Facebook Conversions API: tutto quello che devi sapere

Le C-API sono uno strumento ormai imprescindibile quando facciamo advertising su Meta Ads e ci aiutano a tracciare correttamente, attribuire e migliorare le prestazioni delle nostre campagne su Facebook e Instagram. In questo post ne approfondiremo l'utilizzo e la funzione.
facebook conversion api
Indice dei contenuti

Il pixel di Facebook è uno strumento fondamentale per tracciare i dati su Meta Ads, ma purtroppo la sua efficacia è diminuita negli ultimi anni tra cookies bloccati, software che bloccano gli annunci e l’intervento di Apple con iOS14.

Ma non tutto è perduto, grazie anche alle Facebook Conversions API (C-API), precedentemente chiamate “conversioni server-side”.

Le C-API sono uno strumento ormai imprescindibile quando facciamo advertising su Meta Ads e ci aiutano a tracciare correttamente, attribuire e migliorare le prestazioni delle nostre campagne su Facebook e Instagram.

Studio Samo Pro Minidegree

Quali sono i problemi del classico tracciamento con pixel attraverso il browser e quindi tramite cookies?

Come anticipato, il problema principale è il blocco dei cookies di terze parti da parte dei principali browser.

Safari e Firefox disabilitano i cookies di terze parti di default nei vari dispositivi, mentre Chrome dovrebbe dismetterli entro fine 2023.

Un altro problema è il blocco delle inserzioni per mezzo di programmi detti ad-blockers: si stima che il 42,7% degli utenti internet al mondo ne abbia usato uno.

Per finire abbiamo la bomba lanciata da Apple dall’aggiornamento ad iOS 14 (e successivi) che obbliga gli sviluppatori di App a mostrare agli utenti, che aprono per la prima volta la loro App,  un messaggio in cui viene esplicitamente chiesto se vogliono che i loro dati vengano  tracciati o meno.

A tutto questo possiamo anche aggiungere che la finestra massima di conversione su Meta Ads è stata ridotta a 7 giorni dal click rispetto ai 28 giorni precedenti.

Tutto ciò comporta una grossa perdita di dati, il pixel riuscirà a fornire molte meno informazioni su come gli utenti interagiscono sul sito web. 

Purtroppo ne risente anche il targeting, avendo l’algoritmo meno dati su cui ottimizzarsi e disponendo di pubblici personalizzati, su cui fare retargeting, di dimensioni inferiori, riuscendo a tracciare meno utenti.

Le C-API ci vengono in aiuto, ma ti anticipo già che purtroppo non risolvono tutti i problemi.

Cosa sono le Conversion API di Meta?

Per capire le Facebook Conversions API, bisogna prima capire come funziona l’installazione classica del pixel di Facebook.

In breve: il pixel di Facebook è uno strumento lato browser. Ciò significa semplicemente che traccia i dati attraverso il browser dell’utente attraverso l’uso di cookies, dei piccoli file di testo che i siti Internet inviano al browser e poi ricevono indietro, al fine di ottenere informazioni utili a personalizzare l’esperienza di chi li sta visitando.

Ma il browser è anche il luogo in cui l’utente può installare software di blocco degli annunci o bloccare i cookies dalle impostazioni. A volte il tracciamento si può anche perdere a causa di una connessione lenta.

Studio Samo Pro Minidegree

Le Facebook Conversions API, al contrario, sono uno strumento lato server, infatti erano conosciute come conversioni server to server (o server side), e consentono di tracciare le conversioni attraverso il server del tuo sito web, anziché attraverso il browser. Invece di tracciare “eventi del pixel del browser”, traccia “eventi del server”.

Che problemi risolvono le Conversion API?

Le C-API non si basano quindi sui cookie. Ciò significa che le impostazioni del browser dei visitatori del tuo sito web non influenzano le sue capacità di tracciamento.

La conclusione è che sfruttando le C-API puoi risolvere il problema della mancanza di cookie e dei blocchi dovuto gli ad-blockers.

Purtroppo non evitano il problema dovuto a iOS14: se l’utente decide di non farsi tracciare, non ci riuscirai nemmeno tramite C-API.

Come detto, sono uno strumento aggiuntivo che funziona insieme al tracciamento standard del pixel di Facebook tramite browser e migliora l’accuratezza del tracciamento catturando molti dati che verrebbero persi se ci si basasse solo sugli eventi del browser.

Inoltre, aiuta a migliorare le prestazioni dei tuoi annunci Facebook fornendo dati più completi per l’ottimizzazione degli annunci.

Come installare le Conversion API

Ci sono tre modi per configurare le conversion API di Facebook. Quale scegliere dipende dalla piattaforma che usi sul sito web, ossia il CMS (Content Management System) e dal livello di aiuto tecnico a cui hai accesso all’interno della tua attività.

Prima di cominciare l’installazione devi avere già un pixel di Facebook funzionante all’interno di un Business Manager ben configurato.

Installazione delle C-API con un’integrazione partner

Il modo più semplice è utilizzare un’integrazione partner, ossia un plugin (o modulo) realizzato per facilitare l’installazione su vari CMS. Utilizzando questo metodo non devi saper programmare e potresti essere in grado di completare l’implementazione da solo, senza l’aiuto di uno sviluppatore, seguendo le istruzioni guidate.

Questa opzione è disponibile solo se il tuo sito web è realizzato con una delle piattaforme partner di Facebook, come WordPress, Shopify, Magento, ecc..

Puoi anche utilizzare Google Tag manager.

Ci sono anche plugin esterni che permettono una facile installazione delle C-API, come ad esempio Pixelyoursite.

Installazione tramite il Conversion API Gateway o installazione manuale

Questi due metodi richiedono competenze tecniche più avanzate e capacità di programmazione, non scenderemo quindi nel dettaglio, ma la cosa migliore da fare è affidarsi a uno sviluppatore esperto che sia in grado di configurare il server per poi collegare il tutto, non è affatto banale. Il vantaggio di questo approccio è sicuramente un maggior controllo sulla configurazione delle conversion API e degli eventi e parametri monitorati.

Nel caso in cui decidessi di intraprendere questa strada, puoi avviare il processo di installazione manuale dal Gestore eventi di Meta per ricevere le istruzioni dettagliate da girare al tuo sviluppatore.

Se dovessi aver bisogno di ulteriori informazioni, le puoi trovare in maniera dettagliata sul  sito Facebook per gli sviluppatori.

Una volta impostato tutto, puoi vedere dalla schermata principale del pixel le azioni tracciate e se arrivano da browser, da server o da entrambi.

Nel caso in cui tu stia utilizzando entrambi i metodi, come effettivamente dovresti, Facebook provvederà a fare la deduplicazione degli eventi sfruttando l’ID (identificativo) dell’evento per evitare che questo venga contato due volte.

In pratica ogni evento tracciato (ad es. una aggiunta al carrello) ha un rispettivo codice identificativo che viene passato sia tramite browser che tramite server.

Se Meta si accorge che l’evento è stato tracciato da entrambi i metodi, quindi due volte, ne scarta uno e ne mantiene uno solo, effettua appunto la deduplicazione.

Puoi anche vedere il tasso di successo di questa procedura per ogni singola azione tracciata dal pixel.

Arrivati a questo punto, dovrebbe esserti chiaro perché non puoi fare a meno di tracciare le azioni degli utenti su Meta Ads anche con le C-API e quindi tramite server.
In un mondo che diventerà probabilmente cookieless, non puoi rischiare di perdere tutti quei dati preziosi tracciando solo lato browser.

Quindi corri a controllare se siano già installate o meno, e se lo sono controlla che traccino correttamente e che venga effettuata la deduplicazione.

Se invece non sono presenti, armati di pazienza e comincia ad installare l’integrazione partner, oppure mettiti comodo e invia tutto al tuo sviluppatore.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Paolino Virciglio
Paolino Virciglio

Head of Social Advertising

Articoli di Paolino Virciglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.