10 tool per scrivere tanto e bene che non conosci (o forse sì)

scrivere meglio
Indice dei contenuti

Dai, ho corretto subito l’headline. Forse li conosci, forse no. Ma non è questo il punto: l’obiettivo è trovare un valido aiuto per scrivere meglio, per ottimizzare il tuo lavoro di webwriting. Chiaro, non esistono trucchi e magie quando si parla di SEO copywriting: dal mio punto di vista c’è solo un attento lavoro legato allo studio delle esigenze del tuo potenziale target.

Ecco, poi su questo punto possiamo investire tempo e risorse. Come dico sempre durante il corso di Web Marketing Studio Samo, alla base ci sono dati legati ai motori di ricerca e alle varie community. Fatto questo lavoro di analisi, che sfocia nella creazione di personas adeguate per definire i segmenti del target, c’è altro da fare: devi creare testi.

Impossibile capire se non hai mai lavorato come webwriter. Voglio dire, se non hai mai affrontato la creazione di un portale turistico. O di un e-commerce. Non è il sito della startup o del B&B sotto casa: qui ci sono centinaia di pagine da creare e da ottimizzare. Articolo, scheda prodotto o servizio, itinerario: a volte la massa di contenuti da creare è enorme.

Studio Samo Pro Minidegree

Il lavoro di copywriting classico – naming, pay-off, call to action – è importante. Ma ci sono progetti che hanno bisogno anche di una massa critica per iniziare. Ci sono progetti che hanno bisogno di webwriter capaci di scrivere tanto e bene. Io ho una cartella dei preferiti piena di tool: te ne suggerisco dieci. Da utilizzare con cura.

  • Google Drive – Questo è il primo tool che devi utilizzare quando hai grandi volumi di lavoro. Grazie a Google Drive puoi dividere il lavoro in directory. Ti faccio un esempio: la cartella principale porta il nome del cliente, all’interno ci sono quelle dei diversi progetti. Qui trovi le directory dei siti, delle categorie… Puoi continuare all’infinito ma avere sempre tutto in ordine. Poi ogni file può essere condiviso, commentato ed editato da altri componenti del team. Niente, è perfetto.
  • Pomodoro – Non quello che porti a tavola, ma il timer. Anzi, la tecnica che ti obbliga a lasciare da parte tutto quello che ti ruota intorno e lavorare solo al testo. Scrivi per 25 minuti, fai 5 minuti di pausa e ripeti questo ciclo per 4 volte. Ora fai 30 minuti di pausa. Quando sono in difficoltà questa è la strada da seguire. Unico difetto: è alienante e poco incline ai creativi. Ma quando la scadenza incombe è una gran cosa. Maggiori informazioni su pomodorotecnique.com.
  • Word Filter Plus – Questo plugin è spettacolare. Molti errori sui post sono causati da disattenzione e sviste durante la battitura. Ad esempio, spesso mi capita di digitare “am” al posto di “ma”. Con questo plugin puoi creare un archivio di errori ricorrenti da correggere. È utile, molto utile. Lo trovi qui: wordpress.org/plugins/word-filter-plus.
  • Ubersuggest – Anche i webwriter usano i SEO tool. Non lo sapevi? Ecco, in un vecchio articolo pubblicato su questo blog (SEO tool: come li usa un webwriter) lo spiego e individuo le soluzioni migliori per sfruttare questi strumenti. Come puoi usare questi tool per scrivere meglio? Non di certo ripetendo keyword e sinonimi nel testo solo per compiacere WordPress SEO di Yoast: io uso Ubersuggest per trovare nuovi spunti e argomenti da approfondire nei testi.
  • Tool per la leggibilità del testo – Per ottimizzare la leggibilità dei contenuti uso questo tool: labs.translated.net/leggibilita-testo. Motivo? Si basa su un indice pensato per la lingua italiana, offre degli esempi e indica le parole che possono essere un problema. Sei libero di cambiare o lasciare tutto come hai scritto, ma questa è una prova importante per valutare il tuo lavoro.
  • Facilita il confronto e la copia con il browser – Spesso capita di dover confrontare due testi. Magari di copiare dei contenuti (citando). Cosa fai? La danza delle finestre? Quanto tempo perdi per passare da una scheda all’altra? Io ti consiglio di usare dei componenti per aprire due pagine nella stessa pagina browser. In questo modo, soprattutto se hai un monitor di buone dimensioni, puoi leggere due testi. Per Google Chrome c’è Tab Resize e per Firefox uso Split Pannel.
  • Jspell – Mai più pubblicare un articolo senza un controllo con Jspell. Questo tool semplice e intuitivo – adatto anche a testi italiani – ti permette di controllare eventuali errori di battitura. Funziona anche con testi molto lunghi: per scrivere bene basta un attimo, anche se io non do mai massima fiducia a questi tool. Controllare sempre in prima persona prima di sostituire.
  • EdOra – Due strumenti in uno. Questo sito web ti permette di analizzare il testo e di individuare errori di battitura, ma anche di creare una mappa delle ripetizioni nel testo. Lo so che ti hanno detto di ripetere la keyword mille volte, ma questo non è il mio modo di lavorare: voglio creare testi leggibili. Trovi questi tool qui: www.braviautori.it/edora.
  • Mappe mentali – Sì, in questi giorni sto lavorando molto su questo tema. Le mappe mentali aiutano a schematizzare un concetto, anche un contenuto. Se devi scrivere una pagina complessa non basta procedere alla cieca: devi schematizzare il lavoro da svolgere. Hai fatto ricerca e hai trovato i topic più interessanti da affrontare? Bene, adesso devi creare uno schema capace di organizzare i punti. Creare una mappa mentale del sito web e poi delle pagine: io uso Freemind, e mi trovo bene.

E poi c’è il decimo tool: il tempo. Se devi scrivere tanto e bene non puoi pretendere di farlo anche in un tempo minimo. La scrittura ha bisogno di spazi, di equilibri e di tranquillità. Ho rinunciato a diversi progetti per questo motivo: non posso scrivere con il fiato sul collo. Voglio programmare, voglio lavorare sul calendario editoriale, voglio rispettare dei tempi precisi.

Certo, mi rendo conto che c’è anche una spinta verso l’elasticità. Sono io a dirlo anche nel video corso di blogging: il calendario editoriale è elastico. E io devo essere pronto a interpretare le esigenze. Questo non significa ignorare i tempi necessari per creare contenuti di qualità.

Vuoi aggiungere qualcosa?

Questa è la mia lista personale di tool per scrivere tanto e bene. Non è impossibile: hai solo bisogno di buona volontà, esercizio e strumenti giusti. Vuoi aggiungere qualcosa a questo elenco? Vuoi dare il tuo contributo? Lascia i tuoi consigli nei commenti, o chiedimi maggiori informazioni sull’uso di questi tool (li uso ogni giorno).

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

4 risposte

  1. Voglio aggiungere : che scrivere nel web è una passione che nasce di dentro che quello che vuoi dire non si ferma mai perchè e sorgente di vita da proporre ad altre persone.

  2. Complimenti per l’ennesimo Articolo Riccardo. Ebbene si concordo con entrambi, anche col buon Pasquale. La scrittura – aldilà del forma digitale o per il web o per l’editoria – è un istinto particolare, bisognoso di cure e particolare pazienza.
    (Riccardo, ma quest’è bello Jspell? Non lo conoscevo prima d’ora, grazie per la scoperta).
    Cari saluti da Pietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

dirette instagram
Giuliana Curato

Dirette Instagram: come fare le live su IG

Ti chiedi come sfruttare al meglio le dirette Instagram per connetterti con il tuo pubblico e ottimizzare la tua presenza online ma non sai da dove iniziare? Allora sei nel posto giusto.

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.