Oggi voglio dedicare spazio a un argomento base, ma che al tempo stesso richiama l’attenzione di molti blogger: come inserire le meta description su WordPress. Chi muove i primi passi in questo mondo legge gli articoli dedicati all’ottimizzazione SEO on-page e si rende conto che ci sono diversi aspetti da curare.

Il nucleo di questo lavoro riguarda i meta tag, micro-contenuti che comunicano determinate informazioni ai motori di ricerca. Il più importante è il tag title, elemento chiave per posizionare una pagina nella serp. Google dà risalto a questa stringa di testo, ecco perché devi scegliere e aggiungere con attenzione le keyword.

Poi c’è la meta description, il testo che approfondisce il contenuto della pagina. Sia il tag title che la description si trovano nei risultati di Google, ma solo il primo campo ha potere in termini di ranking: la meta description non viene considerata per il posizionamento. Però permette di aumentare il CTR, il click through rate che mette a confronto visualizzazioni e click da parte dell’utente.

Ecco perché devi inserire le meta description su WordPress. Come? In che modo? In questo articolo voglio indicare la strada per ottimizzare questa stringa di testo legata all’ottimizzazione on-page.

Il plugin indispensabile: WordPress SEO by Yoast

Prima di iniziare il viaggio nel mondo delle meta description ti conviene installare il plugin che ti permette di aggiungere questo campo. Sto parlando di WordPress SEO by Yoast. Ci sono decine di alternative, ma questa soluzione è indispensabile. Praticamente è il miglior plugin SEO in circolazione. Il motivo è semplice: puoi modificare ogni pagina web, ogni risorsa del tuo blog.

Molti professionisti criticano l’eccessiva fiducia nei confronti di WordPress SEO by Yoast. Soprattutto verso il famoso “semaforo” che suggerisce la buona ottimizzazione della pagina rispetto a una focus keyword. La mia opinione? Si tratta di uno strumento, non di una soluzione definitiva: non basta avere il via libera dal semaforo per ottenere i risultati sperati.

Tutto deve essere contestualizzato. D’altro canto l’estensione di Yoast velocizza una serie di passaggi perché aggiunge un campo in ogni singola pagina. Quindi, come inserire la meta description su WordPress? Devi installare il plugin e operare su ogni pubblicazione. Questo significa che devi lavorare per forza con un blog self hosted: WordPress.com non accetta plugin, e quindi non puoi aggiungere meta tag.

Da leggere: come ottimizzare la meta description

Meta description di post e pagine

La domanda che cattura subito l’attenzione dei blogger che muovono i primi passi in questo settore: come inserire la meta description nei post? Questo è un aspetto decisivo per l’ottimizzazione on page, ma di default WordPress non offre questa funzione. Una volta installato il plugin di Joost de Valk nel pannello di controllo del singolo articolo trovi un box.

Come inserire le meta description su WordPress

Questa è la preview che WordPress SEO by Yoast propone: cliccando su “Edita Snippet” puoi modificare i tre passaggi fondamentali: tag title, meta description e permalink. Nei primi due casi c’è una linea di progressione che ti aiuta a rispettare la lunghezza. Che nel caso della meta description non dovrebbe superare le 145 battute (più o meno). Questo percorso è simile per le pagine statiche.

Meta description della home page

Lo so, vuoi modificare la meta description della home page. Ovvero la pagina più importante del tuo progetto. Le persone sentono parlare del tuo blog, cercano il tuo nome e cognome su Google e trovano la pagina principale. Quella in cui riunisci le risorse per il lavoro.

Ma prima di arrivare sulla home page c’è il risultato della serp, lo snippet. Il tag title di default viene ripreso dal nome del blog, ma la meta description? Non puoi lasciare questi campi al caso: puoi modificare tutto con WordPress SEO by Yoast nella sezione dedicata ai meta tag che si trova nel menu a sinistra.

Meta description della home page

Come inserire le meta description su WordPress, e in particolar modo nella home page? Qui ci sono due spazi. Nel primo inserisci il tag title e nel secondo la descrizione. Ricorda sempre di rispettare gli spazi di questi campi e di usare la descrizione per invogliare il lettore a cliccare.

Per approfondire: come ottimizzare il tag title per il SEO

Meta description di tag e categorie

Tag e categorie possono avere una meta description specifica. Questo è un dettaglio interessante, soprattutto in un’ottica di ottimizzazione SEO delle tassonomie. Molti blogger deindicizzano queste pagine temendo i contenuti duplicati, ma ignorano che possono guadagnare buoni posizionamenti. E sviluppare traffico per il proprio progetto editoriale.

Migliorare una tassonomia lato SEO non è semplice, ci sono dei limiti rispetto a una normale pagina web (se non altro perché il contenuto principale è generato dall’anteprima dei post). Però puoi migliorare alcuni aspetti per ottenere vantaggi chiari. Sempre con WordPress SEO by Yoast, ad esempio, puoi aggiungere la meta description e consentire a tag e categorie di presentarsi nel miglior modo possibile nella serp e nelle condivisioni sui social.

La meta description non viene ripresa dallo snippet ma anche dai link condivisi su Facebook, Twitter e Google Plus. Senza dimenticare LinkedIn. Ora provo a immaginare cosa stai pensando: ci sono decine di tassonomie nel blog, le devo ottimizzare tutte? Per le categorie ti rispondo sì, sono poche e ne vale la pena. Per il resto trovi la risposta nel prossimo paragrafo.

Tutte le pagine devono avere la description?

Non è detto, lo stesso Matt Cutts ha sottolineato un punto essenziale per i webmaster: meglio evitare di mettere le meta description se devono essere duplicate. La situazione ideale è sempre la stessa: un testo unico per ogni pagina. Ma spesso questa condizione non è possibile, soprattutto nei grandi portali.

Quindi l’ex capo del team anti-spam di Google ha pubblicato un video per affrontare il punto. Per approfondire l’argomento ti consiglio di leggere l’articolo pubblicato su questo blog (quando è meglio non mettere la meta description) e di controllare la sezione dedicata agli errori HTML della Search Console.

Inserire le meta description su WordPress: ci sono domande?

In questo articolo ho affrontato un tema base, ma che spesso non viene approfondito con la giusta attenzione: devi inserire le meta description su WordPress, e lo devi fare per ogni pagina web. Non solo per i post e per le pagine statiche. Ci sono le tassonomie, la home page, le pagine dedicate all’archivio dei post. Il tuo compito? Dare il massimo per migliorare i tuoi contenuti. Se hai qualche domanda sono qui, lascia i tuoi dubbi nei commenti.

Hai trovato utile questo articolo?
Recommended Posts

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.