Chi ascolta i podcast e come raggiungerli

Gli ascoltatori dei podcast secondo i dati raccolti da Ipsos e Nielsen sono in costante aumento e questo fa dei podcast uno strumento essenziale da implementare nella propria strategia di marketing. Per farlo nel modo corretto è però fondamentale sapere costruire un piano editoriale adatto agli scopi.
Tempo di lettura: 4 minuti
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
podcast piano editoriale

Possiamo definire il podcast come “un contenuto audio inedito diffuso via internet e ascoltabile in qualsiasi momento” come definito da Ipsos.

Amazon Starter Kit

Per avere le competenze necessarie per lavorare nel campo dei podcast è bene avere un mix di conoscenze che spaziano in diversi ambiti tra cui quello dei contenuti, tecnico, di marketing e legale.

Nello specifico è infatti importante conoscere diversi aspetti inerenti a questi ambiti tra cui:

  • elementi di sceneggiatura e storytelling per l’audio
  • conoscenze di registrazione, audio editing e microfonazione
  • promozione, monetizzazione e analisi dei dati 
  • l’utilizzo di musica, testi e voci altrui

La fruizione dei podcast: i dati

Alcuni dati rilevati da Ipsos, dimostrano come i numeri relativi alla fruizione dei podcast non siano da sottovalutare visto la portata, infatti, proprio lo scorso 2020, si è contraddistinto come l’anno all’insegna della crescita per i podcast. 

Alcuni dati interessanti di questa crescita sono stati analizzati dalla Digital Audio Survey lanciata già nel 2019 da Ipsos e alla sua seconda edizione dove viene mostrato come i podcast:

  • riportano un aumento degli ascoltatori che passano dal 26% al 30% della popolazione tra 16 e 60 anni
  • intercettano il 52% di ascoltatori under 35, il 19% di studenti, il 22% di laureati e il 10% di utenti con professioni elevate
  • il 78% ascolta podcast su smartphone
  • la fruizione di podcast avviene in casa nell’80% dei casi 
  • la fruizione  avviene in modalità multitasking nel 77% dei casi
  • la percentuale di chi ha ascoltato podcast nel 2020 per l’intera durata è aumentata del 61% rispetto al 2019
  • il 73% ascolta il podcast in casa e il 30% in auto (Ipsos 2020)

A questi dati si aggiungono inoltre quelli raccolti da Nielsen secondo cui:

  • sono 13,9 milioni gli italiani che ascoltano podcast (Nielsen novembre 2020)
  • 24,5 minuti è il tempo medio di ascolto a settimana (Nielsen novembre 2020)
Infografica ricavata da Nielsen
Infografica ricavata da Nielsen
Infografica ricavata da Nielsen
Infografica ricavata da Nielsen

L’audio storytelling nei podcast

Lo storytelling si può definire “affabulazione, arte di scrivere o raccontare storie catturando l’attenzione e l’interesse del pubblico” secondo la definizione data dal sito Treccani.

In riferimento ai podcast l'audio storytelling non si discosta da questa definizione e rappresenta un elemento imprescindibile nella costruzione di un podcast.

Nella fattispecie dei podcast, l'audio storytelling si contraddistingue per la creazione di una relazione con l’altro attraverso la comunicazione dei nostri valori così da ampliare l’umanizzazione di noi stessi.

Infatti specialmente dopo il periodo passato in cui il lockdown causato dalla pandemia ha mostrato sul web sempre più parti solitamente private della vita di molte persone, umanizzando per certi versi molti aspetti, tornare indietro è un’impresa forse impossibile.

È quindi fondamentale capire come mantenere questa umanizzazione nella relazione con l’utente attraverso la costruzione di contenuti audio in grado di creare una relazione con gli ascoltatori.

Lo storytelling serve quindi proprio a questo scopo, ovvero a creare una relazione con le altre persone attraverso la comunicazione dei propri valori, concetto questo che non vale solo per le persone, ma anche per i brand da cui l'utente aspetta oggi lo stesso grado di umanizzazione.

Nella costruzione di un podcast che tenga conto del fattore storytelling è bene strutturare le idee alla base dello sviluppo attraverso il porsi una serie di domande come:

  • Di quale argomento parlerò?
  • Quali sono i valori che comunicherò?
  • Chi è il protagonista della storia che racconterò (che sia di un brand o di un intervistato)?
  • Qual è la frase chiave da utilizzare e che porterà una persona ad acquistare questo podcast?

Una volta trovata la risposta alle prime tre domande in merito ad argomento, valori e protagonista della storia, per rispondere alla terza domanda è necessario valutare quale possa essere il beneficio ottenibile dall’ascoltatore che sceglie di fruire del podcast.

Il piano editoriale nel podcast

Il piano editoriale assume un ruolo fondamentale nella costruzione dei podcast di qualità e affinché questo possa essere realizzato in maniera ottimale, è necessario che ponga attenzione ad alcuni precisi elementi quali:

  • titolo che sia un testo facile da ricordare, scrivere, comprendere e riprodurre
  • durata idealmente inclusa tra i 12 e i 25 minuti 
  • frequenza consigliata settimanalmente
  • copertina la cui dimensione dovrebbe essere minimo 1400 x 1400 px, massimo 3000 x 3000 px, in formato jpg, png o gif con il titolo del podcast in evidenza e con un grande contrasto nei colori. Elementi questi che contribuiscono alla creazione di contenuti che mettano in primo piano l’accessibilità di tutti gli utenti inclusi quelli con disabilità di diverso tipo
  • sigla di una durata tra gli 8 e i 15 secondi
  • trailer di una durata tra uno e tre minuti e consigliato come contenuto ideale da mettere in evidenza
  • descrizione da inserire perché molto utile lato SEO e dove è possibile inserire link anche se non sempre possono essere cliccati
  • tag funzionali lato SEO 

Una volta analizzati tutti gli elementi necessari alla costruzione di un podcast, è fondamentale decidere la tipologia di format sulla quale si vuole sviluppare il proprio podcast che può caratterizzarsi per l'uso di uno o più speaker, che può essere sviluppato sotto forma di intervista, di documentario, di formazione o di chiacchiera svolta in maniera più spontanea rispetto ai format precedenti.

Riguardo ai formati inoltre, ultimo elemento che può caratterizzare il podcast si basa sulla tipologia che può essere:

  • video podcast, che non si limita all’audio ma include anche il video
  • live, trasmesso in tempo reale
  • interattivo, che si sviluppa in tempo reale e include la possibilità di interagire da parte degli ascoltatori. Si trovano esempi di questa tipologia su Twitch 

Conclusioni

I podcast sono un nuovo trend da non sottovalutare e rappresentano un nuovo modo di comunicare che appartiene ad una tipologia di utenti differente con diverse fasce di età, interessi o formazione. 

Tik Tok o Spotify sono solo alcuni esempi delle piattaforme che hanno seguito questo trend dell’audio che secondo i dati si attesta essere in continuo sviluppo.

Amazon Starter Kit

Il podcast marketing è quindi una strategia su cui puntare e da integrare nelle strategie di comunicazione dei brand e dei professionisti che vogliono adoperare più canali comunicativi attraverso cui instaurare relazioni con gli utenti, che attraverso un corretto uso dell’audio storytelling, possono essere rafforzate.

Amazon Starter Kit
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Solo per veri

Digital Marketer

Ricevi i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!

Manuela Di Vietri

Manuela Di Vietri

Digital copywriter e Social Media Strategist

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Solo per veri
digital marketer

Ricevi via email i nostri migliori articoli, contenuti gratuiti, offerte riservate e tanto altro!