Perché dovresti tenere d’occhio la Quota clic (ora disponibile in Rete Ricerca)

quota-clic-rete-ricerca
Indice dei contenuti

Recentemente abbiamo parlato di come Google sia ormai decisa a pensionare la metrica “dimensione media” a partire dal prossimo settembre, introducendo al suo posto nuove e più dettagliate metriche legate alla posizione.

Proseguendo su questa strada, l’introduzione (forse più sottotono) della metrica “Quota clic” anche per le campagne in Rete Ricerca mira a fornire una più completa visibilità su come le campagne stiano performando rispetto al loro vero potenziale.

Cosa racconta esattamente?

Studio Samo Pro Minidegree

Quota clic è sostanzialmente una percentuale. Una percentuale che descrive quanti clic il tuo annuncio sta ottenendo rispetto a quelli ipotizzati dalla piattaforma.

Facciamo un esempio: se il tuo annuncio, nel range temporale che hai scelto, è stato cliccato 50 volte e la piattaforma ritiene che dovresti aver ottenuto invece 100 clic (valutando la concorrenza in atto nel periodo e le azioni del target di destinazione su di essa) allora la Quota clic indicata sarà del 50%.

Piuttosto semplice, vero?

È questa una metrica legata alla concorrenza (tra le colonne personalizzate da aggiungere in tabella è questo il suo posto, infatti). Laddove “Quota Impressioni” mostra quanto sei efficace nell’essere visto, Quota clic racconta quanto sei efficace nel venire poi effettivamente cliccato. Una sorta, potremmo dire, di indicatore di opportunità di crescita per la tua campagna.

Disponibile a livello di Campagna, Gruppo di annunci, Annunci e naturalmente Parole Chiave, la metrica non è di per sé una vera novità. Già disponibile da anni per le sole campagne Shopping, è stata in questo ambito un utile sostituto proprio di “posizione media” (non applicabile in Shopping per sua stessa natura).

Insomma, se in Google Ads esistono da tempo diverse metriche utili per valutare se e come vieni visto – Quota Impressioni e QI perse (per ranking e budget, magari) o lo stesso CTR – allora Quota clic diventa interessante per identificare ulteriori spunti di miglioramento quali:

  • l’introduzione di nuove estensioni di annuncio
  • il controllo delle estensioni automatiche (che spesso rendono l’annuncio finale meno efficiente)
  • il progressivo aumento del budget disponibile
  • l’aumento del bid o l’introduzione di una diversa strategia di bid
  • il perfezionamento del bid (per località, dayparting o dispositivo)
  • il ritocco degli annunci per maggiore qualità e coerenza con la query

Inoltre una fluttuazione forte sulla Quota clic potrebbe indicare con più chiarezza un cambio di rotta nella percezione degli annunci da parte del target, come l’introduzione di un competitor con budget o bid maggiori, o più appetibili proposte commerciali sugli annunci.

Insomma, Quota clic si presenta in punta di piedi sulle campagne in Rete Ricerca, con tutte le carte in regola per diventare – soprattutto da settembre – uno dei migliori punti di analisi giornaliera per le nostre campagne.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

dirette instagram
Giuliana Curato

Dirette Instagram: come fare le live su IG

Ti chiedi come sfruttare al meglio le dirette Instagram per connetterti con il tuo pubblico e ottimizzare la tua presenza online ma non sai da dove iniziare? Allora sei nel posto giusto.

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.