In Social Media Marketing

Continua l’attività di aggiornamento di Facebook rivolta ai Gruppi, considerati tra i massimi strumenti di interazione e condivisione della piattaforma. Di recente, l’App ha lanciato la funzione “Mentorship“, che aiuta gli utenti a sviluppare le proprie competenze e raggiungere gli obiettivi personali. Dati gli intenti, per ora la funzionalità riguarda solo i Gruppi a tema “genitori”, sviluppo personale e professionale. L’obiettivo è infatti quello di creare un rapporto tra ” mentore” e “allievo”, in modo che uno messa mettere la propria esperienza a disposizione dell’altro. Un modo nuovo per vivere i Gruppi, che darà a Facebook un taglio più sociale e comunitario.

Come funziona la “Mentorship” di Facebook

Allo stato attuale, sono oltre 200 milioni le persone che sono iscritte a Gruppi di Facebook che trattano di argomenti per loro utili. In questo modo, gli utenti creano vere e proprie comunità in cui sviluppano attività e dialoghi propositivi. Con la nuova funzione “Mentorship”, Facebook non fa altro che migliorare questo aspetto caratteristico dei Gruppi. Ma come funziona esattamente?

  1.  Gli amministratori del Gruppo creano un programma di Mentorship, sulla base di alcuni modelli prestabiliti (avanzamento di carriera, programma di supporto/incoraggiamento, sviluppo di competenze)
  2. Gli utenti si iscrivono al programma e scelgono se ricoprire la figura di mentore o allievo. Dopo di che, l’amministratore forma coppie mentori-allievi.
  3. Le coppie stabiliscono una relazione, intrattenendo conversazioni sulla bacheca del programma oppure in via privata attraverso Messenger.
  4. All’interno di ogni coppia, mentore e allievo ricevono una guida dettagliata per il loro percorso. Gli utenti dovranno seguirla passo passo e monitorate i progressi raggiunti nel tempo.

Chiaramente ogni conversazione è protetta e sicura. In questo modo gli utenti avranno occasione di creare rapporti sani e genuini, con il solo intento di crescere professionalmente e personalmente. Un Coaching nuovo e virtuale, perché no?

[via newsroom.fb.com]
Post recenti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.