L’introduzione dell’attributo rel=”nofollow” ha risolto molti problemi di spam finalizzato all’incremento del PageRank. Ciò non ostante, i commenti sul tuo blog possono ancora danneggiare i tuoi sforzi SEO per ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca. In questo post ti spiego il perché e come fare per risolvere questo problema.

La maggior parte dei utenti di #WordPress – la piattaforma di blogging largamente più diffusa – utilizzano il sistema di commento di default, perché è molto facile da utilizzare, sia per gli amministratori che per i commentatori. Tuttavia, l’aggiornamento della politica di Google sul rel = “nofollow” dei link ha fatto sì che questo sistema di commento di fatto impoverisca il tuo sito dal punto di vista SEO.

I link esterni ai siti web dei commentatori, anche se con l’attributo nofollow, fanno perdere la maggioranza dei punti di PageRank delle tue pagine interne. Questo è più fastidioso per i blog attivi che ottengono decine di commenti su ciascuno dei loro post. Maggiore è il numero di commenti sul post con link al sito degli utenti, più la quantità di punti di PageRank viene sprecata, con conseguente scarso flusso di PageRank tra le pagine interne.

Il sistema di commenti di WordPress

commenti wordpress

Il sistema di commenti di default di WordPress è molto popolare perché funziona bene senza dover effettuare alcuna modifica o installare particolari plugin. Per la maggior parte degli utenti è anche molto facile da usare. Nei giorni in cui non esistevano altre piattaforme di commento ti terze parti (plugin) decenti, era l’unica opzione per gli utenti di WordPress. Quando Google ha annunciato di utilizzare l’attributo rel = “nofollow” per controllare i commenti di spam in vari siti web, WordPress si è affrettato ad aggiungere la funzione nel suo sistema di commenti predefinita, mettendo in automatico il nofollow in tutti i commenti.

Quando il nofollow non esisteva, se – ad esempio – un post con 5 punti di PageRank aveva 3 link interni e 2 commenti (ciascuno con collegamento a un sito esterno), i punti di PageRank venivano divisi equamente tra i 5 link, e ogni pagina collegata avrebbe ricevuto 1 punto (se, per semplificare, non si prende in considerazione il damping factor).

Come si può facilmente immaginare, i tuoi link interni beneficiavano di solo un punto. E ‘ovvio che questo era un male per il SEO del tuo sito, soprattutto nel caso in cui la maggior parte dei commentatori avrebbe linkato un sito di scarsa qualità o irrilevante rispetto al tema originale del post.

Come funziona ora il rel=”nofollow”

Una pratica utilizzata da alcuni SEO per controllare il flusso di PageRank all’interno di un sito era di fare ampio uso dell’attributo rel=”nofollow” su diversi tipi di link (sia interni che esterni). Questa pratica manipolativa è stata chiamata PageRank Sculpting. A Google non piace quando altri possono facilmente manipolare i suoi algoritmi. Così, nel 2009, ha ottimizzato la correlazione tra link nofollow e flusso di PageRank:

nuovo algoritmo google pagerank nofollow

Ora, la cosa funziona in modo diverso

Supponiamo che una pagina web abbia un totale di 5 punti di PageRank e link ad altre 5 pagine, di cui uno con il nofollow. Il link con il nofollow non passerà alcun punto di PageRank, ma la sua esistenza influenzerà la quantità di PageRank passata agli altri link.

nofollow caso a

4 links senza nofollows – 4 voti totali, 4 voti utili

Se per comodità non includiamo il damping factor, ogni link ottiene fondamentalmente l’importo totale dei punti di PageRank della pagina diviso per il numero totale di link presenti in quella pagina (compresi quelli con il nofollow).

nofollow caso b

4 voti totali – 3 voti utili, 1 voto “bruciato”

Questo è uno dei motivi per cui non si deve utilizzare il nofollow sui link interni (tranne, ad esempio, in collegamenti a pagine di login, link a pagamento, banner pubblicitari o cose simili, che sono o non pertinenti o dannosi per i motori di ricerca).

Effetto sui siti WordPress che usano il sistema di commenti predefinito

I blog WordPress che utilizzano il sistema di commenti predefinito dovrebbero essere interessati a questo problema. In generale, se un blog ottiene una media di, diciamo, un paio di commenti per post, non si deve preoccupare più di tanto. Ma quando un blog comincia ad avere e più commenti per ogni post, allora il problema può diventare grosso. Quindi, se gestisci un blog WordPress molto attivo, che ottiene un buon numero di commenti per post, sicuramente il PageRank delle tue pagine è influenzato negativamente da questo.

Ciò che effettivamente accade è che la home page del tuo blog non è interessata da questo problema, e passa una quantità decente di succo di PageRank ai tuoi post e alle altre pagine interne, ma i tuoi post (e altre pagine con commenti aperti) passano una quantità molto bassa di PageRank di ritorno alla home page e alle altre pagine interne; ciò è chiaramente un ostacolo al flusso naturale del PageRank tra le pagine interne. Assicurarsi di utilizzare alcune tecniche di deep linking per migliorare il flusso di PageRank e la scansione del tuo sito è infatti una pratica molto efficace (detta crosslinking) per migliorare il posizionamento delle pagine interne.

Come affrontare il problema

Un modo semplice per gestire la cosa è di rimuovere il campo URL del sito web dal modulo dei commenti. Oltre a fare questo, è necessario anche rimuovere il sito dell’autore URL dal modello di commento , in modo che, per i commenti esistenti, nome dell’autore non sono legati ai loro siti.

Ecco il codice per la rimozione manuale del campo URL del sito web dal form di commento. Aggiungilo al file functions.php del tuo tema di WordPress.
add_filter ('comment_form_default_fields', 'unset_url_field');
funzione unset_url_field ($ campi) {
if (isset ($ campi ['url']))
unset ($ campi ['url']);
return $ campi;
}

Un altro modo per aggirare il problema è quello di utilizzare una piattaforma di commento di terze parti sul tuo blog, come Disqus ,IntenseDebate e  LiveFyre .

Nota: un effetto collaterale di utilizzare la maggior parte dei plugin di commenti non predefiniti è che tendono ad aumentare un po’ i tempi di caricamento della pagina, anche se diminuiscono il carico del server.

sistemi commenti e velocità sito

Tuttavia, tutti i sistemi di commento sopra citati non collegano direttamente ai siti web degli utenti dalle pagine di commenti e utilizzano javascript per i link. I commenti pubblicati attraverso di essi sono più SEO-friendly, e possono essere comunque indicizzati dai motori di ricerca.

Potrebbe essere quindi il momento giusto – per i proprietari di siti alla ricerca di un cambiamento nel sistema dei commenti – per passare a un sistema di terze parti con più funzioni e migliorare al contempo il flusso di PageRank all’interno del proprio sito.

Conclusione

Se usi i commenti WordPress di default e il tuo blog è abbastanza attivo, probabilmente questo ha già incasinato il flusso PageRank interno, ma è ancora possibile migliorare la situazione se si gestisce il problema in tempo.

Se sei uno smanettone, non dovrebbe essere difficile per te ottimizzare il sistema di commenti predefinito, né installare un nuovo sistema di commenti.

Quindi, qual è la tua opinione in merito alla questione e quali altri modi mi consigli per questa situazione? Commentate (ma non troppo! 😛 )

Vuoi imparare tutto, ma proprio tutto su WordPress? Scopri il nostro video corso su WordPress.

Recommended Posts

Commenta questo articolo

Comments
  • Elva Horne
    Rispondi

    Utilizzando i controlli per di spostamento all’interno del sito in combinazione con le pagine master, è possibile creare un layout in cui tali controlli si trovano in un’unica posizione. Successivamente è possibile visualizzare le pagine come contenuto all’interno della pagina master.

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.