Segmenti avanzati in Google Analytics con sequenze e condizioni

Segmenti avanzati in Google Analytics
Indice dei contenuti

Cosa significa davvero fare web analysis? Potremmo dire, volutamente semplificando, che si tratti di identificare un comportamento all’interno di un contesto.

Nel momento in cui riusciamo a capire quale azione sia stata effettuata da un insieme di utenti all’interno di uno scenario il più limpido possibile, solo allora abbiamo modo di trovare risposta alla nostre domanda. E su questa attivare azioni concrete che spingano il nostro progetto un passo più avanti.

In Google Analytics, uno degli strumenti più importanti per restringere il contesto sono i segmenti. Sono applicabili a (quasi) tutti i rapporti e una volta configurati ci seguono sulla piattaforma permettendoci di scremare il traffico con efficacia. Tuttavia, molti si fermano all’adozione dei – pur numerosi, è giusto dirlo – segmenti predefiniti. Sotto la scocca, i segmenti presentano interessanti opportunità anche per chi cerca quella classica “marcia in più”.

Studio Samo Pro Minidegree

Così, oggi vorrei parlarti delle sequenze e delle condizioni.

Prima di iniziare, una premessa che è ormai diventata consuetudine. Tutti i dati che vedrai nelle immagini seguenti derivano dall’account dimostrativo di Google Analytics. Si tratta di un account reale, pienamente configurato, messo a disposizione in sola lettura da Google affinché le persone possano sperimentare in libertà con la piattaforma. Neanche a dirlo, è il punto di partenza per imparare a segmentare il traffico a livello avanzato.

Segmenti avanzati basati su condizioni

Attraverso le condizioni puoi creare un segmento che raggruppi le sessioni (o in senso più ampio, gli utenti in diverse sessioni) impiegando insieme o in forma stringente qualunque dimensione o metrica presente sulla piattaforma.

Le singole dimensioni o metriche agiscono come filtri, che possono includere o escludere il traffico raccolto. Ogni filtro può essere applicato secondo l’algebra booleana “AND” (tutte le condizioni devono essere valide) e “OR” (una qualunque delle condizioni deve essere valida).

Per esempio, potrei creare un segmento che includa tutti gli utenti la cui pagina di destinazione contenga nell’url la parola “apparel” e la cui sessione avvenga da una categoria dispositivo “desktop”, escludendo da questo insieme tutti coloro che arrivano da una sorgente “google/organic”.

Segmenti avanzati in Google Analytics basati su condizioni

Segmenti avanzati basati su sequenze

Attraverso le sequenze puoi creare invece un segmento che raggruppi le sessioni o gli utenti sulla base di passaggi sequenziali. Anche in questo caso puoi impiegare qualunque dimensione metrica, che agisca singolarmente all’interno di un filtro (in inclusione o esclusione) e con logiche “AND” e “OR”.

La parola chiave in questo caso è: passaggi sequenziali. Per ogni filtro è possibile stabilire se la sequenza deve iniziare con la prima interazione dell’utente o con una interazione qualsiasi, anche successiva alla prima. In ogni filtro, ciascuna condizione viene indicata come “passaggio” e può venire indicato se ogni passaggio deve seguire immediatamente al precedente o avvenire in qualunque sessione successiva.

Il segmento basato su sequenze più semplice e intuitivo? Un utente che ha visto la tua homepage (passaggio 1) e nella stessa sessione ha immediatamente visto in sequenza anche il tuo carrello (passaggio 2). Stiamo restringendo l’utente sulla base del suo comportamento all’interno del nostro sito.

Segmenti avanzati in Google Analytics basati su sequenze

Puntare i riflettori

I segmenti di pubblico sono, in Google Analytics, forse lo strumento più in vista – d’altronde sono configurabili a partire da quasi ogni rapporto – e insieme quello meno sfruttato fino in fondo. Considerata anche la possibilità di condividerli (previa connessione delle due piattaforme) con Google Ads per ampliare una strategia di remarketing, non c’è davvero motivo di ignorarli.

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

dirette instagram
Giuliana Curato

Dirette Instagram: come fare le live su IG

Ti chiedi come sfruttare al meglio le dirette Instagram per connetterti con il tuo pubblico e ottimizzare la tua presenza online ma non sai da dove iniziare? Allora sei nel posto giusto.

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.