In SEO

Eric Schmidt, che è stato il CEO di Google e presidente esecutivo della sua casa madre, Alphabet, prevede che entro il prossimo decennio ci saranno due internet distinti: uno guidato dagli Stati Uniti e l’altro dalla Cina.

Schmidt ha condiviso i suoi pensieri in occasione di un evento privato a San Francisco il Mercoledì sera, organizzato dalla società di investimento Village Global VC. La società si avvale di luminari della tecnologia – tra cui Schmidt, Jeff Bezos, Bill Gates e Diane Green (membro del consiglio di amministrazione di Google e CEO per i servizi cloud per il business di Google) – come soci, per poi investire il loro denaro in iniziative tecnologiche in fase iniziale.

Durante l’evento, l’economista Tyler Cowen ha chiesto informazioni sulla possibilità di frammentazione di Internet in diverse “sotto-internet” con diverse regolamentazioni e accesso limitato tra loro nei prossimi anni. “Che possibilità ci sono che, diciamo in 10-15 anni, avremo tre o quattro internet separati?

Schmidt ha risposto:

“Penso che lo scenario più probabile ora non sia una frammentazione, ma piuttosto una biforcazione in una internet guidata dai cinesi e una internet non cinese guidata dall’America.

Se si guarda alla Cina, e io ero proprio lì, la dimensione delle aziende che stanno costruendo, i servizi che stanno realizzando, la ricchezza che stanno creando è fenomenale. L’Internet cinese è una grossa percentuale del PIL della Cina, che è un grande numero, rispetto alla stessa percentuale degli Stati Uniti, che è anche un grande numero.

Se si pensa alla Cina come “Oh, sì, sono bravi con Internet”, si perde il punto. Globalizzazione significa che possono giocare anche loro. Penso che vedremo presto la leadership in prodotti e servizi provenienti dalla Cina. C’è il pericolo reale che, insieme a questi prodotti e servizi, ci sia un diverso regime di leadership da parte del governo, con censura, controlli, ecc.

Guardate come funziona la BRI – la loro Belt and Road Initiative, che coinvolge circa 60 paesi – è perfettamente possibile che quei paesi comincino ad assumere le infrastrutture che la Cina ha con una certa perdita di libertà”.

The Belt and Road è una massiccia iniziativa di Pechino per aumentare l’influenza politica ed economica della Cina, collegando e facilitando tutti i tipi di commercio, compreso il commercio digitale, tra la Cina e i paesi in Europa, Africa, Medio Oriente e Asia.

Le previsioni di Schmidt arrivano in un momento in cui il suo successore di Google, il CEO Sundar Pichai, ha suscitato controversie sulla strategia dell’azienda in Cina.

Secondo quanto riferito, Google ha sviluppato “Project Dragonfly”, una versione censurata del suo motore di ricerca che potrebbe placare le autorità cinesi. Il progetto avrebbe incluso un mezzo per sopprimere alcuni risultati di ricerca, avviandoli dalla prima pagina, e un mezzo per bloccare completamente i risultati per domande sensibili, ad esempio, sulle “proteste pacifiche”.

Nelle ultime settimane, centinaia di dipendenti di Google hanno esercitato pressioni su Pichai per una maggiore trasparenza e hanno firmato una lettera in cui si afferma che i piani segnalati sollevano “questioni morali ed etiche urgenti”.

Pichai ha detto che Google è stato “molto aperto sul nostro desiderio di fare di più in Cina”, e che il team “è stato in fase di esplorazione per un bel po’ di tempo”, e considerando “molte opzioni”, ma non si è ancora visto un decollo in Cina.

In un’altra discussione con diversi fondatori di start-up, Schmidt ha elogiato i prodotti tecnologici cinesi e i servizi all’avanguardia, soprattutto nei pagamenti mobili. Ha osservato che Starbucks in Cina non dispone di un registratore di cassa. I clienti ordinano in anticipo online e pagano con il telefono prima di ritirare il latte.

Ime Archebong, leader dello sviluppo aziendale in Facebook, ha chiesto a Schmidt se le grandi aziende tecnologiche stanno facendo abbastanza bene nel mondo.

Schmidt ha risposto: “Il giudice di questo sono altri, non noi. Le conversazioni autoreferenziali su ‘Mi sento bene su quello che sto facendo?’ non sono molto utili. Il giudice è là fuori”.

In diversi punti della discussione privata, Schmidt ha esortato gli imprenditori a costruire prodotti e servizi che non sono semplicemente coinvolgenti, ma preziosi. Inoltre ha detto che non ci sono abbastanza aziende che “misurano le cose giuste”. Troppe aziende si concentrano sulla crescita del fatturato a breve termine e sulla soddisfazione degli azionisti, piuttosto che su ciò che è meglio per i loro utenti, la società e la salute a lungo termine delle loro aziende.

Schmidt è stato CEO di Google dal 2001, quando ha preso il posto del co-fondatore Larry Page, fino al 2011, quando Page ha recuperato le redini. È rimasto presidente esecutivo di Google e poi di Alphabet fino all’inizio di quest’anno.

Eric Schmidt non ha specificato una data entro la quale crede che internet si biforcherà, ma stava rispondendo a una domanda di Tyler Cowen che specificava “nei prossimi 10-15 anni”.

[via cnbc.com]
Post recenti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.