In SEO

Il Guest Blogging (o Guest Posting) consiste nel trovare blog disposti ad ospitare (da qui il termine “guest”) sul loro sito/blog articoli scritti da noi.  E’ una delle più diffuse tecniche SEO di link building, noi scriviamo contenuti per ottenere link verso il nostro sito, e il blog che ci ospita ottiene un contenuto valido in più per i suoi lettori (umani e robot). In questo modo si effettua uno scambio equo vantaggioso per entrambe le parti.

Matt Cutts, capo del team anti-spam di Google, risponde a una domanda sul Guest blogging nel suo ultimo video, in cui un utente gli chiede:  

Come posso fare guest blogging senza che essi appaiono come se avessi pagato per i link?

Cutts dice che quando il suo team esamina i rapporti sullo spam, vi è una chiara distinzione tra un guest post e un link a pagamento mascherato da guest post (un articolo scritto su commissione, pagato, al solo scopo di ottenere un link).

Uno dei modi più chiari per distinguere i link a pagamento dai guest post organici è vedere quanto bene l’argomento del post corrisponde al resto del contenuto del sito. Cutts dice che i contenuti di spam in genere sono “off-topic” o irrilevanti, hanno poco a che fare con la nicchia del blog. I contenuti Spam probabilmente conterranno inoltre anchor text ricchi di parole chiave.

Secondo Matt, un vero guest blogger è un esperto comprovato di un particolare argomento. Un guest post organico includerà spesso un paragrafo circa l’autore ospite del blog, che chiarisce il motivo per cui è stato invitato a scrivere un post per il sito. Un vero guest post inoltre generalmente non utilizza pesanti quantità di parole chiave nei link.

Matt osserva che in tutti questi casi vi è uno spettro di qualità, ed è stato notato un aumento di guest post sul blog di bassa qualità. Mette perciò in guardia i SEO sul fatto che il guest blogging sta cominciando a diventare una specie di “moda del momento”, e di non farlo su quanti più siti possibile.

Il Guest blogging è una di quelle cose che andrebbero fatte con moderazione, non dovrebbe essere il tuo lavoro a tempo pieno… se questo è tutto quello che stai facendo, allora probabilmente questo non è il modo migliore per costruire la reputazione per il tuo sito web.

Matt conclude il video dicendo che di solito la differenza tra i link a pagamento e i veri guest post di blog è abbastanza chiaraSe stai facendo post su un blog che assomigliano molto ai link a pagamento – dice – Google può decidere di non contare quei link a prescindere.

Si può vedere la risposta completa di Matt Cutts nel video qui sopra al post.

P.S. Vuoi davvero imparare il web marketing?

Il web marketing è in continua evoluzione, resta sempre aggiornato! Offriamo video corsi di web marketing in abbonamento, per garantirti tutta la formazione di cui hai bisogno in un unico spazio, senza dover perdere giornate intere alla ricerca di fonti, corsi, novità e senza spendere un patrimonio in formazione. Avrai tutto ciò che ti serve per diventare un vero specialista.

Vuoi provare gratis? Accedi subito a centinaia di lezioni gratuite.

Post suggeriti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.