Filtra per argomento:

Il CTR influenza la SERP, parola di Google

google-ctr-influenza-la-serp
Indice dei contenuti

Notizia di queste ore quella che arriva  dai piani alti di Google che conferma ciò che molti SEO sostengono da sempre: il CTR influenza il posizionamento di un sito nella SERP

Titoli ottimizzi, descrizione accattivante, ma soprattutto un contenuto unico e di alta qualità portano un numero maggiore di visitatori ai tuoi contenuti.

Ma andiamo con ordine ripercorrendo a grandi linee ciò che  è è successo negli ultimi anni. Non più tardi di 5 anni fa chi  raggiungeva la prima posizione su Google riceveva il 33% del traffico totale, con il secondo posto il 17,6% del traffico e con il quinto risultato si portava a casa solo il 6,1% delle visite.

Lo scopo per tutti i SEO era quella di posizionarsi prima di tutto nella prima pagina della SERP e pian piano scalare i risultati per arrivare al primo posto.

Oggi tutto ciò non vale più, o quasi tanto che non è più sufficiente puntare al top della classifica, o almeno questa strategia è sempre meno efficace quando si parla di ricerca organica.

Come sta cambiando la SEO

I motori di ricerca stanno diventando sempre più intelligenti e gli utenti riescono a trovare con molta più facilità ciò che stanno cercando.

Il lavoro del SEO cambia con i costanti aggiornamenti dei vari algoritmi, ma se vogliamo combinare il successo con il ROI è sufficiente posizionare un sito in prima posizione?

Gli osservatori più attenti hanno notato ormai da molti mesi come l’attenzione di Google si sia spostata sull’aggiunta di ulteriori caselle e annunci nella parte superiore delle SERP, riducendo, così, le possibilità per le persone di notare i risultati organici.

Annunci PPC, informazioni social, snippet in primo piano, ultime notizie, informazioni locali e mappe occupano gran parte dello schermo e inevitabilmente spostano l’attenzione dalla ricerca organica.

Ecco perché le aziende dovranno sempre di più adattarsi a questo cambiamento quando si pianifica la strategia SEO aziendale.

Questi cambiamenti nell’intento di ricerca sconvolgono i vecchi principi di posizionamento organico e inevitabilmente non sarà più sufficiente per un professionista SEO promettere il miglior posizionamento.

Le nuove strategie dovranno puntare ad un buon posizionamento generico e non più al primo posto. Certamente è importante posizionare il proprio sito il più alto possibile in SERP, ma non è necessario puntare alla prima posizione per vedere un aumento dei clic e del coinvolgimento.

Il CTR influenza la SERP parola di Google.

L’ingegnere di Google Paul Haahr conferma che, oggi più che mai, il CTR influisce sul posizionamento.
In una recente presentazione ha dichiarato che un CTR alto può influenzare la classifica in quanto dà il segnale che la tua pagina attira l’attenzione degli utenti.

L’ottimizzazione delle parole chiave può essere ancora utile, ma sarà sempre di più la qualità dei contenuti pubblicati che determinerà il posizionamento.
Ma non è più sufficiente portare nuovi visitatori su un sito se poi non sono interessati a saperne di più sui tuoi contenuti e sul tuo sito.
Viene di conseguenza che il tempo trascorso sul sito da parte del singolo utente aiuterà i motori di ricerca a capire se i contenuti sono rilevanti, anche perché non dimentichiamoci che l’aggiornamento di RankBrain ha inserito il “tempo di sosta”, il tempo che un utente trascorre su un sito, come un fattore di classifica molto importante.

Essere creativi è la scelta vincente

Il ranking di ricerca sta diventando più competitivo, il che significa che è più difficile classificarsi in base ai risultati di ricerca. Questo non significa che non si riesca a trovare la formula SEO vincente, ad esempio sfruttando al meglio gli snippet in primo piano.

Ecco come si presenta lo scenario per i SEO che operano a livello professionale. I professionisti del web dovranno sempre meno utilizzare dati, numeri e classifiche, ed iniziare a pensare sempre di più come pensa un utente, non concentrandosi principalmente sul business e creare contenuti ottimizzati che siano allo stesso tempo attraenti e utili.
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

facebook ads library
Paolino Virciglio

Facebook (META) Ads Library: cos’è e come usarla per l’advertising

La Meta Ads Library, nota anche come Libreria delle inserzioni di Meta, è uno strumento potente e trasparente per marketer e aziende che desiderano avere un impatto significativo sulle loro campagne pubblicitarie su Meta. Questo articolo ti guiderà attraverso le funzionalità principali della Meta Ads Library, mostrandoti come utilizzarla per analizzare, ispirare e ottimizzare le tue campagne.

piano editoriale instagram
Giuliana Curato

Piano editoriale Instagram: come farlo, idee e spunti

Come possiamo fare per emergere tra migliaia di contenuti e assicurarci che il nostro messaggio non solo raggiunga il pubblico desiderato ma che lo coinvolga, lo informi e lo intrattenga nel modo giusto? Ovviamente, creando un piano editoriale strutturato. Scopriamo insieme come!

email marketing automation
Marianna Caravatta

Email Marketing Automation: guida per iniziare

Immagina di poter raggiungere i tuoi clienti con il messaggio giusto al momento giusto, senza dover digitare ogni singola email. Benvenuto nel mondo dell’email marketing automation, dove la tecnologia trasforma la comunicazione in una potente macchina di connessione e conversione. Iniziamo insieme!

musica storie instagram
Giuliana Curato

Come mettere musica nelle Instagram Stories

Le Instagram stories sono uno strumento indispensabile per dare sfogo al nostro estro creativo in modo originale, poiché ci offrono la possibilità di giocare e combinare contenuti visivi e sonori e dare un tocco personale ai nostri contenuti attraverso l’utilizzo della musica. Scopriamo come fare!

google ads ecommerce
Giulia Venturi

Google Ads per e-commerce: strategie, consigli e idee

Hai un ecommerce e hai deciso di promuoverlo con Google Ads? Ottima idea! Ci sono diverse soluzioni interessanti che ti aiuteranno a vendere al meglio: è importante tenere presente che soprattutto per queste tipologie di campagne che sfrutteranno tutta la potenza dell’AI di Google, c’è un importante lavoro manuale da fare. Rimboccati le mani e partiamo!

Vuoi essere sempre sul pezzo?

Iscriviti a MakeMeThink, la newsletter di Studio Samo. ✉️ Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.