Call to Action sui Social Media: 19 frasi per generare engagement

call-to-action-per-i-social
Indice dei contenuti

State cercando un modo per generare più engagement sui vostri profili social? Volete incoraggiare i vostri followers ad interagire il più possibile con i vostri post? Se siete a corto di idee, o quelle che avete usato non vi hanno dato i risultati sperati, potete attingere alle idee proposte dal team di Dog-Eared Social. Il blog ha infatti pubblicato un’infografica con ben 19 frasi diverse, in grado di attirare l’attenzione del pubblico, suddivise in quattro categorie:

  • Per saperne di più
  • Condividere
  • Diteci cosa ne pensate
  • Agire

Vediamo allora, più nel dettaglio, quali sono le frasi da utilizzare per generare engagement sui social media.

Per saperne di più

In questa categoria rientrano tutte quelle frasi da utilizzare quando si vuole veicolare traffico al proprio sito web, condividere contenuti multimediale per incrementare la credibilità e la reputazione del brand, condividere un articolo importante per educare il pubblico alle tematiche a voi care, e infine quando si vogliono condividere foto o video.

Studio Samo Pro Minidegree

Quali sono allora le frasi più adatte per accompagnare contenuti di questo genere? “Leggi di più”, “Scopri perché”, “Dai un’occhiata”, “Esplora” e “Scopri” sembrerebbero essere le frasi più convincenti per generare engagement, almeno stando a quanto riferito da Dog-Eared Social.

Condividere

Cosa dire invece quando si vuole far ri-condividere un contenuto ai vostri followers? “Ritwitta/condividi se pensi/senti credi…”, “Fai sapere ai tuoi amici che tu…”, “Mostra al mondo che tu…” e “Diffondi la notizia” sembrano essere le parole che più generano interazione tra contenuto ed utenti.

Quando utilizzarle nello specifico? Quando si vuole raggiungere una nuova fetta di pubblico, attirare l’attenzione di amici con gusti affini ai vostri, coinvolgere il vostro pubblico con una richiesta semplice e aumentare la consapevolezza degli utenti circa una tematica o una campagna specifica.

Diteci cosa ne pensate

Se volete generare un’interazione di alto livello con il vostro pubblico, potreste utilizzare frasi del tipo “Twitta i tuoi pensieri con l’hashtag #”, “Dicci cosa pensi nei commenti qui sotto”, “Condividi la tua storia”, “Vogliamo sapere cosa/perché” oppure “Faccelo sapere e noi lo ritwitteremo!”.

Si tratta senza dubbio di parole che non faticano a coinvolgere il pubblico. Ma quando utilizzare esattamente? E con quale scopo? Se volete “testare il polso” del vostro pubblico, queste si riveleranno senza dubbio adatte.

Oppure se volete dimostrare ai vostri followers che le loro opinioni hanno un importante valore per la vostra azienda, se volete coinvolgerli in interessanti conversazioni oppure se siete voi quelli interessati a raccogliere i contenuti generati dagli utenti che vi seguono.

Agire

Avete già coinvolto il vostro pubblico e questo è già pronto a fare una donazione, sottoscrivere una petizione o fare un acquisto? Oppure è in corso un’emergenza o c’è un senso di urgenza che richiede un’azione immediata da parte dei vostri followers? Oppure ancora l’azione richiesta è legata ad una campagna più ampia o ad una copertura mediatica di primo piano?

Ecco allora le frasi da utilizzare, secondo il team di Dog-Eared Social: “Il tuo dono sarà”, “Regala ora per fornire…”, “Firma la nostra petizione per mostra al mondo che”, “Condividi la tua voce se tu…” e “Impegnati a”. Frasi breve, coincise e dirette, che invogliano gli utenti a fare quello che desiderate voi. Siete pronti a condividerle sui vostri social?

 

[ via www.socialmediatoday.com ]

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

heading tag seo
Angela Giampaglia

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli per la SEO

Gli Heading Tag sono un elemento fondamentale per la struttura e l’ottimizzazione delle pagine web, in quanto rappresentano la chiave per rendere le pagine leggibili e fruibili. In questo articolo potrai imparare usarli per strutturare testi e articoli, migliorarne la leggibilità , ottenere visibilità su Google… e trasformati un un architetto SEO!

Quota impression Google ads
Beatrice Romano

Quota impression Google Ads

La quota impressioni Google Ads ti permette di capire se i tuoi annunci sono visibili sulla rete di ricerca. Non solo ti aiuta a monitorare i competitor, ma anche a capire come migliorare i tuoi annunci per aumentare la visibilità.

Oltre all’attività dei competitor, la visibilità dipende da budget e ranking dell’annuncio, fattori che puoi controllare per migliorare la tua posizione in serp.

dirette instagram
Giuliana Curato

Dirette Instagram: come fare le live su IG

Ti chiedi come sfruttare al meglio le dirette Instagram per connetterti con il tuo pubblico e ottimizzare la tua presenza online ma non sai da dove iniziare? Allora sei nel posto giusto.

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.