In qualità di esperti SEO, tendiamo a mettere troppo peso sui fattori on-page di un sito web, nonché sulle attività di link building che dobbiamo svolgere per raggiungere le posizioni superiori nelle SERP. Allo stesso tempo, ci dimentichiamo (o non diamo la giusta quantità di attenzione) ai fattori “soft” di qualità che il nostro sito web deve avere al fine di ottenere un ulteriore vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti. Quindi, di seguito discutiamo alcuni fattori specifici che possono sicuramente aumentare il posizionamento di un sito web e aumentare il traffico organico.

Fattori di comportamento degli utenti

Google e altri motori di ricerca utilizzano alcuni modelli per determinare la posizione in classifica per la pagina di ogni sito web, studiando alcuni dati sul comportamento degli utenti. Alcuni dei più importanti modelli di comportamento degli utenti, dai dati che sono stati osservati, sono:

  • Il tempo trascorso in una determinata pagina (documento) riguardante una particolare query su un determinato periodo di tempo. Questo significa che se una pagina si classifica prima per una determinata query di ricerca, allora il motore di ricerca sarà in grado di tener conto del tempo medio di permanenza degli utenti nella pagina per un dato periodo di tempo. Quindi, supponiamo che nel febbraio 2017 la pagina A si classifichi prima per una determinata query di ricerca, e gli utenti restino in media 30 secondi su quella pagina. Se dopo 6 mesi il tempo medio trascorso sulla stessa pagina diminuisce di 10 secondi, i motori di ricerca possono logicamente sospettare che il contenuto della pagina sia diventato meno rilevante nel corso del tempo in relazione a questa query, e quindi cominciare a farla scendere in classifica a poco a poco.
  • CTR per ogni risultato di ricerca in relazione alla posizione in classifica. Ciò significa che, a parità di ottimizzazione, se una delle tue pagine web si classifica al terzo posto per una determinata query di ricerca con un 3% di CTR medio, è possibile che migliori la posizione di classifica passando al 4% di CTR. Al fine di raggiungere questo obiettivo, è necessario ottimizzare il tag title della pagina e la meta-description creando un annuncio accattivante che invogli a cliccare sul tuo risultato. Clicca qui e qui per ottenere maggiori informazioni riguardanti l’ottimizzazione del title e della meta-description. Inoltre, un rich snippet con la foto dell’autore consente di aumentare notevolmente la CTR (potete trovare maggiori informazioni qui).
  • Segnali social generati attraverso i social network come Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin. Si suppone che questi fattori influenzino positivamente (se non direttamente, almeno indirettamente) il posizionamento di un sito web e gli sforzi di SEO. Per ulteriori analisi clicca qui e qui.

Fattore di “freschezza” e classifiche di ricerca

A partire dall’aggiornamento Caffeine dell’algoritmo di Google, i contenuti “freschi” (se sono anche di qualità) tendono sempre più a dominare i risultati di ricerca rispetto a contenuti più vecchi. Invece di discutere se questo sia giusto o ingiusto, dovremmo concentrarci su come sfruttare il fattore di freschezza per migliorare il posizionamento del nostro sito e del traffico organico.

Prendi un vantaggio dalla freschezza sulla SERP attuando una strategia di sviluppo di contenuti coda lunga in 3 passi:

  • Sfrutta i dati della tua piattaforma di web analytics (ad esempio Google Analytics) e utilizza uno strumento per le parole chiave “coda lunga” di valore da prendere di mira.
  • Valuta la difficoltà di raggiungere posizioni elevate in tempi brevi per le parole scelte e comincia da quelle più facili.
  • Sviluppa i tuoi post del blog e il tuo materiale di content marketing prendendo di mira queste parole chiave per le quali ti potrai facilmente classificare in cima alla SERP in tempi brevi.

In conclusione

Completa i tuoi sforzi di ottimizzazione on e off-page con i fattori di qualità “soft” sopra elencati, che i motori di ricerca hanno iniziato ad utilizzare sempre di più, e vedrai migliorare la posizione in classifica del tuo sito web. Allo stesso tempo, fai in modo di non trascurare le best practice e linee guida di qualità consigliate dai motori di ricerca, che lavoreranno a tuo vantaggio. Infine, non dimenticate che nel lungo termine le azioni positive porteranno a risultati positivi.

Recommended Posts

Commenta questo articolo

Leave a Comment

Sei umano? * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.