Instagram aggiunge la ricerca per parola chiave

Instagram introduce la ricerca per parola chiave in sei Paesi di lingua inglese: ecco come funziona.
Instagram Search Keyword
Indice dei contenuti

Dopo il rinnovamento dell’interfaccia, anche la funzionalità di ricerca di Instagram è stata sottoposta ad un interessante aggiornamento. Nel Novembre del 2020, infatti, la piattaforma ha annunciato l’implementazione della ricerca per parola chiave in sei diversi Paesi di lingua inglese (tra cui Canada, Irlanda, Regno Uniti e Stati Uniti).

Un’innovazione importante, che rivoluziona completamente non solo la ricerca da parte degli utenti, ma anche le potenzialità della SEO sulla piattaforma per gli esperti di Marketing.

Fino ad ora, è stato possibile effettuare ricerche soltanto per hashtag, tag di posizione e account, il che spesso è risultato limitante per la visibilità di un contenuto.

Studio Samo Pro Minidegree

Ma finalmente Instagram sembra intenzionato ad ottimizzare uno strumento tanto importante per il pubblico. Vediamo allora come funziona la nuova ricerca Instagram e quali sono le opportunità di business che assicura ad aziende ed esperti del settore.

ricerca Instagram per parola chiave

Ricerca Instagram per parola chiave: come funziona

Come ben sapete, Instagram non ha mai funzionato come fosse un vero e proprio motore di ricerca di immagini. Gli utenti hanno avuto sempre la sola possibilità di ricercare i contenuti per hashtag e/o localizzazione, oppure usare la barra di ricerca per trovare un account di cui già conoscevano il nome.

Per quanto questo sistema possa aver soddisfatto il pubblico, risultava comunque incompleto, perché non in grado di ricercare alcuni degli elementi contenuti all’interno delle didascalie.

La ricerca per parole chiave, però, rivoluziona completamente questo sistema. Da adesso, agli utenti basta digitare una parola nella barra di ricerca per ottenere una serie di risultati tra cui compaiono post che trattano quell’argomento, anche se questo non è inserito nella didascalia in forma di hashtag. Facciamo un esempio pratico per rendere tutto più chiaro.

Se siamo alla ricerca di un contenuto che riguardi l’alimentazione sana, Instagram ci permette di trovare tutti quei post contenenti l’hashtag #alimentazionesana, oppure quegli account che includono queste parole nella loro biografia.

Questo vale tuttora per la ricerca Instagram in Italia, dove la nuova funzione non è ancora arrivata. Ma altrove non è così.

Digitando le parole “alimentazione sana”, gli utenti di lingua inglese possono visualizzare i contenuti di ricette healthy anche senza che vi sia un tag specifico.

Non è ancora ben chiaro come la funzionalità sia in grado di riconoscere l’argomento di un contenuto, anche se un portavoce di Instagram ha dichiarato che la piattaforma classificherà i risultati di ricerca in base a fattori come “tipo di contenuto, didascalie e data di pubblicazione“.

Inoltre, il social farà affidamento sul Machine Learning per “trovare contenuti di alta qualità rilevanti per l’utente“.

ricerca Instagram parole chiave

C’è però un dettaglio interessante da considerare. Stando a quanto riferito dallo stesso portavoce, la ricerca Instagram “sarebbe limitata agli argomenti di interesse generale e alle parole chiave che rientrano nelle linee guida della community“. Stando da quello che si legge in Rete, parole come “vaccino” o “Trump” non sarebbero ancora incluse nella nuova funzionalità di ricerca. Ma keyword come “pasta” o “fiori” sembrano fornire, invece, proprio i risultati che ci si aspetta.

In ogni caso, è abbastanza chiaro che si tratti di un gigantesco passo in avanti per la piattaforma. Finalmente gli utenti avranno modo di trovare contenuti più in linea con le proprie esigenze, e le aziende potranno rendere ben visibili le proprie immagini anche senza ricorrere obbligatoriamente ad hashtag specifici.

Si apre quindi una fase del tutto nuova per gli esperti del marketing, che potranno così concentrarsi sulla SEO delle didascalie dei post per riuscire a far crescere la propria pagina ed ampliare la copertura dei contenuti.

Studio Samo Pro Minidegree

Vediamo allora quali sono le opportunità future, ammesso che la funzione arrivi presto anche in Italia.

Tutte le opportunità della nuova ricerca per parole chiave di Instagram

Anzitutto, è abbastanza evidente che la nuova funzionalità di ricerca Instagram vi permetta di ampliare la visibilità dei contenuti, soprattutto se utilizzate qualche tecnica SEO nella redazione delle didascalie.

E, laddove necessario, vi consente anche di trovare menzioni del vostro brand, specialmente nel caso in cui gli utenti abbiano dimenticato di usare il tag. E già questo può aiutarvi nel misurare il sentiment del vostro marchio.

Al tempo stesso, questa funzionalità può aiutarvi nell’analisi del vostro mercato di riferimento, competitor inclusi.

Ricercando i contenuti per parola chiave, potete anzitutto capire quali sono i bisogni del vostro pubblico, e costruire di conseguenza una strategia di contenuti che possa soddisfarli a pieno.

Ma potete anche capire cosa pensano gli utenti dei vostri competitor e migliorare conseguentemente il vostro lavoro per riuscire a guadagnarvi la loro considerazione e fiducia.

Insomma, per quanto possa sembrare soltanto un cambiamento alla modalità di ricerca, in realtà è molto di più.

È una vera e propria rivoluzione della piattaforma, che si muove sempre di più nell’ottica del motore di ricerca, il che potrebbe significare che ci saranno altre interessanti aggiornamenti futuri in questo senso.

Nel frattempo, non ci resta che aspettare che la funzionalità arrivi in Italia, ma intanto potremmo già pensare ad una strategia che la includa, perché no?

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

dirette instagram
Giuliana Curato

Dirette Instagram: come fare le live su IG

Ti chiedi come sfruttare al meglio le dirette Instagram per connetterti con il tuo pubblico e ottimizzare la tua presenza online ma non sai da dove iniziare? Allora sei nel posto giusto.

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.