Uno sguardo ai 200 fattori di ranking di Google (Infografica)

200 fattori ranking google seo
Indice dei contenuti

Mantenere e migliorare l’ottimizzazione per i motori di ricerca del tuo sito web (SEO) può essere un duro lavoro. 

Ogni volta che gigante della ricerca Google cambia il suo algoritmo, gli imprenditori del web e loro webmaster sudano freddo, nel tentativo di effettuare le regolazioni necessarie per evitare che i loro siti vengano penalizzati nella classifica di ricerca di Google.

Recentemente, Google ha lanciato Penguin 2.0, una nuova versione del suo precedente aggiornamento dell’algoritmo Penguin, che mira a ridurre lo spam.

Studio Samo Pro Minidegree

Il tentativo di seguire tutti i cambiamenti di Google può essere una seccatura, ma bisogna tener presente che ci sono un gran numero di fattori SEO che è improbabile che possano cambiare nel breve futuro. 

Per contribuire a rendere il SEO un po’ più facile, le agenzie di digital marketing americane Backlinko e Single Grain hanno creato la lunghissima #infografica qui sotto, raccogliendo circa 200 fattori che Google considera quando decide dove posizionare i siti nei risultati di ricerca. 

Le informazioni sono state prese da centinaia di fonti, tra cui i blog SEO e le dichiarazioni fatte dal capo del team di Google contro lo spam, #Matt Cutts.

A prima vista, le informazioni qui potrebbe sembrare un po’ opprimenti per alcuni. Ma ci sono tre fattori che probabilmente hanno più effetto degli altri sul SEO del tuo sito:

  1. Tag Tile. E’ importante avere le parole chiave target nel tag title delle tue pagine. Google si basa su questo elemento per determinare il tema della tua pagina. Studi di settore hanno dimostrato che le pagine con la loro parola chiave di destinazione nel tag title tendono a posizionarsi molto meglio per quella determinata query.
  2. Backilnk. Focalizzati sull’ottenere link di qualità che puntano al tuo sito. Anche se la qualità del link è importante, il numero totale di link che puntano al tuo sito è un importante fattore di ranking.
  3. Segnali social. Fai in modo che le persone condividano i tuoi contenuti su siti di social media. Google sta prestando più attenzione ai segnali social, tra cui retweet, condivisioni su Facebook e +1 di Google Plus.

Mentre può essere utile per chiunque abbia un sito avere almeno un po’ di familiarità con alcuni degli argomenti qui riportati, questa infografica può essere una risorsa preziosa per condividere con quelli del tuo team che gestiscono giorno per giorno l’attività SEO:

Studio Samo Pro Minidegree
200 fattori di ranking google seo infografica
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

google ads ecommerce
Giulia Venturi

Google Ads per e-commerce: strategie, consigli e idee

Hai un ecommerce e hai deciso di promuoverlo con Google Ads? Ottima idea! Ci sono diverse soluzioni interessanti che ti aiuteranno a vendere al meglio: è importante tenere presente che soprattutto per queste tipologie di campagne che sfrutteranno tutta la potenza dell’AI di Google, c’è un importante lavoro manuale da fare. Rimboccati le mani e partiamo!

google business profile
Ilaria Nardinocchi

Google Business Profile

Scopri come il Google Business Profile (ex Google My Business) può potenziare la tua attività locale!
Sei curioso di sapere come il Google Business Profile può aiutarti a raggiungere nuovi clienti e far crescere la tua attività? Leggi l’articolo fino in fondo e scopri tutti i miei suggerimenti!

ottimizzare campagne facebook ads
Luca Bolelli

Ottimizzazione le campagne e il budget di Facebook Ads

Se sei un/una advertiser alla ricerca della performance, che punta a migliorare i risultati delle campagne Facebook Ads e che conosce l’importanza di padroneggiare ogni aspetto del processo pubblicitario online, allora questo articolo fa per te!

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti a MakeMeThink, la newsletter di Studio Samo. ✉️ Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.