La ricerca vocale sta davvero decollando. Io stesso la uso sempre con il mio smartphone e so che anche molti miei amici e colleghi lo fanno. Perché scrivere con le mani quando si può semplicemente “spifferare” una query di ricerca?

Ora che Chrome offre la ricerca vocale su PC, sta crescendo anche più velocemente. Sinceramente, credo che questo stia per cambiare il modo di fare SEO.

La ricerca vocale è giovane, ma è meglio riflettere su alcune delle implicazioni di questa tecnologia in erba adesso, altrimenti le nostre strategie di posizionamento sui motori di ricerca saranno probabilmente presto obsolete.

In questo post, vedremo come la ricerca vocale sta cambiando, o può cambiare, l’ottimizzazione per i motori di ricerca.

Più propensi a cercare con linguaggio naturale

Quando utilizziamo la ricerca vocale sul nostro telefono, non perdiamo del tempo a pensare al modo più efficace e conciso per eseguire una query. Invece, basta fare una domanda.

Questo è il fattore determinante che porta a molti sottili cambiamenti nella ricerca vocale rispetto alla ricerca digitata. Quando usiamo il linguaggio naturale, le cose cambiano.

Meno propensi a utilizzare parole chiave

Questo punto viene direttamente da Matt Cutts:

E’ chiaro che se qualcosa arriva attraverso la voce, le persone sono più propense a usare il linguaggio naturale. Sono meno propensi a utilizzare gli operatori di ricerca e le parole chiave e cose del genere, e questa è una tendenza generale che vediamo.

Ciò è dovuto in gran parte alla modalità conversazionale che le persone utilizzano in quando eseguono ricerche vocali. Quando qualcuno è alla ricerca di un elettricista e fa una ricerca vocale, potrebbe dire: “Dove posso trovare un buon elettricista?“, al contrario di una ricerca tradizionale, in cui digiterebbe qualcosa come: “elettricista bologna“.

Questo cambia notevolmente il modo in cui Google e altri motori di ricerca devono interpretare la query. In realtà, ciò significa che essi avranno bisogno di aumentare la loro capacità di interpretare query di conversazione mappando domande e fasi per individuare le parole chiave, o semplicemente trovare un nuovo modo per fornire risultati in base alla query di conversazione. Ciò che davvero conta sono i risultati che offriranno all’utente.

Meno traffico ai siti web

Lo abbiamo visto con Siri e con le mappe di Google. Quando facciamo una ricerca ora, il nostro telefono ci risponde e non abbiamo nemmeno bisogno di una pagina web. Pensate alle implicazioni di questo in quanto questo metodo di distribuzione delle informazioni espande.

Se essi non hanno bisogno le nostre pagine web, quindi non saranno inviandoci traffico. Questo stesso concetto senza dubbio riversarsi sulla ricerca vocale su PC. Qui ci sono alcune cose da considerare per quanto riguarda questo:

  • Se un utente non ha bisogno di fare clic su una pagina web per ottenere informazioni, ciò limiterà il traffico di ricerca.
  • Il SEO avrà bisogno di trovare il modo per ottenere un buon posizionamento quando viene fatta una ricerca vocale. 
  • Chi si occupa di web marketing avrà problemi di tracciamento quando cercheranno di scoprire quante volte un sito / marchio è stato cercato.
  • Le query con domande diverranno sempre più comuni grazie alla ricerca vocale.

Ci aspettiamo query più lunghe

Per Google potrebbe essere necessario cambiare il modo di abbinare la ricerca alle query più lunghe. Ecco una citazione di Matt Cutts sul tema:

A un certo punto avremo probabilmente bisogno di cambiare un po’ il nostro punto di vista, perché normalmente se si aggiungono parole alla query, mettiamo una “e” fra ciascuna di queste parole. E così, più parole si aggiungono, meno risultati si ottiene, perché sempre meno documenti corrispondono a quelle parole. [al contrario] Quello che probabilmente la gente vuole quando fa una query parlata, è che più si aggiungono parole, più risultati si ottengono, perché così sappiamo di più. Quindi dovremo sicuramente cambiare punto di vista e, invece di aggiungere una “e”, cercare di estrarre il succo di riassumere ciò che stanno cercando e poi trovare la corrispondenza con l’idea generale.

Ecco il video completo:

Come possiamo vedere, Google avrà bisogno di trovare le parti importanti in più query di ricerca. La gente non vuole pensare a parole chiave, vogliono semplicemente parlare ed ottenere un risultato che corrisponde realmente a quello che stanno pensando. Al momento, Google non funziona così. Con l’aumento delle parole in uso e le query un po’ più generali, le cose stanno veramente cambiando.

Ricerca vocale e SEO: riassumendo

La ricerca vocale è un grande cambiamento per la SEO, ma non è negativo, è solo diverso. Le query vocali sono più facili per gli utenti e spesso forniscono informazioni in modo più rapido. Le SEO agency e gli esperti SEO dovranno sempre trovare il modo per ottenere che i loro clienti siano ben posizionati nei risultati di ricerca, non importa quanto dovranno scervellarsi per farlo.

E’ un momento emozionante e sarà divertente vedere come si evolverà. L‘innovazione sarà fondamentale, ora che abbiamo identificato l’opportunità, è il momento di creare un percorso per approfittarne. Spero quindi che troverete presto su questo sito un mio post su come ottimizzare per la ricerca vocale 😉

Recent Posts

Commenta questo articolo

Comments
  • Carmine Pucino
    Rispondi

    Ciao Jacopo,
    innanzitutto complimenti per l’ottimo articolo. Come sempre produci contenuti di ottima qualità.
    Se ti fa piacere vorrei segnalarti questo approfondimento che ho scritto qualche giorno fa sul rapporto tra SEO e vocal search (www.inchiaveseo.it/come-la-ricerca-vocale-cambia-la-seo/). Mi interesserebbe avere anche una tua opinione in merito.
    Affronta la medesima tematica ma partendo da prospettive un po’ diverse. Probabilmente anche perché nel corso di questi anni si è capito, ad esempio, quanto maggiore possa essere l’incidenza della ricerca vocale per chi ha un’attività locale.

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.