In SEO

La raccomandazione qualche volta serve, e nel caso specifico è d’obbligo farla. Battute a parte molti SEO pensano a YouTube come il motore di ricerca d’eccellenza per i video, senza pensare, invece, che con Youtube si può fare SEO ad alti livelli.

Ma per raggiungere il top non basta fare video di alta qualità o pubblicare costantemente tutti i giorni. Bisogna raccomandarsi a YouTube spiegando il più dettagliatamente possibile chi siamo, cosa facciamo e perché abbiamo deciso di pubblicare quel determinato video.

Il sistema di raccomandazione video in uso a YouTube, la community di video online più popolare al mondo altro non è che un sistema che consiglia l’utilizzo di set video personalizzati in funzione dei singoli utenti e in base alla loro attività sul sito.

I sistemi di raccomandazione, per chi non ne avesse mai sentito parlare, sono un tipo molto diffuso di algoritmo utilizzati da siti e piattaforme web per suggerire automaticamente contenuti personalizzati agli utenti/consumatori.

I recommender systems sono senza ombra di dubbio una delle innovazioni di maggior successo mai create da Google. Basti pensare che il 70% del tempo di visualizzazione su YouTube è guidato dalle raccomandazioni di YouTube.

Quello che i SEO che operano a livello professionista non sono abituati a vedere (non si finisce mai di imparare) è che YouTube ha pubblicato un documento ( The YouTube Video Recommendation Engine ) che descrive come funziona il suo motore di raccomandazione.

Cosa è pubblicato nel documento di raccomandazione di YouTube

Prima di tutti facciamo un po’ di lessico tecnico:

1. Metadati

Fino ad oggi, i metadati rimangono molto più importanti per chi decide di fare SEO su YouTube di quanto non lo siano per i risultati di ricerca su Google.

Il documento di YouTube sull’algoritmo della raccomandazione menziona che i metadati sono un’importante fonte di informazioni, e quindi bisogna dedicare loro il tempo necessario e non lasciare che l’algoritmo identifichi da solo il contenuto del video pubblicato.

Ogni campo relativo ai singoli metadati dovrà contenere le giuste informazioni di ogni video caricato:

Titolo
Includi la parola chiave principale nel titolo del video, assicurandoti che il titolo attiri l’attenzione di chi legge facendo sì di aumentare i clic. I titoli che attirano l’attenzione sono forse ancora più importanti su YouTube rispetto alla ricerca tradizionale, dal momento che la piattaforma si basa più sulle raccomandazioni che sui risultati di ricerca.

Descrizione
Includi una descrizione completa che utilizzi la tua parola chiave e possibilmente inserisci qualche variazione su di essa assicurandoti che sia lunga almeno 250 parole, così da ottimizzare le tue keyword a coda lunga.
Includi i principali punti che coprirai nel video e le domande principali che dovrai affrontare.

Tag
I tag delle parole chiave sono ancora importanti su YouTube, a differenza del tag meta keyword per i motori di ricerca. Si consiglia di oltre alla parola chiave principale le eventuali varianti, gli argomenti correlati che appaiono nel video e menziona gli YouTuber presenti all’interno del video.

Playlist
Includi il tuo video nelle playlist che presentano contenuti correlati e consiglia le tue playlist alla fine dei tuoi video. Se le tue playlist funzionano bene, il tuo video farà sì che gli utenti su YouTube resteranno più a lungo, portando  il tuo video nella parte alta della classifica.

Thumbnail
Usare una miniatura accattivante è fondamentale per attirare subito l’attenzione. Le buone thumbnail includono del testo per far capire subito l’argomento trattato e per creare interattività.

Sottotitoli
I sottotitoli automatici di YouTube svolgono quasi sempre bene il loro lavoro, ma non sono perfetti. Ecco perché sarebbe bene fornire sempre una trascrizione completa all’interno dei metadati.

Nome del file
Usa la tua parola chiave nel nome file. Anche se oggi non è più così rilevante come in passato, certamente non fa per niente male.

2. Dati video e API Cloud Video Intelligence

Il documento del motore dei consigli di YouTube fa esplicito riferimento all’importanza delle fonte di informazioni.
Sappiamo che YouTube analizza l’audio per generare le trascrizioni automatizzate, quindi bisogna sfruttare il suo lavoro per pronunciare chiaramente la tua parola chiave all’interno del video stesso.
Inoltre se durante il video si pronuncia anche il nome e il canale YouTube di tutti i video a cui stai rispondendo ci sono buone probabilità di essere mostrati nei loro consigli sui video.

In pochi sanno che Google ha un’API Cloud Video Intelligence in grado di identificare gli oggetti all’interno del video. L’inclusione di video o immagini all’interno dei tuoi video che fanno riferimento alle tue parole chiave e agli argomenti correlati, se non oggi ma certamente in un futuro prossimo, contribuirà a migliorare i punteggi di pertinenza del video stesso.

3. Dati utente e fidelizzazione

Il documento del motore di raccomandazione di YouTube divide i dati dell’utente in due categorie:

Esplicito: questo include il like che ha ricevuto un video e l’iscrizione ad un canale specifico.
Implicito: questo include il tempo di visualizzazione, (che però non implica necessariamente che l’utente sia soddisfatto del video).
Per ottimizzare i dati degli utenti, visto che comunque YouTube è anche un Social Network è sempre importante incoraggiare interazioni esplicite invitando a mettere un like se il video è piaciuto o ad iscriversi al canale. Fermo restando, comunque, che è rimane di assoluta importanza creare video che conducano a buoni dati impliciti sugli utenti.

La fidelizzazione del pubblico è la base del marketing e quindi i video che hanno una scarsa fidelizzazione dovrebbero essere analizzati per capirne il motivo se non addirittura andare i rimuovere quelli e i video con una scarsa conversione in modo da non danneggiare il tuo canale generale.

4. Capire la co-visita

Una componente fondamentale del motore di raccomandazione è la sua capacità di mappare un video su una serie di video simili, che molto più probabilmente l’utente guarderà dopo aver visto il nostro. Questa mappatura è realizzata utilizzando una tecnica chiamata co-visita.
Il conteggio della co-visita è semplicemente il numero di volte in cui due video sono stati entrambi guardati in un determinato periodo di tempo, ad esempio 24 ore. Il punteggio relativo alla correlazione si aggiusterà nel tempo tenendo conto del modo in cui il motore di raccomandazione stesso favorisce la co-visita, il tempo di visualizzazione, i metadati dei video e così via.
In altre parole se si vuole che il video raccolga il traffico dai consigli si ha bisogno di persone che guardino un altro video.

Ci sono diversi modi favorire la co-visita:

  • Creazione di video di risposta in breve tempo dopo la creazione di un video iniziale.
  • Pubblicare video su piattaforme che hanno anche inviato traffico a un altro video popolare.
  • Targeting di parole chiave correlate a un video specifico (al contrario di un argomento più ampio).
  • Creazione di video indirizzati a uno specifico YouTuber.
  • Incoraggiare i tuoi spettatori a guardare gli altri tuoi video.

5. Personalizzazione degli utenti in factoring

Il motore di consigli di YouTube non suggerisce semplicemente video con un elevato punteggio di correlazione, anche se i video con il punteggio di correlazione più elevato verranno selezionati e inclusi nelle raccomandazioni.

Tuttavia YouTube ha scoperto che queste raccomandazioni avevano dei parametri troppo restrittivi, tanto che le raccomandazioni erano così simili che l’utente avrebbe probabilmente trovato comunque quel video.

YouTube ha quindi deciso di ampliare le raccomandazioni per includere i video che presentavano un elevato punteggio di correlazione entro un numero limitato di interazioni.

In altre parole, per apparire come video suggerito, non è necessario avere per forza un conteggio di co-visitation elevato con il video in questione. Si potrebbe apparire anche facendo un conteggio di co-visitation elevato con un video che ha a sua volta un conteggio di co-visitation elevato con il video in questione, fermo restando che il nostro video dovrà avere un rango elevato nelle raccomandazioni.

6. Classifiche: qualità video, specificità utente e diversificazione

Come abbiamo capito le classifiche non passano solo dal punteggio di correlazione più elevato. Le classifiche sono determinate da molti altri fattori.

Il documento di YouTube descrive questi fattori come qualità del video, specificità dell’utente e diversificazione.

Qualità video
I segnali che determinano la qualità di un video sono:

  • Voti degli utenti.
  • Commentando.
  • Favoriting.
  • Condivisione.
  • Tempo di caricamento
  • Visualizza il conteggio.

Anche se il documento non lo menziona espressamente il tempo di sessione è diventato il fattore trainante, e tutti i video che portano l’utente a trascorrere più tempo su YouTube si posizionano meglio.

Specificità dell’utente
I video che  hanno una buona corrispondenza in base alla cronologia dell’utente vengono premiati con un punteggio di correlazione basato sulla cronologia dell’utente.

Diversità
I video che sono troppo simili vengono rimossi dalle classifiche in modo che agli utenti venga presentata una selezione più significativa di opzioni.

Il motore dei consigli di YouTube è fondamentale

Il motore dei consigli di YouTube è fondamentale per il modo in cui gli utenti interagiscono con la piattaforma e certamente un suo uso sistemico potrà solo migliorare le possibilità di aumentare le visualizzazioni dei video.

Per questo motivo consigliamo di leggere interamente il documento di raccomandazione di YouTube e di considerare la possibilità di incorporare questa conoscenza in tutte le strategie di marketing che prevedono l’utilizzo di video.

[via searchenginejournal.com]
Post recenti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.