Come organizzare le pubblicazioni sui social durante l’estate? E le interazioni? Sono tutti in vacanza, mi conviene pubblicare? Queste sono le domande che si susseguono in agenzia. Spesso si parla di mettere in pausa i canali social personali o aziendali. Ma conviene veramente? Gli utenti che vuoi raggiungere vanno in ferie? Non sempre è così, molto dipende dal target e dal settore di riferimento.

Tutto questo senza considerare che ormai si naviga anche sotto l’ombrellone grazie a smartphone e altri dispositivi mobile. Questo, in determinati casi, rende indispensabile una presenza costante sui social media. Lo ripeto con decisione: queste sono riflessioni che devono essere affrontate considerando il singolo caso.

Ogni azienda ha dinamiche differenti, ma la sintesi è questa: anche ad agosto devi pubblicare contenuti e devi interagire con il pubblico. Soprattutto se prodotti o servizi sono legati a dinamiche che non conoscono pausa. O che registrano maggiore attenzione proprio quando il target è in vacanza. In questi casi puoi trovare informazioni preziose nei dati Insignt degli anni precedenti e con una ricerca su Google Trends.

Quali sono i nodi per organizzare un calendario editoriale della tua pagina Facebook o del tuo account Twitter durante i mesi estivi? Conosci i passaggi indispensabili per evitare problemi quando tutti sono a mare o in montagna? Ecco i consigli che posso darti grazie alla mia esperienza nel social media marketing.

Chi lavora durante le ferie

Il primo punto da affrontare in questi casi riguarda la capacità dell’azienda o del professionista di organizzare la propria presenza e la disponibilità rispetto agli account social. Non esistono ferie per chi deve presidiare pagina Facebook e Twitter di un brand, soprattutto se questi canali vengono considerati come un punto di riferimento per il customer care service. Le persone vogliono delle risposte e utilizzano i social come canali rapidi e immediati per ottenerle.

Di conseguenza la gestione dei social durante le ferie deve essere organizzata in modo tale da prevedere sempre una presenza fissa. Un professionista in grado di presidiare interazioni, domande private e pubblicazioni. Questo per evitare incomprensioni che potrebbero sfociare in veri e propri social media fail. La soluzione? Organizzare turni e prevedere sempre una presenza online.

Per approfondire: 5 modi per ridare vita ai tuoi contenuti

Definisci una policy per le emergenze

Anche se c’è sempre una persona online per aggiornare i social, l’assenza del team e dei responsabili può essere un problema. Soprattutto se la gestione di questi canali è ad alto rischio di contestazioni, emergenze e polemiche.

Prima di dimezzare il personale e di mandare in ferie il team organizza un documento per stabilire pratiche, email d’emergenza e regole per risollevare le sorti di una discussione che potrebbe diventare pericolosa. La parola d’ordine: non improvvisare, segui la procedura e segnati gli indirizzi utili.

Monitora e modera i commenti

Se hai diviso il lavoro con i tuoi collaboratori e hai una presenza fissa capace di coprire tutto il periodo estivo non ci sono problemi. Se invece hai deciso di limitare la tua presenza assicurati almeno di avere una ottimizzazione del filtro Facebook capace di bloccare commenti con determinate parole (trovi la soluzione nella guida ufficiale). Al tempo stesso è giusto impostare su un programma come Mention con una ricerca dedicata al tuo band. Così puoi avere dei report completi sulle menzioni del tuo nome su social e pagine web.

Pianifica contenuti contestualizzati

Uno dei passaggi decisivi da mettere in pratica per gestire gli account social durante i mesi estivi è la pianificazione di contenuti capaci di catturare la condizione e lo spirito dei follower. Durante l’estate puoi individuare date utili per pubblicare video, immagini e testi capaci di evocare tutto ciò che riguarda la bella stagione.

Ovviamente tutto questo può avvenire studiando prima quello che può essere l’esigenza tipica del tuo target in questo periodo specifico. Per l’automobilista agosto è sinonimo di traffico e bollino nero, per chi ama la moda c’è la stagione autunno-inverno alle porte. Ecco qualche esempio su Facebook.

autostrade social

moda sui social

auto e social network

tassoni social

Come vedi la creazione dei contenuti è contestualizzata. L’estate è una stagione che si presta alla personalizzazione di ciò che pubblichi sulla pagina Facebook o sull’account Twitter. Tutto dipende da cosa cerca il pubblico, dai valori condivisi e dalle necessità di chi ti segue. Ecco perché l’analisi del target è sempre al centro della strategia. Senza dimenticare che esistono gli user generated content, i contenuti generati dagli utenti. Anche nei mesi estivi puoi coinvolgere le persone e chiedere di lasciare le proprie immagini.

Automatizza le pubblicazioni

È chiaro che in un periodo di ferie i ritmi calano. Di conseguenza puoi organizzare le pubblicazioni con strumenti capaci di automatizzare e pianificare i post. Non sempre hai bisogno di soluzioni esterne, ad esempio con Facebook puoi sfruttare l’applicazione nativa per pianificare gli aggiornamenti con precisione.

Per altre piattaforme social puoi sfruttare realtà già rodate come Hootsuite, Tweetdeck, Postpickr e Buffer. Per Instagram invece consiglio Onlypult che è anche un ottimo client per pubblicare foto da desktop. In ogni caso c’è un punto da considerare: spesso la programmazione viene confusa con abbandono dei canali. Non è così.

Una volta lanciato il contenuto devi sempre e comunque verificare la buona riuscita della pubblicazione e gestire eventuali interazioni che nascono nei commenti. Come detto prima, durante i mesi estivi il rischio è quello di abbandonare le conversazioni con gli utenti e limitarsi solo ed esclusivamente alla pubblicazione di post programmati. Non permettere che questo avvenga, le conversazioni sono l’anima dei social.

Problemi di fuso orario

Stai pianificando i contenuti del blog aziendale? Più o meno valgono gli stessi discorsi legati ai social, ma attenzione al fuso orario. Spesso l’impostazione base di WordPress porta una soluzione diversa a quella che preferisci. Quindi programmi un post per le 8 del mattino e alle 10 è ancora offline. Vai su setting, sezione generale e assicurati che la timezone sia centrata su Roma. Se pubblichi in Italia, mi sembra logico.

Da leggere: come scegliere i blog per pubblicare guest post

Organizzi i social per l’estate?

In questi punti sottolineo una serie di passaggi (a mio avviso) indispensabili per gestire i social durante il mese delle ferie, agosto. I contenuti possono seguire la linea estiva, possono essere usati per coinvolgere e divertire il pubblico. Magari per informarlo nel momento del bisogno. In questi casi il calendario editoriale deve essere gestito con intelligenza, guardando con attenzione le date e creando post adeguati.

Chiaramente senza mai perdere di vista l’interazione con il pubblico. Sei d’accordo? Tu come gestisci i social in questo periodo? E il blog? Ti fermi con le pubblicazioni? Lascia la tua opinione nei commenti, come sempre.

Recommended Posts

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.