I costi nascosti della Link Building

I costi nascosti della link building
Indice dei contenuti

Quanto costa fare link building? Come faccio a valutare il costo di un singolo link e vedere in quanto tempo fare effetto/se il costo è congruo?

Queste sono di solito le domande-tipo di chi si trova ad affrontare un investimento in termini di ottimizzazione offpage. Fermo restando che sono tutte domande legittime, anche se riduttive, in quanto erodono quello che potrebbe essere il vero valore aggiunto di questa attività.

Mi spiego meglio: al di là del fatto che fare SEO, e soprattutto Link Building, con pochi soldi; spesso e volentieri si finisce a comprare pacchetti di link che sono una mezza garanzia di penalizzazione futura.. ci si riduce a pensare allo stesso non più come “collegamento” ma come pacchetto di voti “finti” atti a drogare la competizione sulle SERP.

Studio Samo Pro Minidegree

Di sé e per sé, se serve nel brevissimo periodo e il cliente lo sa/approva, a ognuno il suo; ma ragionare sempre nell’ottica del “quanto mi costerà quel link” si finisce anche a spendere – caso reale, 1.000 € per un link che ne ha richiesti altrettanti per la rimozione. Si, ti ho appena fatto uno spoiler del costo nascosto della Link Building.

Il link è un collegamento (ma, dai!)

Spesso, come SEO, ce lo dimentichiamo: il link è tale perché porta dal sito A al sito B. Se questa traccia non la segue nessuno, probabilmente è un link a uso e consumo per la SEO.

Ovvio che il costo di un link che oltre a portare valore al posizionamento porta anche traffico da refferal sia più elevato. Non fosse altro che si parla di Digital PR, di tutta una serie di attività volte a ricevere link spontanei che potenzialmente porteranno traffico. O alla produzione di contenuti in grado di fare altrettanto.

In questo caso parlerei però più di investimento, che di costo: perché il ritorno è duplice (e anche più duraturo).

I costi nascosti della Link Building

Come ti ho già spoilerato prima si tratta del dover affrontare nuovamente la spesa – in questo caso necessaria e quasi vitale – di un’attività di rimozione link spammosi.

Il tutto riassumibile con il vecchio adagio della nonna, che SEO non era, ma ci vedeva lungo: “chi spende poco, spende due volte“.

Insomma, per concludere:

  1. Non chiederti quanto può costare un singolo link, chiediti che valore può portare (sia di ranking che di traffico).
  2. I pacchetti di link non sono il male se ti servono nel breve termine, ma se ci vuoi costruire delle basi, è un rischio.
  3. Preparati a spendere se finisci penalizzato. Non solo per il consulente, ma anche – e capita – per chi hai già pagato per avere quel link. Ad oggi può chiederti nuovamente di mettere mano al portafoglio per toglierli. Non è giusto, ma puoi fare altrimenti? Preferisci spendere (altri) soldi in avvocati?

E tu? Ti è mai capitato di imbatterti nei costi nascosti della link building?

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

2 risposte

  1. Indubbiamente utilizzare soltanto guest post a pagamento per la propria strategia di SEO off site è sbagliato. Una strategia ben più efficace – ma dispendiosa in termini di tempo – è appunto il digital PR, che passa necessariamente attraverso la produzione di contenuti di qualità. 😉

    1. Yeeep, ne sono pienamente d’accordo.

      Il problema è che.. risulta sempre difficile far capire che c’ è bisogno di tempo per creare e diffondere buoni contenuti. E quindi si piegano i guest post a una tattica grey hat che – giustamente – negli anni scorsi finì nelle considerazioni di Google, almeno per un paio di dichiarazioni 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

dirette instagram
Giuliana Curato

Dirette Instagram: come fare le live su IG

Ti chiedi come sfruttare al meglio le dirette Instagram per connetterti con il tuo pubblico e ottimizzare la tua presenza online ma non sai da dove iniziare? Allora sei nel posto giusto.

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti a MakeMeThink, la newsletter di Studio Samo. ✉️ Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.