In Social Media Marketing

Pinterest ha dimostrato di non essere un social network, quanto piuttosto uno strumento di ricerca e scoperta. La piattaforma è infatti progettata per far entrare in connessione persone e prodotti, piuttosto che per far interagire gli utenti tra loro. Questo permette allora al team di ingegneri di Pinterest di focalizzarsi maggiormente sulle esperienze di ricerca e sullo shopping diretto, piuttosto che sull’intrattenimento degli utenti.

Non stupisce quindi che la piattaforma stia ampliando le proprie potenzialità commerciali, migliorando funzioni già in uso da qualche tempo. Era infatti il 2017 quando Pinterest lanciò per la prima volta i Pins “Shop the look”: una funzionalità che permette di identificare articoli specifici con un Pin all’interno di un’immagine, rimandando direttamente gli utenti alla pagina di acquisto pertinente.

Fino ad ora, questa opzione ha riguardato alcuni marchi specifici (veri e propri partners della piattaforma) ed ha funzionato grazie ad una combinazione di apprendimento automatico e moderazione da parte di persone che hanno aggiunto i tag pertinenti. Ma ora Pinterest vuole portare la funzionalità “Shop the look” ad un livello successivo, puntando alla totale automatizzazione del processo. A breve, questa rivoluzione comincerà dai Pins Home Decor su iOS, che vedrà aumentate le opzioni di acquisto diretto.

Il sistema è stato sviluppato per poter comprendere al meglio i prodotti inseriti all’interno di ciascun fotogramma Pin, utilizzando l’identificazione avanzata dell’immagine di Pinterest, che viene affinata ogni giorno attraverso l’utilizzo della “lente Pin” e delle altre opzioni di ricerca. Maggiore è il numero di utenti che utilizzano gli strumenti di identificazione delle immagini di Pinterest e migliore sarà il sistema che permetterà di individuare i prodotti all’interno dell’immagine, tanto che la piattaforma sostiene che questo processo alla fine non necessiterà più della supervisione umana.

È innegabile che questo cambierà completamente la funzionalità “Shop the look”, che non sarà più direttamente collegata ai marchi di riferimento. Certo, le aziende potranno comunque collegare i propri prodotti alle immagini, ma la piattaforma stessa farà buona parte di questo lavoro da sola. Come già riferito da Pinterest: “Shop the Look taggherà i Pin organici che non sono stati collegati ad un account aziendale. Per quei brand che non intendono vedere i propri Pin taggati, allora è possibile rivendicare il proprio dominio.

Come già detto, si tratta di un intervento che migliorerà non poco le potenzialità commerciali di Pinterest, che ha anche stretto partnership con alcune piattaforme di e-commerce – tra cui Shopify -per rafforzare ulteriormente le potenzialità di acquisto diretto dei prodotti. Tutto questo rende la piattaforma molto appetibile per i piccoli e grandi brand, interessati a nuovi canali di vendita dei propri prodotti. Certo, i 250 milioni di utenti attivi di Pinterest non possono competere con i grandi numeri di Facebook ed Instagram, ma le potenzialità della piattaforma fanno ben sperare per il suo futuro commerciale.

[ via socialmediatoday.com ]

 

P.S. Vuoi davvero imparare il web marketing?

Il web marketing è in continua evoluzione, resta sempre aggiornato! Offriamo video corsi di web marketing in abbonamento, per garantirti tutta la formazione di cui hai bisogno in un unico spazio, senza dover perdere giornate intere alla ricerca di fonti, corsi, novità e senza spendere un patrimonio in formazione. Avrai tutto ciò che ti serve per diventare un vero specialista.

Vuoi provare gratis? Accedi subito a centinaia di lezioni gratuite.

Post recenti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.