Tracciare le conversioni in Facebook Ads

Nel mondo del digital marketing, il termine "conversione" si riferisce a qualsiasi azione significativa e misurabile compiuta da un utente sul tuo sito web che contribuisca al raggiungimento degli obiettivi aziendali. Tracciare le conversioni è fondamentale per comprendere l'efficacia delle tue campagne pubblicitarie e per ottimizzare le strategie di marketing. Oggi analizzeremo come tracciare le conversioni su Meta Ads.
tracciare conversioni facebook ads
Indice dei contenuti

Nel mondo del digital marketing, il termine “conversione” si riferisce a qualsiasi azione significativa e misurabile compiuta da un utente sul tuo sito web che contribuisca al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Queste azioni possono includere l’iscrizione a una newsletter, l’acquisto di un prodotto, la compilazione di un modulo di contatto, o anche solo un clic su un link specifico.

Tracciare le conversioni è fondamentale per comprendere l’efficacia delle tue campagne pubblicitarie e per ottimizzare le strategie di marketing.

Studio Samo Pro Minidegree

Perché è fondamentale tracciare le conversioni su Facebook

Facebook offre una piattaforma pubblicitaria estremamente potente, con accesso a un vasto pubblico globale a cui mostrare le nostre inserzioni.

Tracciare le conversioni su Facebook non solo ti permette di comprendere quanto bene stiano performando le tue campagne, ma aiuta anche l’algoritmo a ottimizzarsi per spendere meglio il tuo budget e targettizzare meglio il tuo pubblico.

Con una comprensione chiara di quali annunci generano conversioni e a quale costo, puoi allocare il tuo budget più efficacemente e migliorare il ROAS (ritorno sulla spesa pubblicitaria).

Come Tracciare le Conversioni con il Pixel di Meta e le Conversion API

Per tracciare le conversioni sul tuo sito web, avrai bisogno di installare il Pixel di Meta,  uno strumento che ti permette di tracciare le azioni degli utenti sul sito, dopo che hanno interagito con i tuoi annunci su Facebook.

Questo strumento, che non è altro che un pezzo di codice HTML, raccoglie dati preziosi che possono essere utilizzati per ottimizzare le campagne e per creare audience personalizzate.

Schermata di installazione del Pixel di Facebook con uno dei 4 metodi: manuale, tramite integrazione partner, inviando le istruzioni a uno sviluppatore o con il tool di setup degli eventi

Solitamente si parte tracciando tutte quelle che vengono definite “azioni standard”, come il pageview (visita di una pagina), il view content (visualizzazione di un prodotto o pagina specifica), l’add to cart (aggiunta al carrello), l’inizio di checkout, l’acquisto e eventuali lead e contatti. Queste sono però solo alcune delle tante azioni compiute dall’utente che possiamo andare a tracciare.

Ad esempio, per avere una visione chiara delle performance delle tue inserzioni, potresti tracciare gli acquisti sul tuo sito web e il relativo costo, oppure il numero di lead ottenuti e il costo per lead.
Oppure potresti creare un pubblico di tutti quegli utenti che hanno aggiunto prodotti al carrello, ma non hanno acquistato per farci del retargeting.

Per una guida completa all’installazione e configurazione del pixel di Meta, ti rimando a questo articolo dedicato.

Come potrai approfondire nell’articolo linkato, il pixel di Meta invia i dati tramite browser, sfruttando i cookies di terze parti.
A breve i cookies non verranno più utilizzati da molti browser, ad esempio Chrome li abolirà da metà 2024, a causa delle nuove normative sulla privacy.

Bisogna quindi trovare un’alternativa per non rimanere al buio lato tracciamenti.

Le Conversion API di Meta ci permettono di inviare i dati sulle conversioni direttamente dai tuoi server a Meta, senza quindi passare dal browser.

Questo metodo offre maggiore sicurezza dei dati e riduce la dipendenza dai cookie di terze parti.

Studio Samo Pro Minidegree
Schermata di installazione delle Conversion API

Se vuoi approfondire l’argomento, ti rimando a questo articolo dedicato all’installazione e configurazione delle Conversion API.

Entrambi questi strumenti, pixel e C-API,  lavorano in sinergia per fornire una visione completa del percorso dell’utente, dalla visualizzazione dell’annuncio fino alla conversione finale.

Conversioni personalizzate di Meta

Oltre alle azioni standard di cui ti ho parlato precedentemente, Facebook permette di creare conversioni personalizzate per avere una flessibilità ancora maggiore nel tracciamento.

Queste ti permettono di definire eventi di conversione personalizzati basati su criteri specifici, come URL visitati o azioni specifiche compiute sul tuo sito.

Ad esempio potresti tracciare l’acquisto, ma di un prodotto specifico, sfruttando una parola specifica contenuta nell’URL.

Utilizzando le conversioni personalizzate, puoi adattare il tracciamento in modo più preciso alle tue esigenze, garantendo che i dati raccolti siano il più rilevanti e utili possibile per le tue campagne.

Esempio di creazione di una conversione personalizzata riguardo l’acquisto di un corso

Conclusione

Il tracciamento delle conversioni su Facebook è un aspetto cruciale. Utilizzando strumenti come il Pixel di Meta e le Conversion API, insieme alle conversioni personalizzate, puoi ottenere un’analisi dettagliata delle prestazioni delle tue campagne pubblicitarie, ottimizzare la tua spesa e migliorare significativamente le performance della tua strategia di marketing.

Direi che ad oggi non sia assolutamente possibile fare a meno di tracciare ogni azione compiuta dall’utente sul tuo sito web sia tramite Pixel che con le Conversion API.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Paolino Virciglio
Paolino Virciglio

Head of Social Advertising

Articoli di Paolino Virciglio

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.