In Social Media Marketing

Rullo di tamburi, o musica da suspense, come preferite. Facebook sta infatti per lanciare non uno, ma ben due aggiornamenti del suo algoritmo, con il chiaro intento di rendere gli utenti più attivi e coinvolti sul social. A tale scopo, il primo aggiornamento sarà incentrato proprio sull’incrementare la prevalenza di post condivisi dagli amici più cari. Il secondo, invece, avrà l’obiettivo di ridurre i contenuti superficiali e acchiappa-like nel Feed di un profilo. Ma vediamo più da vicino in cosa consistono questi aggiornamenti e quali ripercussioni avranno sugli utenti (e non solo).

I nuovi aggiornamenti dell’algoritmo di Facebook

Anzitutto, l’obiettivo di Facebook sembra essere quello di mostrare agli utenti un maggior numero di post condivisi dalle persone a cui tengono, aggiungendo nel Feed alcuni segnali relativi alle ricerche degli utenti. Come riferito dallo stesso social network:

Abbiamo (recentemente) cominciato a studiare le persone su Facebook per chiedere loro di elencare gli amici a cui sono più vicini. E abbiamo guardato agli schemi che sono usciti da questi risultati, alcuni dei quali includono l’essere taggati nelle stesse foto, commentare e reagire continuamente agli stessi post, e geolocalizzarsi negli stessi posti. Abbiamo poi usato questi schemi per informare il nostro algoritmo“.

In sostanza, ora Facebook fa attenzione ad un numero maggiore di segnali ed ha ri-settato il proprio algoritmo in modo tale da seguire maggiormente gli amici da cui un utente vuole ricevere aggiornamenti. Il risultato finale dell’algoritmo sarebbe quindi quello di mostrare i contenuti condivisi dagli amici più stretti degli utenti della piattaforma.

Chiaramente, questo potrebbe portare portare ad un altro problema: una “bufala” virale su Facebook, che forse vi è capitato di vedere di tanto in tanto, sostiene che la piattaforma limiti la portata di un post allo stesso gruppo di 25 persone, e che il solo modo per ampliare la portata sia quello di commentare il post. Si tratta di un fake, è chiaro. Ma a causa della modalità in cui funziona l’algoritmo, cercando di mostrarvi i contenuti condivisi dalle vostre connessioni più importanti, potrebbe anche sembrare un post veritiero.

Effettivamente, già Facebook aveva pubblicato una spiegazione ufficiale per sfatare questo mito lo scorso Febbraio, e poi di recente lo ha inserito all’interno di una nota riguardante il nuovo aggiornamento dell’algoritmo:

Questo non significa che il Feed delle Notizie sarà limitato soltanto ai post condivisi da determinate persone e non significa neppure che dovrete vedere necessariamente più contenuti degli amici. Probabilmente, vedrete i post condivisi dagli utenti con cui avete le relazioni più strette“.

In pratica, sembrerebbe quasi che gli aggiornamenti all’algoritmo portino quasi ad una restrizione della portata dei post. Il che potrebbe essere indicativo dell’importanza di questo primo aggiornamento soprattutto per i profili aziendali.

Il secondo aggiornamento riguarda invece la qualità dei contenuti nel Feed delle Notizie, e la riduzione di post e link che gli utenti hanno considerato poco validi per loro. Lo scorso mese, Facebook ha pubblicato un aggiornamento sugli sforzi che sta facendo per migliorare la qualità del Feed delle Notizie e la rilevanza dei contenuti che vengono visualizzati dalle persone sulla piattaforma.

Un lavoro che include anche sondaggi tra gli utenti, con Facebook che chiede al suo pubblico di individuare quale aggiornamento trova più utile e rilevante. Al termine di queste ricerche, la piattaforma utilizzerà i dati non tanto per determinare cosa è più rilevante per gli utenti, ma soprattutto per ridurre la portata dei contenuti meno coinvolgenti. Che è poi quello che farà il nuovo aggiornamento di Facebook.

Basandoci su questi sondaggi, stiamo aggiornando il Feed delle Notizie per mostrare alle persone i link che noi prevediamo che possano trovare utili“.

Particolare attenzione e cautela vanno quindi richieste alle Pagine, per cui si sottolinea l’importanza di evitare clickbait e di pubblicare contenuti validi, che abbiano un titolo che rispecchi quanto viene poi mostrato nel link condiviso. Stando a quanto riferito da Facebook, questo aggiornamento non ha lo scopo di ridurre la portata delle Pagine, eppure l’effetto sarà questo. Verranno infatti penalizzati i profili che pubblicano clickbait, scomparendo sempre meno nel Feed di Notizie degli utenti e lasciando spazio alle Pagine che pubblicano contenuti più utili e seri.

Per quanto sensato, il nuovo aggiornamento potrebbe avere pessime ripercussioni sui profili che hanno costruito tutto il loro business su Facebook. Basta pensare al caso “Little Things”, il profilo che è stato costretto a chiudere dopo l’aggiornamento “amici e parenti”. Little Things era infatti riuscito a riscuotere successo tra gli utenti cavalcando l’onda dell’algoritmo è condividendo post semplice che generavano moltissimi Like, commenti e Reactions. Al di là di questo, i contenuti erano proprio quelli considerati poco utili dagli utenti stessi, motivo per cui il profilo è stato poi penalizzato dagli aggiornamenti della piattaforma.

Chiaramente, il nuovo algoritmo di Facebook non aumenterà necessariamente la portata delle Pagine che pubblicano contenuti seri ed utili, ma sarà senza dubbio una bella spinta a questi post, penalizzando maggiormente i “contenuti spazzatura”. Insomma, ci sarà da aspettarsi grandi cambiamenti quanto alla portata dei contenuti sulla piattaforma. Per ora, non ci resta altro che stare ad aspettare, monitorare i cambiamenti e vedere davvero cosa succederà.

P.S. Vuoi davvero imparare il web marketing?

Il web marketing è in continua evoluzione, resta sempre aggiornato! Offriamo video corsi di web marketing in abbonamento, per garantirti tutta la formazione di cui hai bisogno in un unico spazio, senza dover perdere giornate intere alla ricerca di fonti, corsi, novità e senza spendere un patrimonio in formazione. Avrai tutto ciò che ti serve per diventare un vero specialista.

Vuoi provare gratis? Accedi subito a centinaia di lezioni gratuite.

[ via socialmediatoday.com ]
Post recenti

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.