Instagram: i fondatori lasciano Facebook. Cosa c’è dietro

instagram fondatore lascia fb
Indice dei contenuti

Ha colto tutti di sorpresa – compresa probabilmente la stessa Facebook – la decisione dei cofondatori di Instagram di lasciare l’azienda lunedì sera.

La dichiarazione d’addio che il CEO di Instagram Kevin Systrom ha inviato lunedì a nome suo e del co-fondatore Mike Krieger ha mostrato un totale disprezzo per tutte le regole di buona educazione che si usano in questo genere di situazioni. E questo probabilmente non è stato fatto per sbaglio.

Per prima cosa, diamo un’occhiata al testo della dichiarazione:

Studio Samo Pro Minidegree

“Mike ed io siamo grati per gli ultimi otto anni di Instagram e sei anni con il team di Facebook. Siamo passati da 13 persone a più di mille con uffici in tutto il mondo, costruendo prodotti utilizzati e amati da una comunità di oltre un miliardo di persone. Ora siamo pronti per il nostro prossimo capitolo.

Stiamo pensando di prenderci un po’ di tempo libero per esplorare nuovamente la nostra curiosità e creatività. Costruire cose nuove richiede che facciamo un passo indietro, comprendiamo cosa ci ispira e lo abbiniamo a ciò di cui il mondo ha bisogno; questo è ciò di cui abbiamo intenzione di fare.

Rimaniamo entusiasti del futuro di Instagram e Facebook nei prossimi anni, mentre passiamo da leader a due utenti in un miliardo. Non vediamo l’ora di vedere cosa faranno queste aziende innovative e straordinarie.

Kevin Systrom, co-fondatore e CEO”.

Anche se il lettore distratto potrebbe non farci caso, ci sono vari indizi in questa nota d’addio di Systrom che suggeriscono la vera storia dietro le loro dimissioni, che molto probabilmente sarà rivelata nelle prossime settimane.

Ora, diamo un’occhiata ad alcuni campanelli d’allarme nell’annuncio che dicono che tra loro e Facebook non è tutto a posto:

Tempistica

Il fatto che i due cofondatori se ne stiano andando via insieme è di per sé notevole. E il fatto che gli annunci delle loro dimissioni non siano state scaglionate, con un consueto preavviso di sei settimane per dare un aspetto di stabilità e transizione, è ancora più incredibile. Il messaggio è chiaro: questo non era previsto.

Manca qualcosa

Ci sono due nomi che non hai visto nell’annuncio: Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg. Il tradizionale ringraziamento al fondatore dell’azienda può essere un luogo comune, ma è importante. Ometterlo nella nota d’addio è l’equivalente di non restituire la stretta di mano di qualcuno.

Esplorare la nostra creatività… nuovamente

La parola chiave qui è “nuovamente”. I fondatori sembrano intenzionati a chiarire che esplorare la loro creatività e curiosità – la linfa vitale di tutti gli innovatori tecnologici – non era qualcosa che potevano fare all’interno di Facebook.

Costruire cose nuove

C’è un’altra regola non scritta del business della Silicon Valley: si lasciano le aziende per andare a trascorrere più tempo con la famiglia, per “ricaricare le batterie” o per collezionare auto sportive d’epoca. Ma non si lascia un’azienda per prepararsi a costruire un prodotto nuovo e potenzialmente concorrente.

Tempismo (seconda parte)

Questo non è menzionato nella nota d’addio, ma è un ulteriore indizio che indica la brusca decisione: Systrom aveva in agenda diversi impegni di alto profilo nelle prossime settimane, tra cui The Information subscriber summit del 18 ottobre e la conferenza WSJD Live a Laguna, in California, a novembre.

“Le ottiche sono così chiaramente in contrasto, ha detto una persona vicina all’azienda. Non si esce così!

[Via businessinsider.com]

Studio Samo Pro Minidegree
Vuoi dare una svolta alla tua carriera o innovare la tua azienda?

Scopri il nostro corso in Web & Digital Marketing

54 ore in aula a Bologna o in live streaming

Piaciuto? Condividilo!

L'autore di questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti gratis a…

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.

Potrebbe interessarti anche...

regolamentazione intelligenza artificiale
Caterina Quaiotti

AI Act e regolamentazione dell’Intelligenza Artificiale

L’impatto dell’utilizzo dell’IA è tangibile in diverse aree, promuovendo l’efficienza operativa, la competitività e l’innovazione e possiamo per questo parlare di benefici evidenti e concreti. 

La sua rapida diffusione solleva anche questioni etiche e giuridiche cruciali.

La necessità di una regolamentazione legale dell’Intelligenza Artificiale è emersa come una priorità fondamentale per garantire un utilizzo responsabile e sicuro di questa tecnologia avanzata. Facciamo un po’ di chiarezza in materia.

informazioni aste google ads
Beatrice Romano

Informazioni sulle aste e analisi competitors su Google Ads

Quando si lavora in Google Ads è importante monitorare ciò che fanno i competitor non solo per i prodotti o servizi che offrono agli utenti, ma anche per capire come si propongono, che linguaggio usano e a cosa danno più importanza. In questo articolo ti parlerò dell’analisi dei competitor a partire dalle parole chiave presenti all’interno delle campagne in rete di ricerca.

redirect 301
Mattia Cantoni

Redirect 301 per la SEO: una guida completa

I redirect 301 sono tanto semplici da impostare quanto pericolosi per l’ottimizzazione SEO se utilizzati in modo scorretto. In questa guida passo-passo
scoprirai come padroneggiare l’utilizzo di un redirect 301 e come prevenire alcuni dei più comuni errori.

tool instagram marketing
Giuliana Curato

Strumenti per Instagram Marketing

In questo articolo, vedremo insieme una varietà di strumenti per Instagram e perché usarli. Inoltre scopriremo come possono cambiare sia il modo in cui interagisci con il tuo pubblico che la gestione di stories, reels e post per aiutarti a non perdere il lume della ragione (e la pazienza). 

demand gen google ads
Manuel Lodi

Campagne Demand Gen di Google Ads: cosa sono e come funzionano

La prima volta che abbiamo sentito nominare le campagne Demand Gen è stato durante il Google Marketing Live di Maggio 2023, dove venivano presentate sotto il cappello delle campagne di nuova generazione, completamente autonome e in grado di evolvere e performare al meglio grazie al Machine Learning e all’Intelligenza Artificiale della piattaforma di Adv di Google. In questo post vediamo come affrontare questa importante novità.

Iscriviti gratis a

MakeMeThink

La newsletter di Studio Samo

Ricevi ogni 2 settimane le novità più importanti dal mondo del digital marketing.