La piramide dei bisogni di Maslow nel digital marketing

La piramide di Maslow è (in breve) un modello per rappresentare la gerarchia dei nostri bisogni. Vuoi sfruttarla nel digital marketing? Buona idea! Ecco cosa puoi e devi valutare.
piramide-dei-bisogni-di-maslow
Indice dei contenuti

Questo è uno dei punti di partenza quando si lavora nel mondo del web marketing: la teoria della piramide di Maslow. Ci sono dei passaggi teorici che non possono essere ignorati quando si opera in questo settore, non tutto si deve destinare alla pratica e all’operatività.

I pilastri fondamentali devono essere sempre noti a chi si occupa di web copywriting, ma anche a chi lavora ogni giorno con Facebook Advertising, Google Adwords, newsletter e altri aspetti della promozione online. Ecco che oggi, più che mai, è importante lavorare su un punto cruciale.

Vale a dire sulla piramide dei bisogni di Maslow, un riferimento per capire come si articolano le scelte degli individui. Perché in fin dei conti operiamo per questo: convincere le persone a seguire la nostra idea, l’offerta che offriamo per risolvere problemi e ottenere vantaggi concreti.

Studio Samo Pro Minidegree

Cos’è la teoria della piramide di Maslow

Abraham Harold Maslow, tra il 1943 e il 1954, partorì la sua Hierarchy of Needs. Vale a dire la gerarchia dei bisogni e delle necessità espressa nella sua interezza nel libro Motivation and Personality.

Queste sono le informazioni di base, ma qual è il significato concreto di questa formula?

Semplice, ci sono dei bisogni che ogni individuo deve soddisfare e sono questi:

  1. Fisiologici come la fame e la sete.
  2. Salvezza e protezione da fattori esterni.
  3. Appartenenza a un gruppo o a un affetto.
  4. Stima e considerazione esterna.
  5. Realizzazione delle proprie aspettative.

Non tutti i bisogni sono uguali, ci sono dei punti che non puoi sorvolare: la tua sopravvivenza dipende da necessità fisiologiche. Quindi devi (o almeno dovresti) risolvere prima i problemi legati al cibo, poi la presenza di un tetto sulla testa e infine il resto.

Mi sembra lineare, vero?

 teoria della piramide di Maslow.
Teoria della piramide di Maslow – Fonte immagine

Maslow nel tempo ha implementato questa soluzione, ma ancora oggi può e deve essere sempre un riferimento per chi fa marketing. Il motivo è lampante: chi vende deve sfruttare i bisogni dell’utente.

Che deve sfamarsi e dissetarsi, chiaro. Ma potrebbe farlo con l’acqua del rubinetto o il pane del forno dietro l’angolo, non trovi? Perché è disposto a spendere di più per un bene?

Per approfondire: come creare buoni contenuti per fare lead generation

Costruzione dell’informazione per le personas

Il modo migliore per sfruttare la teoria dei bisogni di Maslow: fare leva su questa schematizzazione per organizzare il messaggio della tua comunicazione. Uno stimolo che deve essere gestito attraverso le buyer personas, vale a dire i modelli idealtipici del tuo potenziale pubblico.

Le personas non esistono nella realtà, sono delle sintesi che racchiudono una serie di informazioni per identificare una fetta del target generale.

E questi elementi – lavori basati su osservazione, ricerca, raccolta dati e brainstorming – devono trovare un posto nella piramide dei bisogni di Maslow. Magari non per forza uno, perché chi compra una bottiglia d’acqua deve dissetarsi.

teoria dei bisogni di maslow
Chi ha bisogno di una bottiglia del genere?

Ma chi acquista (giusto per fare un esempio) una bottiglia Evian siglata da Chiara Ferragni a 8 euro non lo fa solo per evitare la disidratazione. Probabilmente deve sopperire ad altri bisogni, come quello di appartenenza a una community che si identifica in un valore, e in un brand.

Studio Samo Pro Minidegree

L’importanza di soddisfare le richieste

Chi si occupa di marketing online e offline non deve mai perdere di vista la necessità di appagare i bisogni specifici, magari provocando la scintilla che attiva il desiderio.

Senza apparire machiavellici e manipolatori, puoi prendere come esempio il settore finanziario. Vale a dire uno dei più complessi e articolati a causa dell’oggetto in questione (i soldi).

Nessuno ama scherzare con i propri risparmi ma chi lavora con la teoria della piramide di Maslow sa che qui ci sono dei bisogni in ballo. Come la sicurezza. E allora il mutuo è fisso perché le persone hanno paura di ritrovarsi con rate che aumentano, l’assicurazione per la casa viene pubblicizzata da una residenza protetta da un ombrello. E il conto corrente non ha spese nascoste.

bisogni del pubblico
Non ci sono trucchi e inganni: zero costi.

Non esistono solo bisogni autoreferenziali ed egoisti. Prendi come esempio la pubblicità delle organizzazioni no profit, delle donazioni e del volontariato. Moralità, accettazione, autostima: c’è chi fa leva su questi punti per invogliarti ad accettare qualcosa. Tutto questo si applica alla scelta del visual, delle parole e dei testimonial. Soprattutto per creare appartenenza.

Come si applica tutto questo al digital marketing?

Nel modo più semplice e lineare possibile: partendo dalla strategia principale, lavorando su un’analisi seria del pubblico di riferimento, targettizzando il messaggio in base a quelle che sono necessità e ambizioni. Cercando di capire che le scelte non vengono fatte solo per sfamarsi o dissetarsi, ma anche per avere quella sicurezza in più che a volte sei tu a mettere in discussione.

La sponsorizzazione su Facebook deve muoversi in questa direzione, chi scrive i testi dell’annuncio AdWords non può ignorare la teoria della piramide di Maslow che hanno fatto da base di partenza per definire il target. Le persone non hanno bisogno solo di sopravvivere o di lavorare, lo sa bene chi ha messo in produzione il Mac. Una macchina che soddisfa tanti bisogni, non credi?

Da leggere: le leggi della persuasione per Robert Cialdini

 Piramide dei bisogni: secondo te è utile?

In questo articolo provo a fare il punto della situazione sulla teoria della piramide di Maslow, una formula che non offre risposte certe a tutti i problemi di chi fa web marketing. Ma può dare una bussola a chi crea contenuti e strategie digitali, mettendo al centro l’elemento più importante del tuo lavoro: l’utente.

O meglio, le persone in carne e ossa che prendono decisioni. Sei d’accordo?

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.