Anteprima Google Lens nei risultati Google Image Search

Tempo di lettura: 2 minuti
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
lens-search-immagini

In anteprima dalla sede di Google è arrivata in queste ore la notizia che gli utenti di tutto il mondo potranno molto presto utilizzare Google Lens direttamente all'interno della ricerca immagini su dispositivi mobili.

Google Lents tutti lo conosciamo. Introdotto a maggio 2017 altro non è che uno strumento di ricerca visiva ideato da Google per aiutare le persone a saperne di più sulle immagini che stanno guardando.

Una vera e propria lente di ingrandimento (e non solo) che permette di ingrandire una immagine direttamente dai dispositivi mobili per vedere meglio anche i singoli particolari e per avere ulteriori informazioni in merito all'oggetto visionato.

Ecco perché l'icona rappresentativa è proprio una lente posizionata su un quadrato (leggasi lente posizionata su foto o su schermo, ndr).

Da più di un anno Google Lens fa parte dell'Assistente Google e Google Foto ma da oggi, come Google ha annunciato è disponibile il pulsante Google Lens nei risultati di ricerca di Google Immagini.

Google ha dichiarato: "A partire da oggi, quando vedi qualcosa in un'immagine di cui vuoi saperne di più, come un landmark in una foto di viaggio o uno sfondo in una stanza elegante, puoi utilizzare Lens per esplorare all'interno dell'immagine".

Per vedere il funzionamento della lente potete consultare il documento ufficiale di Google anche se il funzionamento è molto semplice ed intuitivo:  accedendo a Google Immagini da mobile ed aver visualizzato un'immagine, apparirà l'icona Google Lens nell'immagine. Cliccandoci sopra si potrà posizionare la lenta su un oggetto presente nella foto e una volta dato il comando Google farà una ricerca correlata sull'immagine selezionata.

Ad esempio se visualizziamo un interno di un appartamento andando a cliccare con la lente sul divano potremmo avere maggiori informazioni sul modello del divano e quindi  sul prezzo sul produttore e sul venditore.

Seppur Google abbia dichiarato che "Lens in Images è ora disponibile sul Web mobile per le persone negli Stati Uniti che effettuano ricerche in inglese e che verrà presto distribuito in altri Paesi, lingue e località di Google Immagini", non preoccuparti se facendo un primo test non visualizzate ancora la nuova ricerca, anche perché alcuni SEO e webmaster sparsi nei vari stati americani ancora non la visualizzano. Quindi per l'arrivo su Google.it bisognerà aspettare ancora qualche settimana.

Perché questa novità è importante?

Google, come abbiamo scritto più volte in questi ultimi mesi, tende sempre più a presentare ai propri utenti ricerche più mirate, così da fornire un servizio più sofisticato, improntato ad una user experience di altissimo livello. Ecco perché Google Lens porterà gli utenti a trovare maggiori informazioni sugli oggetti all'interno delle immagini di cui vogliono saperne di più.

Come possono i SEO trarre vantaggio da Google Lents? 

Anche se ad oggi non sembra che ci sia uno schema o un markup speciale che i SEO devono aggiungere per trarre vantaggio dal ranking utilizzando Google Lens (che per ora si presenta semplicemente come una nuova funzione di ricerca che è stata aggiunta alla Google Image Search) in verità si possono già ora individuare importanti strategie SEO basate sulle immagini. Pensate ad esempio ad un negozio di abbigliamento e all'utilizzo di una o più immagini panoramiche del negozio dove in "bella mostra" si possono distingure facilmente differenti capi di abbigliamento.

Basterà un clic e si potranno avere informazioni dettagliate sulla singola camicia o sul paio di pantaloni appena arrivati in negozio, "sfruttando" in modo intelligente, anche le immagini dei competitor.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

SOLO PER VERI MARKETER

Ricevi i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!

Antonio Papini

Antonio Papini

Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dal 2005 e consulente marketing per la PMI. Le due carriere apparentemente distanti si sono unite con la nascita dello Studio AppTur dove svolge l'attività di growth hacker specializzato in SEO, comunicazione aziendale, digital marketing e visibilità on-line.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Solo per veri marketer

Ricevi via email i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservare e tanto altro!