul campo. Sbagliando. Sporcandoti le mani. Ma puoi accompagnare tutto questo con corsi e letture. Ecco perché con lo Studio Samo abbiamo pensato a un video corso di blogging, ma anche a una lezione dedicata al blogging durante il Master in Web Marketing di Milano.

Studio Samo Pro Minidegree

La pratica è importante, ma una buona formazione ti permette di abbattere i costi sul lungo periodo e di migliorare delle risorse interne che rimarranno patrimonio dell’azienda. Sei d’accordo con questo punto di vista?

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.