In SEO

Sembra impossibile ma Google Maps conta 11 milioni di locali falsi, con centinaia di migliaia di persone che ne creano di nuovi ogni mese, portando confusione e danneggiando le attività locali nonché i consumatori.

A rivelarlo è il Wall Street Journal che nell’articolo solleva un gran polverone, andando a smascherare usi e consumi di molti truffatori on-line.

Google dice di essere consapevole del problema e che ha intenzione di fare di più per combattere gli spammer e i truffatori che approfittano delle inserzioni locali per ingannare gli utenti. Non è nell’interesse dell’azienda mettere a repentaglio la fiducia di quest’ultimi, eppure, come sottolineano molti marketer è un profitto da non sottovalutare viste le tantissime aziende locali che si rivolgono agli annunci a pagamento per recuperare la visibilità della ricerca.

I “Duress vertical” scam e il business spammy

Come sollevato dall’articolo le categorie più colpite dallo spam sono la maggior parte delle officine riparazioni auto, rimorchio, elettricisti, appaltatori, avvocati, trasportatori e altre categorie di servizi che non si trovano agli indirizzi indicati in Google Maps.

Internamente a Google queste categorie sono chiamate “duress verticals“, per la loro propensione alle truffe costruite per intrappolare le vittime quando sono più vulnerabili.

Queste imprese fasulle inondano i risultati delle ricerche locali creando falsi profili in Google My Business (GMB), il servizio gratuito utilizzato per pubblicare gli annunci aziendali in Google Search e Maps andando a ledere la visibilità della ricerca degli annunci aziendali veri, derubandoli di potenziali clienti, e mettendo gli utenti nella posizione di essere truffati.

L’incapacità di Google di cancellare gli annunci aziendali falsi e verificare quelli reali è una frustrazione per molti imprenditori e marketer.

Joe Youngblood, SEO e marketer digitale, si è espresso sui problemi che le aziende legittime devono affrontare con Google My Business scrivendo questo post su Twitter: “Hey @GoogleMyBiz ha ancora diverse aziende reali con conti sospesi, mentre le false aziende di spam con indirizzi di Virtual Office stanno spuntando ovunque”.

Come ha sottolineato il digital marketer Itamar Blauer, le aziende reali stanno anche inserendo keyword nei loro profili di Google My Business per potersi classificare più in alto nelle ricerche locali generiche (ad esempio, “oil change” o “personal injury lawyer”). Intanto le linee guida di Google affermano: “Il tuo nome dovrebbe riflettere il nome del mondo reale della tua azienda, così come viene usato costantemente sulla tua vetrina, sito web e come è noto ai clienti”. Inoltre, richiede alle aziende di includere dettagli come indirizzo e area di servizio, orari di lavoro e categorie delle altre sezioni della vostra azienda. Il concetto di base di questo è che non sembrano esserci conseguenze per l’inserimento di parole chiave negli elenchi GMB, come Optimise London ha dimostrato che anche dopo che Google ha accettato la mia modifica, hanno semplicemente aggiunto le parole chiave di nuovo”, ha detto Blauer.

L’impatto di questa manipolazione non si limita ai risultati di ricerca locali. Lo screenshot qui sotto mostra che, aggiungendo “SEO Agency” alla propria ragione sociale in GMB, un’agenzia è riuscita ad essere presente in un knowledge graph per il termine di ricerca generico “digital seo agency”.

Anche dopo che il nome dello spammy è stato segnalato, il knowledge graph è rimasto, come mostrato nella seconda schermata.

“Ora il knowledge graph prende il loro GMB per “Digital SEO Agency”, che non dovrebbe essere permesso ma che è dovuto al loro titolo inserito inGMB”, ha spiegato Blauer. Anche dopo che l’annuncio è stato corretto, l’annuncio dell’azienda è rimasto nel knowledge graph, nonostante sia al settimo posto nella lista organica standard.

“In questo momento il nome dell’azienda ha un impatto enorme, e gli annunci falsi utilizzano solo keyword di destinazione, portando a guadagni massicci”, ha spiegato Youngblood. L’anno scorso ha condotto un esperimento che ha rivelato che, in media, lo spamming o il keyword stuffing sulla la ragione sociale in GMB ha aiutato una posizione a migliorare di almeno 9,53 posizioni di classifica.

Perché Google ha problemi con gli annunci falsi su Google Maps

Alcuni marketer dicono che Google non ha preso il problema di verificare l’autenticità abbastanza seriamente fin dall’inizio. “Come quelli di noi dell’industria YP [pagine gialle] hanno visto Google entrare nel fornire informazioni commerciali locali, abbiamo pensato che avessero un bel po’ di arroganza”, ha detto Chris Silver Smith, prima technical liaison tra Superpages e Google Maps e ora presidente di Argent Media.

“C’è stato un approccio ingenuo in gran parte del loro operato, che nel tempo si è tradotto in ogni sorta di difetti ed errori. Invece di assumere persone che avevano una grande familiarità con le questioni inerenti, hanno assunto principalmente i laureati in informatica, freschi di laurea”.

Silver Smith ha anche detto che Google ha enfatizzato eccessivamente la necessità di disporre solo di sedi virtuali per iscriversi alla GMB e non di sedi fisiche per essere indicizzati dall’algoritmo, anche se è altrettanto vero che molti fornitori di servizi non hanno bisogno di uffici fisici perché lavorano in loco presso le sedi dei loro clienti. Secondo Silver Smith, per i fornitori di servizi che non hanno bisogno di una sede fisica può essere stato l’incentivo a creare falsi elenchi solo per essere rappresentati in modo equivalente alle aziende con indirizzi fisici.

Le risposte di Google ai profili falsi sulla GMB

Nel 2017, in uno studio sponsorizzato da Google i ricercatori della University of California, San Diego, hanno concluso che solo lo 0,5% delle ricerche locali esaminate conteneva annunci falsi. Il consulente di ricerca Mike Blumenthal ha definito i risultati “senza senso”, in parte a causa dei dati limitati e distorti forniti da Google. Danny Huang, l’autore principale dello studio, che all’epoca era anche uno stagista di Google a pagamento, ha riconosciuto: “Tutto quello che stavo facendo è stato eyeballing in modo scientifico”.

Poco dopo la pubblicazione dell’articolo del WSJ, Google ha sottolineato nel post del blog i suoi continui sforzi per affrontare lo spam e i truffatori di Maps, dicendo che ha eliminato oltre tre milioni di falsi profili aziendali, di cui oltre il 90% è stato rimosso prima che potessero essere visti dagli utenti. Ha anche affermato che sta donando fondi per le cause legali contro i truffatori alle organizzazioni che educano i consumatori e le imprese sulle frodi,ribadendo che gli utenti possono segnalare i profili falsi per la rimozione.

L’azienda ha aggiunto che sta sviluppando nuovi modi, sia manuali che automatici, per combattere i truffatori, anche se ancora non si sa bene come fare la segnalazione, spiegando che “non possiamo condividere troppi dettagli su questi sforzi senza correre il rischio di aiutare effettivamente i truffatori a trovare nuovi modi per battere i nostri sistemi, il che vanifica lo scopo di tutto il lavoro che facciamo”.

I vincitori e i perdenti

“I vincitori sono abbastanza chiari: sono Google e gli spammer”, ha detto Dan Leibson, vice presidente della ricerca per Local SEO Guide Inc., sottolineando che gli spammer stanno dirottando i clienti e Google sta incassando sugli annunci acquistati dalle aziende che cercano di far apparire i loro annunci sopra gli spammer’.

“Tutti gli altri stanno perdendo in qualche modo. Il tipo di business meno colpito è probabilmente quello dei grandi brand multi-location, dato che le segnalazioni di spam avranno difficoltà a superare l’importanza di queste aziende”, ha continuato Leibson, affermando che una serie di “negozi di hardware vicino a me” difficilmente soppianterà The Home Depot dai risultati della ricerca.

La frequenza delle inserzioni false può anche influenzare le preferenze dei consumatori.

I clienti che altrimenti potrebbero supportare le aziende locali possono invece scegliere di giocare in sicurezza patrocinando aziende più grandi e conosciute, rendendo il raggiungimento di nuovi clienti ancora più di una battaglia in salita per i brand più piccoli o emergenti.

Le aziende locali (quelle vere) devono anche competere tra loro per acquisire nuovi clienti. E’ possibile che la pratica di aggiungere parole chiave a un profilo GMB sia stato inizialmente un metodo per riacquistare visibilità organica e respingere le inserzioni false, ma ha anche messo altre piccole imprese in una posizione di svantaggio, soprattutto se si vogliono rispettare le regole.

Cosa possiamo fare e cosa bisognerà fare

“Stare in un mare di annunci falsi costringe quando si vuole costruire un brand a diversificare la presenza locale”, consiglia Youngblood, “Consiglio ai clienti di concentrarsi su Google, Bing, Facebook, Yelp, almeno una verticale e, naturalmente, il proprio sito web”.

“Raccomandiamo inoltre che i clienti si impegnino a livello locale. Trovare account di social media popolari nella zona locale e impegnarsi con loro (non necessariamente “influencer”), sostenere le organizzazioni non profit come la radio locale, il canile della città, i teatri e gli enti di beneficenza per gli homeless,” continua Youngblood, aggiungendo che “non si sa mai quando Google o un’altra piattaforma sospenderà un annuncio, quindi assicuriamoci di ottenere recensioni su altri siti che i consumatori potrebbero trovare mentre fanno le proprie ricerche è importante”.

“Il modo migliore in cui le aziende possono distinguersi è quello di superare gli spammer e di avere un brand legittimo”, ha suggerito Leibson.

Naturalmente, Google può applicare meglio le sue attuali politiche e modificare i suoi algoritmi per ostacolare le attuali tattiche di spam.

“Il successo di Google e la sua posizione dominante sul mercato significano che ha una responsabilità maggiore rispetto al semplice mettere insieme i miscugli di annunci aziendali sulle mappe e lasciare ai consumatori la possibilità di discernere quali possono essere reali o falsi”, ha detto Silver Smith.

La posizione dominante dell’azienda deriva dai suoi algoritmi di ricerca e dai servizi e sistemi costruiti intorno ad essi. Finché questi sistemi esistono, ci sono quelli che cercheranno di sfruttarli a spese di tutti gli onesti.

Fortunatamente esistono soluzioni per tamponare questa falla dilagante. I marketer e gli imprenditori devono continuare a spingere Google a dare loro delle priorità.

[via searchengineland.com]

 

 

P.S. Vuoi davvero imparare il web marketing?

Il web marketing è in continua evoluzione, resta sempre aggiornato! Offriamo video corsi di web marketing in abbonamento, per garantirti tutta la formazione di cui hai bisogno in un unico spazio, senza dover perdere giornate intere alla ricerca di fonti, corsi, novità e senza spendere un patrimonio in formazione. Avrai tutto ciò che ti serve per diventare un vero specialista.

Vuoi provare gratis? Accedi subito a centinaia di lezioni gratuite.

Post recenti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.