Annunci Gmail in Google Ads, dalle campagne display alle discovery

annunci gmail in google ads
Indice dei contenuti

Alzi la mano chi non ha mai visto un annuncio Gmail.

Se fai uso del client di posta di Google, avrai sicuramente già notato come le schede “Promozioni” e “Social” riportino in alto una serie di e-mail, che proprio e-mail non sono.

Sono gli annunci Gmail. Quando cliccati, questi si espandono – proprio come farebbe una vera e propria e-mail – mostrando testi aggiuntivi, prodotti, un’immagine o un video e invitando l’utente al clic.

Studio Samo Pro Minidegree

Neanche a dirlo, rappresentano una preziosa opportunità per intercettare il nostro prossimo cliente in un contesto “intimo” e più personale: la sua casella di posta elettronica.

Vediamo quali opportunità ci offre Google Ads.

Prima di iniziare

Una nota importante prima di iniziare.

Storicamente le campagne Gmail sono sempre state identificate in un particolare sottotipo di campagna display, insieme alle loro sorelle campagne display “standard” e “intelligenti”.

A partire dal 1 luglio 2021 non sarà più possibile creare o modificare campagne Gmail di tipo display (che diverranno in sola lettura). Google Ads continuerà tuttavia a permettere l’erogazione di annunci Gmail all’interno delle più flessibili campagne discovery.

Niente panico: abbiamo ancora abbastanza tempo! Vediamo insieme quali sono le differenze tra i due scenari e come prepararsi al meglio alla transizione.

Annunci Gmail (display)

Semplificando, potremmo dire che le campagne Gmail sono state fino a oggi un tipo di specializzazione delle classiche campagne display.

Anziché erogare annunci su tutta la GDN (la Google Display Network) si rivolgono infatti solo a quella parte di utenti che impiegano il client di posta di Google.

Campagne display, sottotipo Gmail

Le differenze, rispetto a quanto siamo abituati gestire in una comune campagna display, sono poche ma sostanziali. Come vedrai tra qualche istante, ciò che si nota prima di tutto è la mancanza di numerose opzioni.

La campagna

A livello di campagna non cambiano le opzioni di località, che ci permettono di identificare una serie di località target perfezionando la precisione del targeting in inclusione e esclusione. Invariate anche le opzioni per la scelta della lingua.

Nessun cambiamento per le opzioni di pianificazione degli annunci, che ci permettono di restringere la nostra campagna in giorni e orari specifici.

Sempre disponibile, ancora, la possibilità di impostare un targeting specifico per dispositivi, escludendo uno o più tra desktop, smartphone e tablet e identificando sistemi operativi, modelli di dispositivo o rete.

Studio Samo Pro Minidegree
Impostazioni di una campagna Gmail

Qualche piccolo cambiamento lo si inizia a notare rispetto alle strategie di offerta disponibili, che per una campagna Gmail sono limitate a:

  • CPA target
  • ROAS target
  • Massimizza conversioni
  • CPC manuale

Se te lo stessi chiedendo, niente gestione della quota limite. Non abbiamo quindi modo di controllare la pressione degli annunci limitandone l’erogazione a un numero di impressioni massime in un determinato periodo di tempo, come invece accade per le campagne display standard.

Potremmo quindi dire che chi abbia già creato una qualunque campagna di tipo display non troverà grandi difficoltà.

Il gruppo di annunci

Questo tipo di approccio semplificato prosegue anche a livello di gruppo di annunci, dove le opzioni di targeting sono ora ristrette a tre:

  • Parole chiave dei segmenti di pubblico
  • Segmenti di pubblico
  • Dati demografici

Niente gestione dei posizionamenti o targeting contestuale per argomenti e parole chiave dei contenuti. A pensarci bene, non avrebbero granché senso visto il contesto di un annuncio Gmail.

Opzioni di targeting per una campagna Gmail

Attraverso l’uso delle parole chiave dei segmenti di pubblico possiamo invece identificare una serie di termini legati ai nostri prodotti e servizi. La piattaforma mostrerà i nostri annunci agli utenti interessati a quei temi.

Punta di diamante di una campagna Gmail sono, come già per le campagne display più in generale, i segmenti di pubblico. Attraverso essi possiamo definire il nostro target per:

  • Dati demografici dettagliati
  • Interessi e abitudini (affinità)
  • Ciò che stanno cercando e confrontando (in-market)
  • Elenchi di remarketing (anche customer match)
  • Segmenti di pubblico personalizzati

Infine, possiamo restringere se necessario la nostra audience attraverso dati demografici di massima, quali genere, età e stato parentale.

Completa il targeting del gruppo la definizione del targeting automatico, che ci permette di raggiungere altro pubblico simile a quello che abbiamo già identificato con le altre opzioni di targeting, facendo uso del machine learning della piattaforma.

Sono sostanzialmente due i livelli di “espansione” possibili: conservativa e aggressiva. Scegliendo di attivare uno dei due la piattaforma andrà alla ricerca di nuovo pubblico che potrebbe portare il risultato che cerchiamo a un costo simile o in linea con quello attuale.

Espansione del targeting per una campagna Gmail in Google Ads

L’annuncio

Un annuncio Gmail è un tipo particolare di annuncio display, che non si discosta in maniera sostanziale da quanto già visto in altri scenari per gli annunci display adattabili.

La meccanica è semplice: un annuncio Gmail compare inizialmente compresso (chiuso) in alto all’interno delle schede “Promozioni” e “Social” in Gmail, da desktop e smartphone (anche all’interno dell’app). 

Annuncio Gmail compresso e espanso

Quando l’utente fa clic sulla riga dell’annuncio, il clic viene conteggiato e addebitato all’inserzionista. L’annuncio quindi viene espanso (aperto) mostrando il contenuto esteso. Ogni altro clic non viene addebitato.

Un annuncio Gmail si compone di alcuni asset:

  • Il nome dell’attività commerciale (20 caratteri massimo)
  • Un titolo (25 caratteri massimo)
  • Una descrizione (90 caratteri massimo)
  • Un URL finale

Carichiamo inoltre immagini, video o immagini del catalogo. In quest’ultimo caso l’annuncio mostrerà una selezione di prodotti.

È importante ricordare come alcune opzioni avanzate permettano un controllo certosino sulla resa del messaggio. Aggiungendo anche un teaser personalizzato (composto da oggetto e descrizione) potremo distinguere l’oggetto e la descrizione dell’annuncio quando questo è compresso da quando viene espanso.

Indicando un testo di invito all’azione potremo infine personalizzare il pulsante presentato all’utente nell’annuncio espanso.

Impiegare annunci Gmail illustrati è sicuramente la strada più rapida per la gran parte degli inserzionisti. Gli utenti avanzati potranno anche caricare annunci Gmail in HTML personalizzato, progettando e rispettando una serie di requisiti.

Cosa cambia per gli annunci Gmail

Come avrai notato, la creazione di un annuncio Gmail non si discosta molto da quanto già abbiamo visto per la creazione di una campagna display standard.

Sono sicuramente presenti meno opzioni, soprattutto in quanto a targeting, ma la filosofia di fondo è praticamente la stessa.

Come scrivevo in apertura, questo scenario ha però una data di scadenza.

Da luglio 2021 ogni campagna Gmail gestita tramite display sarà resa in sola lettura e non sarà più possibile intervenire sulle sue opzioni. Non sarà possibile creare nuove campagne secondo questo modello.

Quindi, che si fa?
Iniziamo a valutare le campagne di tipo discovery.

Annunci Gmail (discovery)

Queste campagne, dal nome forse un po’ criptico, permettono di erogare annunci in YouTube, Gmail e su altri posizionamenti di Google. Stando ai dati di Google, parliamo di un’audience di quasi 3 miliardi di utenti.

Rispetto a quanto abbiamo visto qualche riga fa, le campagne discovery alleggeriscono maggiormente il carico sull’advertiser, restringendo le opzioni disponibili a livello di campagna e gruppo di annunci.

Questo tipo di campagna non offre sottotipi, per cui è sufficiente scegliere di procedere – con o senza obiettivo – verso “Discovery”.

Campagna discovery in Google Ads

La campagna

Gli aspetti più rilevanti a livello di campagna riguardano prima di tutto la strategia di offerta. Solo due le strade a disposizione: massimizzare le conversioni o massimizzare le conversioni entro un CPA Target.

Come sempre diciamo in questi casi, sono strategie che si alimentano dei buoni dati già ottenuti dalla piattaforma. Nel primo caso, è ideale avere ottenuto in Google Ads almeno 5-10 conversioni al giorno negli ultimi 30-45 giorni. Nel secondo caso, dobbiamo avere una chiara visione di quale potrebbe essere un CPA realistico a cui far tendere la piattaforma.

Impostazioni campagna Discovery

Il gruppo di annunci

A livello di gruppo di annunci, l’essenzialità delle campagne discovery si esprime al meglio. In quanto a opzioni di targeting possiamo agire soltanto per segmenti di pubblico, in particolare:

  • segmenti di pubblico (in-market, eventi importanti)
  • segmenti di pubblico personalizzati
  • segmenti di pubblico per il remarketing
  • dati demografici dettagliati
  • interessi e abitudini

Non è poco, ma è meno di quanto siamo abituati a impiegare in una normale campagna display, anche Gmail. Possiamo, inoltre, restringere l’erogazione per dati demografici (genere, età e stato parentale).

Impostazioni di targeting per una campagna Discovery in Google Ads

Se ti stai chiedendo: “Come posso erogare il mio annuncio solo in Gmail?”. La risposta è: “Non puoi.” 

Una campagna discovery eroga annunci in YouTube, Gmail e su altri posizionamenti, senza concedere controllo all’advertiser perché è proprio questo il senso: intercettare un utente in più di un contesto per scatenare la conversione.

L’annuncio

Un annuncio discovery riprende – ancora una volta – la logica degli annunci display adattabili e del caricamento di asset che la piattaforma impiegherà per costruire poi l’annuncio effettivo.

Sono disponibili due formati: discovery e carosello discovery.

Annuncio discovery in Google Ads

Nel formato discovery possiamo caricare:

  • Fino a 5 titoli (di 40 caratteri)
  • Fino a 5 descrizioni (di 90 caratteri)
  • Il nome dell’attività commerciale
  • Immagini (almeno in versione quadrata/orizzontale e verticale)
  • Almeno un logo
  • Un URL finale

Il testo dell’invito all’azione, in questo tipo di campagna ora è limitato da una serie di alternative testuali. Niente testo libero.

Annuncio discovery carosello in Google Ads

Nel formato carosello discovery, possiamo caricare:

  • Un titolo
  • Una descrizione
  • Il nome dell’attività commerciale
  • Almeno due immagini (tutte nella stessa proporzione)
  • Almeno un logo

La resa dei due tipi di annunci sarà naturalmente fluida e dipenderà dal contesto specifico in cui saranno erogati.

Uno scenario che evolve

Insomma, per chi vuole erogare annunci Gmail, al momento in cui scrivo convivono due alternative in Google Ads.

Da un lato attraverso il relativo sottotipo di campagna display, oppure adottando una campagna Discovery. Nessuno dei due è, al momento, migliore dell’altro.

Se oggi hai una campagna Gmail già attiva in display, valuta un passaggio a opzioni di targeting per segmenti di pubblico e attraverso strategie di offerta automatica.

In questo modo renderai più semplice transitare entro luglio a una nuova campagna discovery, in cui come scrivevo le opzioni di targeting a disposizione sono minori e le strategie di offerta unicamente basate sui risultati.

Le opportunità sono tante e luglio è ancora piuttosto distante. Possiamo agire con la giusta razionalità sull’architettura delle nostre campagne.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.