Dati demografici e interessi in Google Analytics: a cosa servono?

dati-demografici-e-interessi-in-google-analytics
Indice dei contenuti

In Google Analytics, la sezione “Pubblico” è spesso quella più sottovalutata.

Difficile nasconderlo: ci si lascia affascinare più facilmente da report che raccontano la provenienza del traffico, le pagine più viste, le conversioni.

Invece, l’analisi del pubblico che effettivamente sta generando queste pagine viste, queste conversioni, finisce troppo spesso in fondo alla lista di priorità.

Studio Samo Pro Minidegree

Eppure i report sui dati demografici e sugli interessi possono raccontare molto. Soprattutto, possono diventare strumenti concreti per orientare l’attività pay-per-clic.

Una premessa è d’obbligo: per l’attivazione di questo set di report è necessario attenersi ai requisiti delle norme delle funzioni pubblicitarie di Google Analytics e, naturalmente, alla vigente normativa sulla privacy.

La sezione “Pubblico” è vasta e offre più di uno spunto operativo. I dati demografici e interessi sono racchiusi nelle loro sottosezioni:

  • Pubblico > Dati demografici > Età
  • Pubblico > Dati demografici > Sesso
  • Pubblico > Interessi > Categorie di affinità
  • Pubblico > Interessi > Segmenti in-market

Come impiegare i report per dati demografici

Il tranello in cui si cade è pensare: “Beh, certo, interessante sapere l’età o il sesso stimato da Google del mio pubblico di visitatori, ma alla fine cosa me ne faccio?”

Il mio consiglio è di guardare allo scenario più ampio. Perché domande sulla restrizione del target di una campagna per età e sesso sono il pane quotidiano di chi sta lavorando in Facebook Ads o sta cercando di raffinare un’ulteriore opzione di targeting in Google Ads, magari per la rete display.

Se Google Analytics sta raccogliendo dati nel modo corretto e i rapporti possono incrociare queste informazioni con le azioni di conversione o gli eventi scatenati sul sito, allora sapere quale parte del tuo target si sta rivelando più reattiva è fondamentale.

In particolare, noterai che accedendo al report per età e cliccando su una delle fasce d’età presenti verrai portato alla relativa divisione per sesso.

Nel report per sesso, cliccando su una delle due voci presenti, verrai portato invece alla divisione per categoria (per esempio “Arts & Entertainment/Celebrities & Entertainment News”, “Travel/Air Travel” o “Sports/Team Sports/Soccer”).

Come impiegare i report per interessi

Se hai già messo mano in passato una campagna Google Ads, magari in rete display, ti suoneranno certamente familiari i termini “categorie di affinità” e “segmenti in-market”.

Quando parliamo di categoria di affinità ci riferiamo a temi a cui i nostri utenti sono genericamente interessati. Argomenti di cui leggono, vedono video o che fanno parte in senso più ampio della loro vita. Non a caso le etichette riportano “Travel/Business Travelers” o “Lifestyles & Hobbies/Green Living Enthusiasts”. In italiano si potrebbe tradurre la gran parte di questi interessi con “appassionati di”.

Google Analytics: categorie di affinità

All’interno dei segmenti in-market ritroviamo invece prodotti e servizi che i nostri utenti comparano o acquistano. Le voci qui cambiano in qualcosa del tipo “Travel/Hotels & Accommodations” o “Business Services/Advertising & Marketing Services/SEO & SEM Services”. In italiano potremmo tradurre la gran parte di queste intenzioni con “acquirenti di”.

Google Analytics: segmenti in-market

Se in Google Analytics voglio capire cosa leggono i miei utenti (oltre ai miei contenuti), guarderò ai primi. Se voglio sapere cosa comprano (oltre ai miei prodotti), guarderò ai secondi.

Studio Samo Pro Minidegree

Per esempio, potrei trovare gli appassionati di fotografia nelle categorie di affinità, mentre gli acquirenti di reflex digitali nei segmenti in-market. La differenza è sostanziale.

Una nota per nulla banale: entrando in questi rapporti potresti non notare come il segmento di base “Tutti gli utenti”, sempre applicato a ogni report in Google Analytics, qui viene ristretto ai soli utenti che la piattaforma ha potuto ricondurre a un interesse o un dato demografico.

Impiegare gli interessi in campagne PPC

Puoi decidere di impiegare le informazioni fornite dai report per interessi in due modi distinti.

Da un lato, puoi raffinare le opzioni di targeting per una campagna Google Ads, in rete display magari, rivolta a un pubblico freddo.

Ci si chiede spesso quale altro segmento di pubblico potrebbe valere la pena aggiungere, dimenticando che queste informazioni sono già disponibili tra i report di Google Analytics.

Potresti scegliere di adottare in maniera più cauta alcuni nuovi segmenti di pubblico in sola osservazione, per poi restringerli in targeting una volta confermata la loro bontà.

Condivisione di segmenti di pubblico per interessi da Google Analytics a Google Ads

Inoltre, queste informazioni sono preziose durante la creazione di segmenti di pubblico in Google Analytics per la condivisione verso Google Ads. Diventa davvero intuitivo testare nuovi elenchi di remarketing che prendano in considerazione anche questi parametri.

Visione d’insieme

Dati demografici e interessi in Google Analytics sono, se non proprio tutta, buona parte della risposta che cerchiamo quando lavoriamo sul perfezionamento o sull’espansione di campagne pay-per-clic in diverse piattaforme (Google Ads per prima).

Comprendere più a fondo a quali dati demografici e categorie appartengano i nostri utenti può permetterci di aprirci a strategie di advertising dotate dalla classica “visione più ampia”.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.