Google mobile-only entro marzo 2021

John Mueller ha dichiarato che a partire da marzo 2021 la versione desktop di un sito sarà eliminata dall'indicizzazione di Google. Quindi un passo ulteriore verso una mobile-only indexing del motore di ricerca di Mountain View.
Google Mobile 2021
Indice dei contenuti

Internet è sempre più mobile, i dati sul traffico proveniente dai dispositivi mobili parlano chiaro.

Quindi i webmaster e i SEO sanno già da tempo che un sito o qualsiasi contenuto finisca sul web deve essere pensato e progettato prima di tutto per il mobile.

Infatti Google ha lanciato l’indicizzazione mobile-first già dal 2016. Le indicazioni per i webmaster erano di assicurarsi che il sito desktop e mobile fossero sincronizzati, da tutti i punti di vista: contenuto, schema, collegamenti, ecc. Gli elementi c’erano già tutti, ma si è dato per scontato che la scansione e l’indicizzazione della versione desktop di un sito continuassero, assieme a quelle della versione mobile.

Studio Samo Pro Minidegree

Finché è arrivata la recente dichiarazione di John Mueller, il Webmaster Trends Analyst di Google, che, fissando un preciso limite temporale, ha creato un po’ di agitazione tra gli addetti ai lavori.

Google mobile-first index escluderà tutti i contenuti desktop

Google Mobile First Index escluderà tutti i contenuti desktop

Mueller ha aggiunto dei dettagli e delle novità importanti sul mobile-first index di Google, che già da tempo premia i siti mobile friendly.

La breaking news è che la versione desktop di un sito sarà completamente eliminata dall’indice di Google. La data del passaggio all’aggiornamento del mobile index sarebbe stata già decisa e non è probabile che cambi: marzo 2021 (in realtà, Google aveva annunciato che questo cambiamento sarebbe arrivato a settembre 2020, ma tutto è slittato a causa della pandemia di COVID).

L’eliminazione dall’indice di Google della versione desktop dei siti, non riguarderebbe solo le pagine web, ma anche le immagini e tutte le altre risorse collegate.

Questo è quello che ha detto John Mueller durante la Pubcon Pro Virtual 2020:

“Ora stiamo indicizzando quasi completamente il Web utilizzando un Googlebot per smartphone, che corrisponde molto di più a ciò che gli utenti vedrebbero effettivamente quando effettuano una ricerca.

È vero che in futuro indicizzeremo solo i contenuti mobili.

Pertanto, quando un sito viene spostato su una mobilefirst indexing, elimineremo tutto ciò che si trova solo sul sito desktop. Essenzialmente lo ignoreremo.

Tutto ciò che desideri sia indicizzato, deve essere sul sito per dispositivi mobili.

E la scadenza finale che abbiamo stabilito è marzo 2021 “.

3 consigli per prepararsi a Google mobile-only

3 consigli per prepararsi a Google Mobile-only

Per contrastare una possibile perdita di traffico, tutti i contenuti da indicizzare si devono trovare sulla versione mobile del sito web. Inoltre, la versione mobile del sito web deve essere ottimizzata in modo che Googlebot esegua correttamente la scansione del contenuto.

Affinché il sito web funzioni in modo ottimale per gli utenti e Googlebot, i seguenti punti devono essere rispettati:

Studio Samo Pro Minidegree
  • Googlebot deve essere in grado di accedere al contenuto mobile: affinché Google possa eseguire la scansione della versione mobile, le istruzioni nel file robots.txt devono essere controllate e, se necessario, modificate.
  • Devono essere presenti meta tag robots identici: se le istruzioni dei meta robots (noindex, nofollow) sulla versione mobile differiscono dalla versione desktop, potrebbero esserci problemi con la scansione e l’indicizzazione.
  • Il contenuto dei siti web deve corrispondere: se il contenuto è diverso nella versione mobile e nella versione desktop, ciò può comportare una perdita di traffico. Il contenuto del sito web dovrebbe quindi corrispondere in modo che Google possa continuare a recuperare le informazioni pertinenti per le pagine dei risultati di ricerca. Dovrebbero essere utilizzate anche le stesse meta informazioni e intestazioni significative.

Come non arrivare impreparati a Google mobile-only

In realtà, è molto difficile che si arrivi impreparati alla transizione definitiva di Google mobile-only, a meno che non si sia vissuti su un altro pianeta.

Come abbiamo scritto all’inizio di questo articolo, Google ha introdotto l’indicizzazione mobile-first già quattro anni fa, sottolineando sempre l’importanza dell’esperienza degli utenti sui dispositivi mobili. Questa transizione non è altro che la conseguenza naturale di questi aggiornamenti.

Anche chi non è un SEO o un webmaster, può fare riferimento alle linee guida che Google mette sempre a disposizione di tutti quando introduce un aggiornamento importante.

Riassumendo, la transizione definitiva a Google mobile-only si traduce nella necessità di avere SEMPRE una versione ottimizzata per dispositivi mobili quando si ha un sito o si sta per lanciarlo. Una verità scontata (ma non troppo), dal momento che la maggior parte del traffico web, oggi, parte da un dispositivo mobile.

Voi siete pronti a Google mobile-only? Se avete consigli utili o best practices basate su esperienze dirette, per SEO e non, potete condividerli lasciando un commento alla fine dell’articolo.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

2 risposte

  1. Ciao Riccardo. La risposta è dipende. Puoi fare tu stesso un test di usabilità del tuo sito visitandolo da smartphone o da un dispositivo mobile. Quindi trarre le conclusioni. Se non hai un sito ottimizzato per dispositivi mobile, rischi non solo la rimozione dall’indice di Google, ma offri anche un’esperienza utente poco soddisfacente. Se il sito è una parte importante del tuo business, ti conviene pensare quindi a una nuova versione, magari con un template responsivo che si adatti a tutti gli schermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

google ads ecommerce
Giulia Venturi

Google Ads per e-commerce: strategie, consigli e idee

Hai un ecommerce e hai deciso di promuoverlo con Google Ads? Ottima idea! Ci sono diverse soluzioni interessanti che ti aiuteranno a vendere al meglio: è importante tenere presente che soprattutto per queste tipologie di campagne che sfrutteranno tutta la potenza dell’AI di Google, c’è un importante lavoro manuale da fare. Rimboccati le mani e partiamo!

google business profile
Ilaria Nardinocchi

Google Business Profile

Scopri come il Google Business Profile (ex Google My Business) può potenziare la tua attività locale!
Sei curioso di sapere come il Google Business Profile può aiutarti a raggiungere nuovi clienti e far crescere la tua attività? Leggi l’articolo fino in fondo e scopri tutti i miei suggerimenti!

ottimizzare campagne facebook ads
Luca Bolelli

Ottimizzazione le campagne e il budget di Facebook Ads

Se sei un/una advertiser alla ricerca della performance, che punta a migliorare i risultati delle campagne Facebook Ads e che conosce l’importanza di padroneggiare ogni aspetto del processo pubblicitario online, allora questo articolo fa per te!

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti a MakeMeThink, la newsletter di Studio Samo. ✉️ Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.