Google inonda SEO e webmaster con le notifiche “mobile-first indexing enabled”

mobile google first index
Indice dei contenuti

Hai ricevuto un avviso da Google che il tuo sito è ora abilitato per l’indicizzazione mobile-first? O meglio… esperti SEO e webmaster avete la vostra casella email inondata di notifiche che tutti i vostri siti sono sottoposti alla indicizzazione per la versione mobile?

Tranquilli perché è tutto sotto controllo visto che da da qualche giorno Google sta inviando avvisi a tutti coloro che gestiscono uno o più siti tramite la Search Console.

A detta di molti sembra che questo gruppo di avvisi sia di gran lunga il più grande gruppo di avvisi che si sia mai visto da quando hanno iniziato ufficialmente a inviare questi tipi di notifiche batch.

Studio Samo Pro Minidegree

Su molti portali e magazine come Searchengineland.com sono stati pubblicati, al limite tra il serio e il divertito, screenshot di singoli account e-mail che gestiscono decine di siti contemporaneamente, facendo vedere una lista praticamente “infinita” di notifiche.

Battute a parte la notizia non ha certamente colto di sorpresa i SEO che già a giugno avevano letto il comunicato di Google rilasciato su Twitter dall’account ufficiale @googlewmc dove si scriveva:

“With Mobile-first indexing, we index the mobile version. When we recognize separate mobile URLs, we’ll show the mobile URL to mobile users, and the desktop URL to desktop users – the indexed content will be the mobile version in both cases”.

Cos’è l’indicizzazione mobile

Google è tornato sulla notizia di qualche mese fa spiegando con la notifica di questi giorni che “i sistemi di crawling, indicizzazione e classificazione hanno in genere utilizzato la versione desktop del contenuto di una pagina, che può causare problemi per i ricercatori mobili quando quella versione è molto diversa dalla versione mobile.

Con l’indicizzazione mobile first – continua a spiegare Google – useremo la versione mobile della pagina per l’indicizzazione e la classificazione, per aiutare meglio i nostri utenti – soprattutto mobili – a trovare ciò che stanno cercando”.

In breve, Google sta eseguendo la scansione del web come un browser per smartphone che lavora in modo diverso da come farebbe un browser desktop.

Come influisce sul ranking?

Google spera che questa nuova scansione dedicata ai dispositivi mobili non abbia alcun tipo di impatto sul ranking di tutti i siti. Ma se il contenuto del sito è molto diverso sul desktop rispetto a quello mobile, allora può avere un impatto sul posizionamento nella ricerca di Google.

Anche perché da molti mesi Google sta valutando con criteri specifici diversi i siti che mostrano pochi cambiamenti tra le versioni mobile e desktop e se hanno solo la versione desktop-only.

Con questa nuova indicizzazione sembra fin troppo chiaro dove Google voglia andare: con questa batch (leggi modifica di più dati contemporaneamente) potrebbe voler spostare in una “sezione dedicata” tutti quei siti che presentano sostanziali differenze tra la versione desktop e quella mobile, così da facilitare ancora di più una diversa User Experience dell’utente che fa una ricerca collegandosi o da desktop o da un dispositivo mobile.

[via searchengineland.com]

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Una risposta

  1. In che senso “Ma se il contenuto del sito è molto diverso sul desktop rispetto a quello mobile, allora può avere un impatto sul posizionamento nella ricerca di Google.”? Le versione AMP sono totalmente differenti da quelle desktop, o sbaglio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.