Obiettivi di campagna in Facebook Ads: la guida per iniziare (completamente da zero)

La scelta degli obiettivi delle tue campagne è cruciale per il successo delle stesse ma spesso può non essere così scontata, rischiando di cadere in errori che ci costeranno tempo e budget. Le campagne su Facebook offrono diversi obiettivi, ciascuno pensato per raggiungere scopi e utenti specifici. In questo articolo, esploreremo gli obiettivi delle campagne Facebook, approfondendo a cosa servono, come si usano e soprattutto quando è consigliabile usarne uno piuttosto che un altro.
obiettivi facebook ads
Indice dei contenuti

La scelta degli obiettivi delle tue campagne è cruciale per il successo delle stesse ma spesso può non essere così scontata, rischiando di cadere in errori che ci costeranno tempo e budget.

Le campagne su Facebook offrono diversi obiettivi, ciascuno pensato per raggiungere scopi e utenti specifici. In questo articolo, esploreremo gli obiettivi delle campagne Facebook, approfondendo a cosa servono, come si usano e soprattutto quando è consigliabile usarne uno piuttosto che un altro.

Cosa sono gli Obiettivi delle Campagne Facebook?

Gli obiettivi delle campagne Facebook sono gli scopi che desideri raggiungere con la tua pubblicità sulle piattaforme META.

Studio Samo Pro Minidegree

Ogni obiettivo è ideato per indirizzare gli utenti verso una diversa fase del funnel, influenzando moltissimo il modo in cui l’algoritmo mostrerà i tuoi annunci. Per questo motivo non prendere alla leggera la scelta dell’obiettivo, continua a leggere per capire come individuare l’obiettivo giusto!

Come scegliere gli obiettivi Facebook Ads?

Per selezionare l’obiettivo migliore, devi prima definire chiaramente ciò che desideri ottenere dalla tua campagna. Ecco alcuni spunti che possono aiutarti a prendere questa decisione:

  1. Fissa gli obiettivi aziendali: vuoi aumentare le vendite, generare lead, migliorare la notorietà del brand o qualcos’altro? Visualizza la necessità della tua attività.
  1. Conosci il tuo prodotto: è un prodotto che si acquista d’impulso? È un servizio? Bisogna accompagnare il cliente nell’acquisto? Il prodotto o servizio che fornisci a quali bisogni risponde? Queste informazioni ti aiuteranno a determinare l’obiettivo più rilevante e a capire anche quanto budget allocare.
  1. E a proposito di budget: l’hai già stanziato? Non c’è una cifra esatta poiché le variabili che fanno salire o scendere i costi delle campagne sono tantissime. 

Il consiglio è di pianificare sul lungo periodo, in questo modo potrai gestire i cambiamenti con più flessibilità e potrai prendere le misure coi costi delle tue campagne. Fai dei test, studia i risultati, prova nuovi pubblici e nuove creatività e magari anche obiettivi differenti.

Tra quali obiettivi Facebook puoi scegliere?

Eccoci arrivati al punto focale di questo articolo: la scelta.Sostanzialmente META ha raggruppato tutti gli obiettivi in 6 macro-obiettivi, all’interno dei quali potrai scegliere diverse azioni di ottimizzazione più specifiche. Innanzitutto è importante che tu conosca quali obiettivi sono disponibili e cosa cambia da uno all’altro. Continua nella lettura per saperne di più!

Tipi di obiettivi di campagna su Facebook

Awareness: obiettivo Copertura Facebook

L’obiettivo di “Awareness” mira a far conoscere il tuo brand, prodotto o servizio al pubblico di destinazione. È l’unico obiettivo che cerca di raggiungere il maggior numero di utenti, al minor costo possibile. Per farti un esempio concreto è come fare volantinaggio in una determinata zona, cercando di dare il volantino a quanti più passanti possibili.

Con questo obiettivo META cercherà di contenere notevolmente il CPM (costo per mille impression) ed oltre a ciò è l’unico che consente di fissare un limite di frequenza, ovvero: l’algoritmo cercherà di sottoporre le tue Ads ad ogni singolo utente solo X volte ogni X giorni, ad esempio “1 volta ogni 7 giorni”. 

Traffico:  Visita Pagine, Click su Link e Traffico verso App o Chiamate

Se il tuo obiettivo è portare traffico in quantità a un sito web, a delle landing page o a delle app, l’obiettivo “Traffico” potrebbe fare al caso tuo ma presta attenzione a quanto segue.

Quando usi obiettivo traffico di Facebook, l’algoritmo cerca utenti propensi ad uscire dal social su cui si trovano. Il problema è che non si interessa di sapere quello che fanno una volta usciti dal social, questo significa che il traffico è spesso sporco e non in target. Il concetto in questo caso è: quantità non qualità.Se vuoi che gli utenti compilino un form, facciano un’azione o un acquisto, ti sconsiglio fortemente l’obiettivo traffico a favore di uno a conversione.

Interazione: Post Engagement, Avvio Conversazioni/Messaggi e Visualizzazione Video

Vuoi coinvolgere il tuo pubblico? L’obiettivo interazione Facebook è ideato per ottenere like, commenti, condivisioni e interazioni con i tuoi post. Puoi anche promuovere la visualizzazione di video o incoraggiare le conversazioni via messenger, direct message o whatsapp.È l’obiettivo ideale qualora dovessi sponsorizzare un piano editoriale ben strutturato, così da raggiungere utenti propensi a interagire coi tuoi contenuti e aumentare notevolmente la visibilità anche fuori dalla fanbase.

Lead: Form in App (Lead Ads), Conversioni Lead Web, Chiamate e Messaggi

Se il contatto con gli utenti è il tuo obiettivo allora questa è l’azione di conversione che dovresti scegliere. Il contatto può avvenire tramite form in App, form sul tuo sito web, chiamata o messaggio. A differenza degli obiettivi precedenti, questo obiettivo di contatto è ottimizzato a conversione, quindi più profondo rispetto interazione o traffico.

Promozione APP

Questo obiettivo si spiega da solo: se stai promuovendo un’app, puoi indirizzare gli utenti direttamente al download dell’app o incoraggiarli a completare azioni specifiche all’interno dell’app.

Vendita: Conversione e Campagne con Cataloghi

Ultimo, non certo per importanza, l’obiettivo di conversione più nobile: vendita. In precedenza conosciuto come obiettivo conversioni (ora rinominato “obiettivo di vendita”) è l’obiettivo finalizzato a generare conversioni dirette come acquisti o completamento di azioni di valore (es. aggiunta al carrello). Ma non solo: puoi utilizzare l’obiettivo vendita anche per azioni meno profonde, dette anche “micro conversioni” (es. visualizzazione di contenuto).L’altro grande punto di forza di questo obiettivo sono le campagne con i Cataloghi. Questa funzione ti permette di usare i prodotti che hai nell’ecommerce direttamente nelle tue campagne. (link ad articolo cataloghi)

Studio Samo Pro Minidegree

In conclusione

Come avrai capito ogni obiettivo è differente e la scelta potrebbe cambiare in meglio o in peggio il risultato delle tue campagne Facebook Ads.

Vedrai che a parità di pubblico e di inserzione, cambiando l’obiettivo della campagna, i risultati saranno completamente diversi, questo perché l’algoritmo lavorerà per sottoporre le tue campagne Facebook a degli utenti in linea con la richiesta. Ciò significa che le due campagne non raggiungeranno necessariamente gli stessi utenti all’interno dello stesso pubblico. Testare per credere!

Avrai notato anche che alcuni obiettivi hanno le stesse azioni, come ad esempio il contatto con l’utente via Messenger o Instagram. Questa azione di ottimizzazione la trovi in Traffico, Interazione, Lead e Vendita… uno vale l’altro? Ebbene sì. L’obiettivo è importante ma è l’ottimizzazione che stabilirà il modo in cui lavorerà l’algoritmo.

Ora che conosci tutti gli obiettivi delle campagne Facebook disponibili e hai capito cosa fanno nello specifico, potrai valutare, caso per caso, quando usarne uno piuttosto che un altro.

Ricorda di monitorare costantemente le prestazioni delle tue campagne e apportare eventuali modifiche di obiettivo per massimizzare i risultati.

Non ti resta che andare in piattaforma e iniziare a testare gli obiettivi delle tue campagne Facebook Ads.

Buon lavoro!

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Luca Bolelli
Luca Bolelli

Advertising Specialist

Articoli di Luca Bolelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.