In SEO

RIP Google+.

Certo non è una notizia inaspettata, anzi forse sapevamo tutti che era solo una questione di tempo: Google ha annunciato sta per chiudere Google+, a causa di una mancanza di utenti attivi e problemi di sicurezza.

Solo sette anni fa Google ha lanciato il suo social network chiamato, appunto Google+.

Lunedì scorso, Google ha annunciato che nei prossimi mesi chiuderà la versione consumer di Google+ in quanto hanno rilevato un bug sulla privacy.

Google afferma inoltre che “la versione consumer di Google+ ha attualmente un basso utilizzo e un basso engagement”, aggiungendo che “il 90% delle sessioni di un utente di Google+ durano meno di cinque secondi“.

Google+, il bottone +1 e la questione del ranking. Prima dell’introduzione di Google+, nel 2011 Google ha lanciato il pulsante 1+ per i siti web, accennando che questi pulsanti erano uno dei tanti segnali di ranking utilizzati per indicare la qualità di ricerca e ranking. Nel corso degli anni, Google ha fatto marcia indietro sul tema e, man mano che Google+ cresceva (o affondava), Google ha affermato di non utilizzare Google+ o il bottone 1+ come indicatore di ranking. Si trattava in effetti di un argomento scottante, su cui studi e test avevano dimostrato prove della veridicità in entrambi i casi.

Google+ ha influenzato alcuni risultati di ricerca. I pulsanti Google+ e +1 sono apparsi nel corso degli anni nella ricerca di Google. E con il Google Search Plus Your World, il motore di ricerca ha iniziato a personalizzare i risultati di ricerca in base a ciò che gli amici di Google+ avevano cercato e cliccato. Ma non solo, influenzava anche i risultati di ricerca di elementi più personali come foto, e-mail, voli, ecc. sulla base sempre del proprio account Google+.

In questi giorni, Google ha ammesso di utilizzare sempre meno la personalizzazione nei risultati di ricerca.

Google per un periodo ha anche mostrato i post di Google+ nei risultati di ricerca, quando ancora il Google Real Time Search faceva parte delle sue funzionalità.

Nel corso degli anni, Google ha anche cercato di convincere gli utenti a prendere parte alle conversazioni su Google +. Questo era il modo con cui Google cercava di spingere e attivare le conversazioni sul suo social network. Google infatti evidenziava i contenuti di Google+ nei risultati di ricerca e in Google News, mostrando anche le discussioni che si generavano sempre su Google+.

Non possiamo certo dimenticarci della profonda integrazione nei risultati con la local search tra Google+ e Google Local. Infatti per un certo periodo di tempo Google+ ha rimpiazzato Google Places, il vecchio Google My Business.

Google+ ha avuto una lunga e lenta morte. Lo stesso Google nel tempo ha piano piano smesso di spingere il suo social. Negli anni abbiamo visto nascere una serie di funzionalità più o meno di successo come le “integrazioni pubblicitarie”, le “ricerche salvate”, Google+ in knowledge panel, il “Google local edit” e il vecchio “Google+ pages”.

Infatti, anche i media raramente hanno coperto gli annunci o i cambiamenti di Google+ negli ultimi anni perché spesso si trattavano di prodotti e servizi fuori dall’uso e interesse comune.

Google ha quindi deciso che chiuderà Google+ “nell’arco dei prossimi 10 mesi, il completamento è previsto per la fine di agosto 2019“, e ha comunicato che “nei prossimi mesi, forniranno ai vecchi utenti informazioni aggiuntive sulla chiusura, e sulle modalità in cui si possono scaricare e migrare i propri dati“.

Quindi addio Google+, forse non è proprio il caso di dire che “ci mancherai”.

P.S. Vuoi davvero imparare il web marketing?

Il web marketing è in continua evoluzione, resta sempre aggiornato! Offriamo video corsi di web marketing in abbonamento, per garantirti tutta la formazione di cui hai bisogno in un unico spazio, senza dover perdere giornate intere alla ricerca di fonti, corsi, novità e senza spendere un patrimonio in formazione. Avrai tutto ciò che ti serve per diventare un vero specialista.

Vuoi provare gratis? Accedi subito a centinaia di lezioni gratuite.

[via searchengineland.com]
Post recenti

Commenta questo articolo

Showing 2 comments
  • Andrea Torti
    Rispondi

    Da un certo punto di vista era chiaro che sarebbe successo… peraltro, è successo tutto molto all’improvviso, quasi che Google volesse far vedere a tutti fino a che punto fosse disposto ad arrivare per stroncare il problema sul nascere.

    Mi spiace molto per le tante piccole community che sono nate sulla piattaforma, e che fra pochi mesi dovranno sciogliersi.

  • Giorgia M
    Rispondi

    In google+ ho conosciuto molti degli attuali amici la distanza mi impedirà di avere ancora rapporti tanto stretti e quindi saremo destinati a perderci è un dispiacere molto profondo . Forse sarebbe stato il caso di correggere le disfunzioni e continuare ad offrire il servizio agli utenti .

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.